`

Come funziona il pagamento SEPA

La SEPA (Single Euro Payments Area, cioè l'Area Unica dei Pagamenti in Euro) è stata introdotta con l’obiettivo di offrire ai cittadini europei la possibilità di fare e ricevere pagamenti in euro all'interno di qualsiasi paese dell’Area con facilità, sicurezza e a costi uniformi.

SEPA: cos'è e quali sono i vantaggi

Come anticipato la SEPA è l’area unica in cui i cittadini, le imprese e gli enti, possono eseguire e ricevere pagamenti in Euro, con condizioni di base, diritti ed obblighi uniformi tra i diversi paesi aderenti.

Ciò per effetto dell'adozione, da parte di tutti i Paesi, di nuovi strumenti di pagamento comuni da utilizzare per disporre operazioni di addebito diretto e di bonifico.

Il riferimento in particolare è al SEPA Credit Transfer (SCT) o bonifico SEPA e al SEPA Direct Debit (SDD, nelle sue varianti “core” e business-to-business o “B2B”) o addebito SEPA.

I vantaggi della SEPA sono tanti, proviamo ad elencarne alcuni:

  • facilità, sicurezza e prezzi contenuti per i consumatori e le imprese dell’UE che utilizzano i servizi di pagamento all'interno dell'area Sepa;
  • facilitazione delle operazioni di interscambio fra i vari paesi grazie all'adozione di strumenti di pagamento e di incasso comuni;
  • procedure semplificate e tempi ridotti per le esecuzioni di operazioni bancarie da parte delle imprese;
  • maggiori opportunità di apertura sui mercati internazionali.

Quali paesi fanno parte dell'area SEPA

Alla SEPA aderiscono i 27 paesi dell’Unione Europea (UE), inclusi quelli non euro, e anche altri paesi non appartenenti alla UE. Per la precisione:

  • i Paesi aderenti allo Spazio Economico Europeo-EEA: Islanda, Norvegia e Liechtenstein;
  • i Paesi extra EEA: Regno Unito, Svizzera, Principato di Monaco, San Marino, Guernsay, Jersey, Isola di Man, il Principato di Andorra e la Città del Vaticano.

Come è noto dal 1 ° febbraio 2020 il Regno Unito si è ritirato dall'Unione Europea ed è diventato un “paese terzo”. In pratica il Regno Unito ha mantenuto la propria partecipazione ai Paesi dell’Area SEPA, ma non è più applicabile il regolamento che determina commissioni comuni sui pagamenti all’interno dell’Unione.

Cos'è il servizio SDD o addebito SEPA

Il Sepa Direct Debit (SDD) è uno strumento d’incasso europeo che permette, alle stesse condizioni del RID, di raggiungere tutti i conti bancari nell’area SEPA che ammettono un addebito diretto.

In altre parole l'addebito SEPA è - come il RID - un servizio di incasso basato sulla sottoscrizione da parte del debitore di un'autorizzazione a prelevare i fondi direttamente dal proprio conto (il mandato). Viene normalmente utilizzato per pagamenti di natura ricorrente, quali ad esempio la domiciliazione di gas, luce, acqua, rate di prestiti personali/finanziamenti e carte di credito, rate per abbonamenti a riviste o iniziative solidali, ecc.

Quali sono gli schemi per l'addebito SEPA

A seconda della tipologia di debitore, si distinguono due diversi modelli di addebito SEPA:

  • addebito SEPA "Core", utilizzabile indistintamente nei confronti di qualsiasi cliente debitore, dunque sia consumatore che impresa. Nel caso specifico il cliente debitore ha la possibilità di chiedere il rimborso di operazioni addebitate e riferite a mandati validamente sottoscritti, fino a 8 settimane dalla data di addebito, qualora l'importo risulti errato o l'addebito non sia, per qualsiasi altro motivo, corrispondente a quanto concordato con l'impresa creditrice;
  • addebito SEPA "Business to Business" ("B2B"), riservato esclusivamente a clienti non consumatori. In questo caso l’impresa debitrice non può in nessun caso chiedere il rimborso al creditore, se il mandato è stato validamente sottoscritto.

Entrambe le forme di addebito SEPA implicano la sottoscrizione di un mandato con il quale il cliente autorizza l'impresa e la propria banca ad addebitare il suo conto. Dal nostro portale è possibile scaricare dei fac simile di:

Da precisare che il mandato SEPA, diversamente da quanto accade con la delega RID, viene rilasciato dal debitore esclusivamente all'impresa creditrice che a sua volta avvierà la riscossione delle somme dovute attraverso la propria banca.

Bonifico SEPA: cos'è

Il bonifico SEPA (Single Euro Payments Area) è lo strumento con cui un cittadino o un'impresa può trasferire una somma di denaro da un conto corrente all'altro all'interno dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Norvegia, Liechtenstein), in Svizzera, nel Principato di Monaco o presso banche aderenti al programma SEPA. 

Chiaramente per effettuare un bonifico è necessario fornire il codice IBAN (International Bank Account Number) del beneficiario, che identifica in modo univoco il suo conto di pagamento.

Per i pagamenti internazionali serve necessariamente anche il codice BIC SWIFT. BIC è l'acronimo di Bank Identifier Code, cioè Codice di identificazione della banca. SWIFT, invece, sta per Society for Worldwide Interbank, la società che si occupa della gestione e assegnazione dei codici BIC.

Il codice BIC SWIFT è una stringa alfanumerica, fra gli 8 e 11 caratteri, associata ad una banca in modo univoco.

Dal momento dell'invio del bonifico, l'accredito sul conto del beneficiario avviene al massimo in un giorno lavorativo.

Dal nostro portale è possibile ad esempio scaricare il 

Pubblicato il 04/10/2022    12 Commenti
Documenti correlati


51110 - Redazione
12/12/2017
Arnaldo, in questo caso l'Iban non serve, ma deve farsi comunicare dal beneficiario il codice SWIFT o Codice BIC, l'indirizzo della banca su cui appoggiare il bonifico e il codice numeri ABA (quest'ultimo non sempre obbligatorio).

51080 - Arnaldo B.
07/12/2017
Come posso INVIARE un bonifico su conto corrente degli Stati Uniti?

50461 - v. alvaro
02/10/2017
Vi prego di inviarmi il modulo per attivare il pagamento tramite RID e farmi sapere a chi debbo inviare il modulo una volta compilato

47894 - G. Antonio
21/12/2016
Ho chiesto la domiciliazione da diverso tempo ma continua ad arrivarmil la fattura da pagare. Come si spiega, manca qualche cosa?

47605 - Marco
29/11/2016
Salve, oggi mi sono recato in ufficio postale per chiedere di annullare l'addebito SEPA verso H3g ma mi hanno detto che, nel caso specifico di H3g loro non possono farlo, perchè H3g non aderisce al "SEPA avanzato" e che devo richiedere la cessazione direttamente ad h3g! Alla fine sono riuscito a far bloccare il prossimo pagamento ma questa operazione vale solo per un singolo addebito. Io ha già dato disdetta a Tre ma mi arriva lo stesso la fattura da pagare, quindi non credo che chiedendo a loro l'annullamento riuscirei ad ottenere nulla. Sapete aiutarmi? Grazie.

46319 - Redazione
28/07/2016
Annamaria, certo che può revocarlo.

46311 - annamaria g.
27/07/2016
buongiorno, il modulo dell'addebito SEPA si puo revocare come il modulo RID? grazie.

44840 - Redazione
30/03/2016
Maria Luisa, sul nostro portale (lei ha postato sul blog di Moduli.it) trova solo un fac simile, se vuole il modello specifico in uso presso la sua banca le consigliamo di recarsi allo sportello, in quanto presumiamo che difficilmente potrà riceverlo via posta elettronica.

44836 - Maria Luisa B.
30/03/2016
Da circa quindici giorni vi ho comunicato il mio cambio di Banca, sia tramite FAX che con due telefonate ai vostri operatori telefonici, che mi hanno assicurato che andava tutto bene. Mentre oggi ricevo un vostra mail che mi dite che devo compilare il mod. SEPA. Siate così gentili ad inviarmelo tramite mail, perchè sul vostro sito non riesco a trovarlo. Aiutatemi a risolvere questo problema, perchè ho più di 70 anni e sono una disabile.

40342 - Redazione
06/07/2015
Michele, a cosa intende riferirsi per "modulo per il cambio numero tel"? Cogliamo l'occasione per ricordarle che per scaricare (gratuitamente) la nostra modulistica è sufficiente apporre il segno di spunta in corrispondenza della frase "Dichiaro di aver preso visione della nota informativa" e cliccare sul pulsante "Vai al modulo".


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio