Esenzione IMU abitazione principale: PDF e istruzioni

Formati
PDF   Modello
PDF   Istruzioni per la compilazione
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

L'esenzione IMU prima casa vige per l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, in cui il possessore e i componenti della propria famiglia dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Tuttavia l'esenzione IMU abitazione principale non si applica nel caso in cui i coniugi o i componenti dello stesso nucleo familiare dimorano e hanno residenza presso due diversi immobili.

Esenzione IMU prima casa: quando è possibile fruirne

Per quanto detto in premesso sono 2 le condizioni affinché si possa si possa essere esentati dal pagamento dell'Imposta Municipale Unica, un tributo che si versa nelle casse del comune sul possesso dei beni immobiliari:

  • il possessore e il suo nucleo familiare devono avere la residenza anagrafica in quel particolare immobile;
  • gli stessi soggetti devono vivere in quello stesso immobile per la maggior parte dell’anno, ossia vi devono avere la dimora abituale

Questo significa che il sig. Rossi NON può fruire dell'esenzione IMU prima casa se ha una casa di proprietà a Pescara, ma vive in affitto a Milano per motivi di lavoro (ha qui la sua residenza).

Tutto ciò in linea generale perché ci sono poi casi specifici in cui l'immobile potrebbe essere assimilato ad abitazione principale e come tale godere dell'esenzione IMU, pur non rappresentando la sede della dimora abituale e la residenza anagrafica del suo possessore. Non solo. Lo stesso comune potrebbe prevedere l'esenzione IMU abitazione principale per particolari categorie di soggetti (anziani, disabili, ecc.) che si trovano in particolari condizioni.

Una cosa è certa: l'esenzione IMU prima casa non spetta mai quando l'edificio rientra nelle seguenti categorie:

  • A/1: abitazioni di tipo signorile;
  • A/8: abitazioni in ville;
  • A/9: castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici.

Ad ogni modo poiché il Comune è a conoscenza delle risultanze anagrafiche di ciascun cittadino, per poter fruire dell'esenzione IMU prima casa non è necessario compilare e inoltrare la dichiarazione IMU.

Esenzione IMU abitazione principale: doppia casa

Cosa succede nel caso in cui i componenti del nucleo familiare stabiliscono la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili distinti situati nello stesso comune o in comuni diversi?

In altre parole cosa accade se i due coniugi Marco e Daniela, proprietari di due immobili, hanno ad esempio dimora e residenza rispettivamente a Pescara e Roma? Secondo quanto stabilito dal D.L. 146/2021 l'agevolazione per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applica per un solo immobile: quello scelto dal contribuente

Tornando all'esempio questo significa che Marco e Daniela, i quali hanno stabilito la residenza o la dimora abituale in immobili diversi, devono scegliere a quale dei due applicare l’esenzione IMU prima casa. Il discorso non cambierebbe nel caso in cui i due immobili si trovassero nello stesso comune (Pescara o Roma).

Esenzione IMU prima casa: come comunicarlo

Ribadito il concetto secondo cui la comunicazione al comune va fatta nel solo caso in cui i membri dello stesso nucleo familiare risiedono e dimorano abitualmente in due distinti immobili di proprietà, vediamo di capire con quali modalità detta comunicazione deve essere eseguita.

La scelta dell'immobile va comunicata da Marco o da Daniela, rispettivamente al Comune di Pescara o al Comune di Roma, attraverso il modello dichiarazione IMU. Il modello con le relative istruzioni è presente in questa scheda. 

In particolare dopo aver inserito i dati anagrafici del contribuente, occorre barrare - nel riquadro riservato ai dati catastali identificativi dell'immobile - il campo 15 relativo all’esenzione. Quindi indicare nelle Annotazioni "Abitazione principale scelta dal nucleo familiare ex art. 1, comma 741, lett. b), della legge n. 160 del 2019".

La scadenza per la presentazione è quella del 30 Giugno. L'obbligo dichiarativo è a carico del contribuente che beneficia delle agevolazioni per l'abitazione principale.

Tags:  tasse casa

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Utilità