Clausola solve et repete: esempio PDF

Formati     © Moduli.it
PDF interattivo
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Un esempio di clausola "Solve et repete", ossia una clausola che le parti inseriscono nei contratti con prestazioni corrispettive e che sostanzialmente stabilisce l'impossibilità di opporre ogni tipo di eccezione col solo fine di evitare o ritardare la prestazione. Se ci sono eccezioni, questa potranno essere sollevate solo dopo l'adempimento della propria prestazione.

Se la clausola "solve et repete" - letteralmente "paga e poi richiedi" - è contenuta nelle condizioni generali di contratto e nei contratti conclusi con moduli o formulari standard, deve essere specificamente approvata per iscritto, costituendo a tutti gli effetti una clausola vessatoria.

La clausola "solve et repete" non ha effetto per le eccezioni di nullità, di annullabilità e di rescissione del contratto (art. 1462 Codice Civile).

L'applicazione di questa clausola in materia tributaria comportava per il contribuente l’obbligo di provvedere comunque al pagamento, prima di eccepire eventuali eccezioni e presentare ricorso. Per questo motivo la Corte costituzionale, con sentenza n. 21/1961 ha dichiarato incostituzionale il principio "Solve et repete" nel diritto tributario.

Tags:  esonero responsabilit√†

Foto
Pixabay
Documenti correlati
 
Utilità