Modulo di domanda di definizione agevolata controversie tributarie

Formati
PDF   Modello di domanda e Istruzioni
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Descrizione

Modulo di domanda di definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti (articolo 11 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96) - Fonte: www.agenziaentrate.gov.it

Il presente modello di domanda deve essere utilizzato dai contribuenti che intendono definire le controversie tributarie in cui è parte l’Agenzia delle Entrate, pendenti in ogni stato e grado del giudizio, mediante il versamento delle somme dovute al netto delle sanzioni collegate ai tributi e degli interessi di mora.

La definizione agevolata Agenzia delle Entrate rientra con la rottamazione cartelle ter 2019 e con il saldo e stralcio cartelle esattoriali, nel progetto della cosiddetta "pace fiscale".

La domanda deve essere presentata in via telematica entro il 31 Maggio 2019.

Il modello risulta costituito da:

  • frontespizio, contenente l’informativa relativa al trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
  • quadro “CODICE DELL’UFFICIO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE COMPETENTE”, destinato a individuare l’Ufficio che è parte nel giudizio e che è competente in ordine all’istruttoria del contenzioso al momento della presentazione della domanda di definizione;
  • quadro “DATI IDENTIFICATIVI DEL RICHIEDENTE”, destinato all’indicazione dei dati anagrafici del soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio in primo grado;
  • quadro “RISERVATO A CHI PRESENTA LA DOMANDA PER ALTRI”, relativo all’indicazione dei dati identificativi del soggetto che presenta la domanda in luogo dell’interessato, in quanto subentrato o altrimenti legittimato;
  • quadro “DATI DELLA CONTROVERSIA TRIBUTARIA PENDENTE”, in cui vanno indicati i dati necessari ad individuare la controversia pendente oggetto di definizione, l’atto impugnato, le somme dovute, tenuto conto degli importi già versati in pendenza del giudizio e di quelli dovuti, già versati e da versare;
  • quadro “FIRMA DELLA DOMANDA”, riservato alla sottoscrizione da parte del soggetto che presenta la domanda;
  • quadro “IMPEGNO ALLA PRESENTAZIONE TELEMATICA”, che deve essere compilato e sottoscritto dall’intermediario che trasmette la domanda di definizione.

Per gli approfondimenti sull'argomento ti consigliamo la lettura dell'articolo "Quanto si risparmia con la definizione agevolata delle controversie tributarie".

Tags:  rateizzazione tasse fisco

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità