Rimborso Play Store per libri, film, servizi, giochi e abbonamenti

rimborso Google Play, rimborso Play Store

Oggi c’è un app per fare qualsiasi cosa: ascoltare musica, prenotare viaggi, modificare foto, pagare il parcheggio, conoscere persone nuove, controllare il meteo, giocare, accedere al proprio conto in banca e altro ancora. Molte app sono gratuite e molte altre a pagamento. Cosa accade se acquisti un’app al posto di un'altra, oppure se non funziona, o ancora se dopo averla scaricata ti accorgi che non vale i soldi che hai speso per averla? Se hai un dispositivo Android (Samsung, Asus, BlackBerry, Huawei, Lenovo, ecc.) potresti beneficiare del rimborso Google Play. Il condizionale è d'obbligo in quanto il rimborso può avvenire solo a determinate condizioni. Vediamo insieme quali.

Politiche di rimborso app Google Play Store

Le modalità, le tempistiche e le condizioni per ricevere il rimborso Google Play sono sempre disponibili online, nella guida di Google Play.

Prima di iniziare a descriverti le diverse modalità utili ad inoltrare la richiesta rimborso Google Play, è giusto, per una questione di trasparenza e onestà, anticiparti che per la maggior parte degli acquisti Google Play non prevede rimborsi (a meno che la App non funzioni o la descrizione fornita non sia corretta). Tu però non scoraggiarti e continua a leggere le indicazioni che troverai nelle prossime righe: potresti essere un’eccezione alla regola!

Se ti trovi all'interno dello Spazio Economico Europeo (SEE) e hai acquistato una app dopo il 28 marzo 2018 puoi seguire le indicazioni contenute in questo articolo, mentre se hai effettuato un acquisto prima del 28 marzo o non ti trovi in un paese che fa parte dello SEE, puoi consultare la guida ufficiale di Google, aprendo questo link https://support.google.com/googleplay/answer/2479637.

Rimborso Play Store: come funziona

Dopo la doverosa introduzione, possiamo finalmente vedere come chiedere rimborso Google Play. Ci sono due modalità fondamentali:

  • richiedere un rimborso sul sito web di Google Play
  • richiedere l'assistenza dallo sviluppatore della App, nel caso in cui questa fosse in garanzia.

Come ottenere il rimborso di un acquisto effettuato su Google Play

Puoi effettuare la richiesta di rimborso sia da computer, sia da dispositivi Android, sia da dispositivi Apple.

1. Richiesta di rimborso tramite computer

Quello che devi fare è

  1. collegarti alla pagina https://play.google.com/store/account,
  2. scorrere in basso e accedere alla sezione "Cronologia ordini",
  3. individuare l'ordine che vuoi restituire, 
  4. cliccare sull’icona raffigurante i 3 puntini (...),
  5. selezionare una fra le due voci: “Richiedi il rimborso” o “Segnala un problema”,
  6. compilare il modulo esplicitando la volontà di chiedere il rimborso.

Al termine della procedura devi inoltrare la richiesta. Subito dopo visualizzerai questo messaggio: "Ti ringraziamo per aver segnalato il problema".

Il team di Google ti invierà a breve un'email con l’esito della procedura: in genere questa arriva nel giro di 15 minuti, tuttavia nel caso in cui la problematica lo richiedesse, potrebbero volerci fino a 2 giorni lavorativi.

2. Richiesta di rimborso tramite dispositivi Android

Inizia aprendo un browser web (come Chrome o Safari) sul tablet o sul telefono, quindi

  1. collegati a questo indirizzo https://play.google.com/store/account,
  2. seleziona la voce "Cronologia ordini" e cerca l'ordine che vuoi restituire,
  3. fai tap sulla voce “Altro” ( ) e poi seleziona una delle due opzioni “Richiedi il rimborso” o “Segnala un problema”,
  4. compila il modulo assicurandoti di selezionare la richiesta di rimborso.

Dopo aver terminato la procedura Google ti invierà questo messaggio: “Ti ringraziamo per aver segnalato il problema". Da lì a poco riceverai un'email con l’esito della procedura. Solitamente ci vogliono solo 15 minuti, ma nei casi più complessi la richiesta potrebbe essere processata in massimo 2 giorni lavorativi.

3. Richiesta di rimborso tramite dispositivi Apple

Scegli il browser che preferisci e collegati all’indirizzo https://play.google.com/store/account, possibilmente facendo copia e incolla. Quindi:

  • fai tap su "Cronologia ordini",
  • cerca l'app di cui vuoi chiedere il rimborso,
  • seleziona “Altro” ( ) e poi
  • seleziona una delle seguenti voci “Richiedi il rimborso” o “Segnala un problema”.

A questo punto compila il modulo di richiesta, assicurandoti di esprimere la volontà di chiedere il rimborso e inoltralo al sistema informatico.

Anche in questo caso otterrai un riscontro da Google nel più breve tempo possibile.

Se la App è stata acquista sul principale store concorrente, non ti resta che leggere il post dedicato al rimborso App Store

Tieni in considerazione che con questa procedura puoi chiedere il rimborso di più app contemporaneamente: ti basterà ripetere tutti questi passaggi per ogni ordine.

Come avere rimborso Google Play tramite sviluppatore

Se l'applicazione disponibile su Play Store è stata realizzata da terze parti terzi, puoi contattare lo sviluppatore nel caso in cui tu avessi una domanda relativa all’applicazione oppure se il prodotto acquistato non funziona, non è come te lo aspettavi o se non l'hai ricevuto affatto.

Puoi eseguire la procedura tramite computer o tramite un dispositivo Android e ora ti illustreremo passo dopo passo come fare.

1. Chiedere assistenza allo sviluppatore tramite computer

Apri Google Play, cerca l’app di cui vorresti il rimborso e selezionala cliccando sopra l’icona. Scorri verso il basso fino alla sezione "Ulteriori informazioni", quindi cerca quelle relative ai contatti dello sviluppatore.

2. Chiedere assistenza allo sviluppatore tramite dispositivi mobili Android

Apri l’app Google Play Store, cerca l’app di cui vorresti avere il rimborso e selezionala, così da aprire la pagina relativa ai Dettagli, poi fai tap su “Leggi tutto”. Scorri la schermata verso il passo per consultare le informazioni di contatto elencate.

Se chiedi il rimborso su Android TV, invece, dovresti aprire l'app Google Play Store, cercare l’app che ti interessa, selezionare la voce “Descrizione completa”, dunque cercare le informazioni di contatto dello sviluppatore. Dopo aver ottenuto le informazioni di contatto potrai inoltrargli la richiesta di rimborso.

Per svolgere correttamente la procedura, ti consigliamo di fornirgli le seguenti informazioni:

  • il nome dell’applicazione;
  • il problema riscontrato (l’app non funziona correttamente, non ha le funzionalità citate nella descrizione, ecc.)
  • cosa desideri (richieste d’assistenza o di rimborso).

Se lo sviluppatore è una persona seria ed affidabile sicuramente ti darà una risposta in breve tempo: nello specifico egli ha fino a 3 giorni lavorativi per elaborare la tua richiesta e dargli un esito.

Se sarai soddisfatto del servizio ricevuto, puoi lasciare un feedback positivo scrivendo una recensione pubblica dell'app sul Play Store. In caso contrario, puoi comunque lasciare una recensione pubblica, illustrando pacatamente quali sono stati i motivi del disservizio subito.

Diritto di recesso e rimborso Play Store

La Guida di Google Play dichiara che per legge hai il diritto di recesso dai contenuti e dai servizi digitali acquistati online. C’è da dire, tuttavia, che le tempistiche e le modalità sono diverse per ogni tipo di acquisto. Andiamo ad approfondire questo aspetto.

Per quanto riguarda i contenuti digitali come app, giochi, articoli in-app, film o musica, avresti il diritto di recedere dal contratto di acquisto. Tuttavia con l'acquisto accetti che i contenuti siano immediatamente disponibili, rinunciando di fatto al diritto di recesso. È per questo che si può ottenere un rimborso Google Play solo se il contenuto digitale acquistato è difettoso, non disponibile o non conforme alla descrizione.

Se hai sottoscritto un abbonamento per contenuti digitali, ma non vuoi più utilizzarlo, puoi annullarlo. In questo modo potrai accedere liberamente ai contenuti fino allo scadere del periodo di validità, ma eviterai che questo si rinnovi addebitando ulteriori costi.

Veniamo ora ai servizi digitali: anche su questi, per legge, hai il diritto di recedere entro i 14 giorni successivi all’acquisto. Ad esempio, se compri un servizio di archiviazione di file o di redazione del bilancio familiare, puoi esercitare il diritto di ripensamento sancito dagli articoli 52 e successivi del Codice del consumo e ottenere il rimborso Google Play completo.

Trascorsi i 14 giorni non sarà più possibile avanzare richieste di rimborso, a meno che i servizi non risultino difettosi, non disponibili o non conformi alla descrizione. Anche in questo caso è possibile annullare eventuali abbonamenti sottoscritti, continuando però a beneficiare dei servizi digitali fino al termine del periodo di validità.

Rimborso Giochi Google Play

Se hai acquistato un gioco a pagamento, ma dopo averlo testato ti accorgi che non ti piace, puoi chiedere il rimborso. Google dispone a titolo di cortesia il rimborso completo per app e giochi acquistati sul Play Store, a patto che l'articolo venga restituito entro 2 ore.

Rimborso Google Play Film

Se hai acquistato un contenuto di Google Play Film hai fino a 7 giorni di tempo per chiedere il rimborso della somma impiegata per l’acquisto. Purtroppo perderai il diritto al rimborso nel caso in cui tu abbia cominciato a guardarlo.

Al contrario, se il file risulterà essere difettoso, non disponibile o non funzionante, sarai libero di richiedere un rimborso in qualsiasi momento.

Chiaramente dopo aver ottenuto il rimborso, i contenuti verranno rimossi dal tuo dispositivo, dunque non potrai più visionarli.

Rimborso Google Play Musica

Se hai acquistato un abbonamento a Google Play Musica, non potrai ottenere il rimborso da Google, ma al contrario potrai annullare l’abbonamento. Così facendo avrai la possibilità di goderti i contenuti digitali fino al termine del periodo di validità.

Per quanto riguarda, invece, il rimborso di singoli brani e album devi sapere che se hai già scaricato o riprodotto musica in streaming non riceverai il rimborso da Google; cosa che invece può accadere nel caso in cui il file in questione fosse difettoso o non funzionante. I brani non scaricati e non riprodotti, invece, potrebbero esserti rimborsati (a seconda dei casi) entro sette giorni lavorativi dall'acquisto.

Rimborso Google Play Libri

Se hai acquistato un e-book che non funziona, puoi richiedere un rimborso a Google Play entro 65 giorni dall'acquisto.

Al contrario, se il contenuto non ha problemi, ma vuoi comunque chiedere il rimborso del titolo acquistato, puoi fare richiesta entro 7 giorni dalla data in cui l’hai comprato. Chiaramente con la restituzione e il conseguente rimborso, il libro verrebbe rimosso dalla raccolta e dunque tu non potresti più leggerlo.

I noleggi invece non possono mai essere rimborsati.

Rimborso Google Play Edicola

Su Google Play Edicola si possono acquistare sia abbonamenti, sia singoli numeri di riviste, magazine, e così via.

A questo proposito devi sapere che i singoli numeri di riviste non sono rimborsabili, a meno che non siano difettosi o non funzionino proprio.

Gli abbonamenti possono essere annullati in qualsiasi momento, oppure possono essere rimborsati, ma solo in presenza di queste condizioni:

  • se non riesci ad accedere ai contenuti, dunque non puoi fruire del servizio acquistato
  • se annulli un abbonamento (mensile, trimestrale, semestrale, annuale e così via) entro i primi 7 giorni.

Purtroppo non sono rimborsabili gli abbonamenti attivi e quelli già scaduti. Chiaramente se otterrai un rimborso Google Play non potrai più fruire dei contenuti in questione, perché verranno automaticamente rimossi dal dispositivo.

Rimborso carte regalo, saldi prepagati e abbonamenti

Le carte regalo e altri contenuti prepagati acquistati su Google Play non potranno essere rimborsati, a meno che non sia reso obbligatorio per legge.

Se acquisti un abbonamento tramite l’account Google, invece, puoi annullarlo in qualsiasi momento. In più, nel caso in cui non riuscissi ad accedere ai contenuti, potresti chiedere il rimborso.

In linea generale, poi, devi sapere che se decidessi di annullare un abbonamento (mensile, trimestrale, semestrale, annuale, ecc.) entro le prime 48 ore, Google ti rimborserà il costo del mese in cui lo annulli.

Tempi per ottenere il rimborso

Di regola i rimborsi Google Play vengono accreditati sul metodo di pagamento che hai utilizzato per effettuare l'acquisto in origine. Le tempistiche necessarie al riaccredito del denaro variano proprio in base al metodo di pagamento:

  • Carta di credito o di debito: 3-5 giorni lavorativi
  • Fatturazione con l'operatore di telefonia mobile (pagamento anticipato): 1-30 giorni lavorativi
  • Fatturazione con l'operatore di telefonia mobile (pagamento posticipato): 1-2 estratti conto mensili
  • Saldo di Google Play (carta regalo o saldo del credito): 1 giorno lavorativo
  • Online banking: 1-10 giorni lavorativi
  • PayPal: 3-5 giorni lavorativi.
In ogni caso puoi controllare lo stato del rimborso sul tuo account Google Payments.

Cosa fare in caso di problemi con il riaccredito

Lo riteniamo davvero poco probabile, tuttavia nel caso in cui Google non accettasse la richiesta di rimborso, ad esempio rispetto ad un prodotto che appare difettoso, non conforme o non funzionante, potresti tutelare i tuoi diritti attraverso la Piattaforma ODR (Online Despute Resolution).

Di cosa si tratta? È una piattaforma, dunque un semplice portale, in cui puoi inoltrare un ricorso e tentare di risolvere la controversia senza il coinvolgimento di giudici e avvocati. Questo strumento, gestito dalla Commissione Europea, ha lo scopo di offrire assistenza ai consumatori che hanno effettuato acquisti online, ma non hanno vissuto un’esperienza positiva.

Per intraprendere la procedura di ricorso puoi visitare il sito www.ec.europa.eu/consumers/odr.

Documenti correlati



Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio