Ricorso Giudice di pace multa modello

Formati     © Moduli.it
DOC   (senza nomina di un difensore)
DOC   (con nomina di un difensore)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Modello per il ricorso al Giudice di pace contro un verbale di violazione al Codice della Strada. Il fac simile ricorso multa Giudice di pace è disponibile in due versioni, a seconda che si preveda o meno la nomina di un difensore. 

Quando utilizzare il fac simile ricorso multa Giudice di pace

Se le motivazioni che stanno alla base del ricorso sono fondate, palesi e non lasciano adito a dubbi, più che ricorrere al Giudice di Pace suggeriamo il ricorso al Prefetto. Quest'ultimo, infatti, è più agile e soprattutto meno costoso dell'altro, anche se comporta un maggior rischio per il fatto che il Prefetto quasi mai analizza il contesto, le condizioni e le variabili che hanno determinato l'infrazione, limitandosi al contrario ad acquisire la documentazione dalle forze dell'ordine e a verificarne la regolarità formale.

Ma quando si può dire che sussistono motivazioni fondate, palesi e sufficienti per un ricorso al Prefetto? Ad esempio quando la notifica multa è avvenuta oltre i 90 giorni previsti, oppure quando il mezzo era stato denunciato per furto prima ancora che si commettesse l'infrazione, oppure quando il verbale contiene evidenti vizi di forma (nessun riferimento alla norma violata, mancata indicazione dell'ora in cui è avvenuta l'infrazione, ecc.).

Diversamente nei casi in cui gli elementi del ricorso si basano su una valutazione discrezionale dell'automobilista (l'autovelox non era adeguatamente segnalato, il segnale stradale risultava divelto, l'agente ha riportato sul verbale un'errata esposizione dei fatti, ecc.), conviene raccogliere tutti i documenti di prova (foto, video, testimonianze, ecc) e chiedere di essere ascoltati da un Giudice.

Una cosa è certa: i due ricorsi sono alternativi, il che significa che non possono essere promossi simultaneamente.

Chi può proporre ricorso multa al Giudice di Pace

Il modello ricorso Giudice di pace sanzione amministrativa può essere compilato e depositato in cancelleria:

  • dal trasgressore, ossia dal soggetto che ha materialmente commesso l'infrazione;
  • dal proprietario del mezzo;
  • dagli altri obbligati in solido (se soggetti diversi dal trasgressore).

Tempi e modalità di inoltro del modulo ricorso Giudice di pace

Diciamo innanzitutto che non è possibile proporre ricorso al Giudice di Pace contro il preavviso di multa lasciato dal poliziotto sul parabrezza, ma occorre attendere la notifica del verbale. Inoltre se ci si vuole opporre è fondamentale non aver pagato la multa.

Il ricorso deve essere depositato presso l’ufficio del Giudice di Pace competente (si fa riferimento al luogo in cui è stata riscontrata l'infrazione) entro 30 giorni dalla data in cui l'infrazione è stata contestata o il verbale è stato notificato. Se abbiamo ricevuto una cartella esattoriale, il ricorso va presentato entro 30 giorni dalla sua notifica.

Se ci si è opposti al Prefetto e l'esito è stato negativo, si può proporre ricorso al Giudice di Pace sempre entro 30 giorni dalla notifica dell’ordinanza-ingiunzione.

Ci si può recare personalmente o a mezzo avvocato presso l'ufficio giudiziario o si può effettuare la spedizione tramite raccomandata a.r. In quest'ultimo caso è importante che il plico pervenga alla cancelleria entro il 30° giorno.

Cosa allegare al ricorso gdp multa

Oltre al modello ricorso multa Giudice di pace debitamente compilato (originale + n° 4 copie) occorre depositare:

  • il verbale di contravvenzione che si intende impugnare
  • la copia di un documento di identità del ricorrente;
  • (eventualmente) l'ordinanza prefettizia o la cartella esattoriale;
  • i documenti che si ritiene possano favorire la difesa (foto, testimonianze, ecc.);
  • la marca da bollo e il contributo unificato.

Quanto costa il ricorso al Giudice di pace

Il ricorso al Giudice di pace presuppone il pagamento del cosiddetto contributo unificato.

L’importo varia in funzione dell’importo della multa: 

  • ricorsi fino a 1033 euro contributo di 43 euro;
  • ricorsi da 1033,01 a 1100 euro contributo di 43 euro + marca da bollo;
  • ricorsi da 1100,01 a 5200 euro contributo di 98 euro + marca da bollo;
  • ricorsi da 5200,01 a 15.493,71 euro contributo di 237 euro + marca da bollo.
L'importo della marca da bollo è di 27 euro.

Il pagamento del contributo unificato può essere effettuato:

  • mediante bollettino postale;
  • tramite modello F23;
  • in tabaccheria.

Cosa fa il GdP dopo aver ricevuto il ricorso

Il Giudice di Pace richiede innanzitutto al corpo di polizia che ha elevato la contravvenzione di depositare in cancelleria - almeno 10 giorni prima della data in cui è stata fissata l'udienza - copia del verbale e di tutti gli atti utili per una corretta ed esaustiva valutazione del caso.

Al termine dell'udienza il GdP può - in merito al ricorso - decidere se:

  • dichiararlo inammissibile;
  • accoglierlo;
  • accoglierlo solo in parte (in pratica riducendo la sanzione);
  • rigettarlo.

In quest'ultima ipotesi generalmente viene imposto al ricorrente il pagamento entro 30 giorni dalla notificazione della sentenza

  • di una sanzione di importo ricompreso tra il minimo e il massimo stabilito dalla legge per la violazione accertata;
  • delle spese del procedimento nonché delle spese legali della controparte.

Contro la sentenza del Giudice di pace si può fare appello rivolgendosi al Tribunale.

Tags:  contravvenzione

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità