Moduli.it social

Come ottenere l'esenzione dal ticket sanitario

A partire dal 2011 sono obbligatorie nuove modalità per certificare l’esenzione ticket in base al reddito per visite ed esami specialistici. La normativa attuale individua gli aventi diritto all’esenzione sulla base del reddito lordo complessivo del nucleo familiare riferito all'anno precedente.

Le classi di esenzione previste sono:
- soggetti di età inferiore a 6 anni e superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro (CODICE E01);
- disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (CODICE E02);
- titolari di pensioni sociali e loro familiari a carico (CODICE E03);
- titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (CODICE E04).

All'atto della prescrizione sul ricettario SSN (ricetta rossa) di prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, il medito prescrittore (medico di famiglia e pediatra), che possiede la lista degli esenti fornita dal sistema Tessera Sanitaria, rivela l'eventuale codice di esenzione per reddito (E01-E02-E03-E04) relativo al medesimo assistito, lo comunica all’interessato e lo riporta sulla ricetta, provvedendo in alternativa ad annullare con un segno la casella contrassegnata dalla lettera “N” (non esente) presente sulla ricetta stessa.

In sostanza nel corso del 2011, in quelle Regioni che hanno già recepito il Decreto Ministeriale 11 dicembre 2009, sarà riconosciuta l’esenzione per reddito dal pagamento del ticket solo se tale diritto è espressamente indicato nella ricetta di prescrizione di visite o esami specialistici.

L'assistito, dunque, non deve più apporre nessuna firma sulla ricetta (come accadeva in precedenza e come accade nelle Regioni in cui non sono state ancora recepite le nuove modalità).

Se un assistito ritiene di possedere i requisiti per l’esenzione al ticket per reddito, ma non compare nella lista in possesso del medico, deve rivolgersi alla propria ASL di appartenenza e ritirare l’apposito certificato di esenzione del reddito.

Tale certificato viene rilasciato a seguito di una autocertificazione scritta del paziente che dichiara di appartenere una delle classi previste per l’esenzione. Vi offriamo un fac simile con le relative istruzioni. L’autocertificazione dovrà essere resa dall’interessato (o da chi per esso ne abbia titolo) munito di un valido documento d’identità. Dovranno essere esibite le tessere sanitarie TEAM (tessera europea di assistenza malattia) sia del richiedente che dei beneficiari dell’esenzione. Nel caso in cui alla consegna dell'autocertificazione venga delegato un terzo occorre compilare anche questo modello.

La ASL è tenuta a controllare il contenuto di tutte le autocertificazioni e degli atti di notorietà, quindi anche le dichiarazioni sul reddito, verificando che sia vero quanto dichiarato.

L’autocertificazione di dati non veri è perseguibile penalmente in base all’art 76 del DPR 445/2000. Se sono stati dichiarati dati non veri, anche a distanza di anni, la persona dovrà versare tutti gli eventuali ticket indebitamente non pagati per prestazioni sanitarie di cui ha usufruito.

Qualora vengano meno i requisiti del diritto all’esenzione attestata, il certificato non è più valido e il cittadino è tenuto ad informare l’ASL di competenza. Questo il fac simile di comunicazione da utilizzare.

Pubblicato il 28/09/2011    15 Commenti
Tags: ricetta esame specialistico visita medica spesa sanitaria esenzione ticket ticket sanitario
Documenti correlati



38192 - Redazione
15/04/2015 10:29
Antonietta, per godere dell’esenzione E02 è necessario purtroppo che lei e le figlie risultiate fiscalmente a carico di un soggetto – suo marito – in condizione di disoccupazione con reddito familiare inferiore a 8.263,31 euro, incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico. Per "familiari a carico" si intendono i familiari non fiscalmente indipendenti, vale a dire i familiari per i quali l'interessato - sempre suo marito - gode di detrazioni fiscali (in quanto titolari di un reddito inferiore a 2.840,51 euro). Se questa condizione non sussisteva nel 2014 purtroppo non è possibile usufruire di questa esenzione. Le consigliamo di rivolgersi ad un patronato che possa verificare - carte alla mano - questa sua condizione, dopo di che decidere se esporre o meno ricorso alla Asl.

38180 - antonietta
15/04/2015 06:18
Buongiorno, dove posso reclamare x avere l'esenzione E02 oltre all’Asl xchè mi hanno dato E10 xchè nel 2014 non risultiamo fiscalmente a carico di mo marito, io e le bambine essendo disoccupato. Io ho delle visite al policlinico che ora devo disdire xche non posso pagare, dove posso reclamare xche non c'è lavoro e non abbiamo niente, se ho internet mi appoggio su una linea senza protezione. Datemi un consiglio per favore.

38159 - Redazione
13/04/2015 16:21
Antonietta, l'esenzione spetta al nucleo familiare. Per esso deve intendersi quello rilevante a fini fiscali (e non anagrafici), costituito dall'interessato, dal coniuge non legalmente separato e dagli altri familiari a carico. Per "familiari a carico" si intendono i familiari non fiscalmente indipendenti, vale a dire i familiari per i quali l'interessato gode di detrazioni fiscali (in quanto titolari di un reddito inferiore a 2.840,51 euro). si rivolga alla Asl di appartenenza per verificare la sua posizione.

38124 - Antonietta Coppola
13/04/2015 13:26
mio marito disoccupato dal 2009 l'esenzione e02 asl l'ha data solo a mio marito io e le tre bambine ancora minorenni E10 stiamo tutti e cinque nello stesso nucleo familiare con un reddito di 379,21 bonus dei 3 figli volevo sapere l'esenzione E02 tocca anche a noi e a chi mi devo rivolgere

38051 - giulio
10/04/2015 08:49
Sono disoccupato dal 2011 e usufruisco io e la mia famiglia dell'esenzione E02. L'anno scorso mio figlio è diventato maggiorenne e mio padre gli ha intestato un appartamento e ha cambiato solo residenza però vive con noi in un altro appartamento (di mia proprietà) a carico nostro. Mio figlio adesso può usufruire dell'esenzione E02?

36389 - Redazione
02/03/2015 09:10
Alfonso, anche se vive da solo lei è a carico dei suoi genitori, dunque va considerato, ai fini dell'esenzione, il reddito dei suoi familiari.

36357 - Alfonso
27/02/2015 11:44
Sono da svariati anni disoccupato a carico dei miei genitori e residente altrove e da solo. Qual'è il mio nucleo familiare sul quale si basa il reddito familiare? Io non ho nessuno a carico viceversa sono a carico di altri (miei familiari). In tutte le definizioni trovate non è mai menzionato che il nucleo dell'interessato (colui che chiede esenzione EO2) possa essere formato dall'interessato e le persone che lo tengono a carico. Faccio questa domanda perchè se dovessi considerare il reddito complessivo delle persone che mi tengono a carico supererei il limite di 8.263,31 previsto per gli aventi diritto Grazie per l'attenzione. i

35697 - Redazione
10/02/2015 11:43
Flavia75, i soggetti conviventi ma fiscalmente autonomi costituiscono un distinto nucleo familiare a fini fiscali.

35691 - Flavia75
10/02/2015 09:55
Buon giorno, ho una bimba di 20 gg.e non sono sposata, vivo insieme al mio convivente. Volevo sapere se il reddito e' solo mio, oppure deve essere di entrambi. Grazie.

35411 - Redazione
30/01/2015 18:12
Franco, si rechi presso il Distretto Socio-Sanitario di appartenenza e faccia una richiesta verbale, esibendo la documentazione che le hanno rilasciato.


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata