Lettera sollecito pagamento affitto: ecco come scriverla

Formati     © Moduli.it
DOC   lettera sollecito bonario pagamento affitto
DOC   lettera sollecito pagamento affitto doc
DOC   lettera di messa in mora per mancato pagamento affitto
DOC   lettera di diffida e messa in mora per mancato pagamento affitto
DOC   fac simile lettera sollecito pagamento canone di locazione
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

In questa scheda rendiamo disponibili per il download 5 modelli, tutti in formato DOC, che il locatore/proprietario dell'appartamento può utilizzare come fac simili lettera sollecito pagamento affitto nei confronti del proprio inquilino.

Quando inviare un sollecito pagamento affitto

Pagare alle scadenze prestabilite il canone pattuito nel contratto di locazione è uno degli obblighi dell'inquilino.

Ricordiamo in proposito che l'affitto può essere pagato in contanti, mediante bonifici, assegni o ricariche di carte prepagate. Tuttavia se l'importo del canone supera i 2.999,99 euro è necessario utilizzare strumenti di pagamento tracciabili (leggi il post sul "pagamento affitto in contanti").

Contestualmente al pagamento l'inquilino può richiedere al proprietario la quietanza di pagamento del canone o ricevuta di affitto. Ricevuta che assume una particolare rilevanza in caso di pagamento in contanti.

Se l'inquilino senza alcun motivo non paga le rate del canone di locazione, il proprietario trascorso il termine di scadenza previsto dal contratto, può inviargli - senza neppure il sostegno di un legale - una lettera sollecito pagamento affitto.

Nella fattispecie può trattarsi di un sollecito bonario di pagamento dell'affitto o di una formale costituzione in mora, ai sensi dell'art. 1219 del Codice Civile.

In entrambi i casi la finalità è quella di offrire una opportunità al conduttore e cercare di raggiungere un accordo extragiudiziale, così da evitare le spese e le lungaggini derivanti da un ricorso in Tribunale.

Cosa riportare sulla lettera sollecito pagamento affitto

Da premettere che i modelli presenti in questa scheda possono essere utilizzati indipendentemente dal fatto che la locazione riguardi immobili destinati ad uso abitativo o immobili destinati ad uso commerciale.

La lettera, oltre alle generalità del proprietario e dell'inquilino, deve riportare:

  • i dati identificativi dell'immobile oggetto di locazione (è sufficiente riportare l'indirizzo dell'abitazione);
  • la data di sottoscrizione del contratto;
  • il periodo per il quale non risultano i pagamenti;
  • l'importo totale a debito.

Sulla lettera va applicata una marca da bollo da 2 euro.

Come inviare la lettera sollecito pagamento affitto 

Per avere una prova dell’avvenuta ricezione da parte destinatario, è opportuno che la lettera venga spedita dal locatore tramite raccomandata con avviso di ricevimento o recapitata all'inquilino mediante raccomandata a mano.

Questo aspetto assume particolare rilevanza nel caso in cui, non ottenendo il pagamento di quanto dovuto, il proprietario intenda procedere per vie legali.

Se il proprietario è in possesso di una PEC può inoltrare il sollecito anche attraverso questa modalità, a condizione erò che anche l'inquilino sia in possesso di una casella di posta certificata.

Cosa accade se il sollecito pagamento affitto non sortisce effetti

In questo caso il proprietario può intimare all'inquilino lo sfratto e chiedere al giudice di emettere nei suoi confronti un'ingiunzione di pagamento per i canoni non pagati.

A tal proposito è bene ricordare che lo sfratto per morosità può essere intimato all'inquilino anche per il mancato pagamento di una sola rata di canone. L'importante è che il ritardo accumulato sia di almeno di 20 giorni.

Anche in questo caso, comunque, l'inquilino ha la possibilità di saldare il debito accumulato ed evitare così di presentarsi davanti al giudice. Non solo. Il Giudice in particolari circostanze (inquilini disoccupati o in cassa integrazione, nuclei familiari con pesone disabili, ecc.) può concedere un ulteriore periodo entro cui saldare la morosità ("termine di grazia").

Tags:  sfratto messa in mora locazione affitto

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità