Come richiedere il certificato del casellario giudiziale

certificato casellario giudiziale, certificato del casellario giudiziale autocertificazione

Che cos'è il certificato del casellerio giudiziale

Il certificato del casellario può essere Generale, Penale o Civile. Il certificato generale riporta le sentenze passate in giudicato a carico del richiedente in materia penale, civile ed amministrativa. Può servire per le assunzioni da parte di Pubbliche Amministrazioni, per la richiesta del permesso di soggiorno, per le pratiche di adozione, ecc.

Il certificato penale contiene i provvedimenti penali di condanna definitivi ma non riporta le condanne pronunciate dal giudice di pace, quelle per contravvenzioni punibili con la sola ammenda o per le quali è stato concesso il beneficio della “non menzione”, così come le condanne per reati estinti.

Il certificato civile, infine, contiene i provvedimenti relativi alla capacità della persona (interdizione giudiziale, inabilitazione, interdizione legale, amministrazione di sostegno), i provvedimenti relativi ai fallimenti (i quali non sono più iscrivibili dal 1°gennaio 2008) e i provvedimenti di espulsione.

Chi può richiederlo

La richiesta del certificato del casellario giudiziale può essere presentata dalla persona interessata, senza la necessità di precisare l'uso a cui è destinato il certificato stesso. Questo il fac simile di domanda per il rilascio del certificato del casellario giudiziario.

All'atto della presentazione va esibito un documento di identità valido che può essere sostituito da un documento di riconoscimento equivalente quale: passaporto, patente di guida, patente nautica, libretto di pensione, porto d’armi o tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e rilasciate da un’amministrazione dello Stato.

La richiesta può essere presentata anche tramite un delegato provvisto di documento di identità; in questo caso alla domanda dovrà essere allegata fotocopia completa e leggibile di un documento d’identità del richiedente.

In caso di minori la domanda va presentata dal genitore esercente la potestà genitoriale, mentre per gli interdetti, la domanda va presentata dal tutore (allegare il decreto di nomina).

Il certificato del casellario giudiziale può essere richiesto anche dalle pubbliche amministrazioni e dai gestori di pubblici servizi, quando il certificato è necessario per l’espletamento delle loro funzioni e dall’autorità giudiziaria penale, che provvede direttamente alla sua acquisizione.

Il certificato ha una validità di 6 mesi dalla data di rilascio.

Dove può essere richiesto

Il certificato del casellario giudiziale può essere richiesto a qualunque ufficio del casellario presso la Procura della Repubblica, indipendentemente dal luogo di nascita o di residenza dell'interessato.

Quali sono i costi

Questi i costi che occorre sostenere:
- 1 marca da bollo da 16 euro;
- 1 marca per diritti da 3,68 euro se il certificato è richiesto senza urgenza;
- 1 marca per diritti da 7,36 euro se il certificato è richiesto con urgenza.

Il rilascio del certificato del casellario giudiziale è gratuito se viene richiesto in occasione di controversie di lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria, di procedure di adozione, affidamento di minori e affiliazione oppure nei casi in cui la persona è ammessa a beneficiare del gratuito patrocinio.

Quando si può ricorrere all'autocertificazione

Questo certificato, se presentato agli organi della Pubblica Amministrazione (Regione, Comuni, ecc.) o a società che gestiscono pubblici servizi (aziende municipalizzate, Poste, Enel, ACI, Aziende del Gas, Rai, Ferrovie dello Stato, Telecom, Società Autostrade, ecc.), può essere sostituto con una dichiarazione sostitutiva del casellario giudiziale ai sensi dell’art. 46 del D.lgs 28/12/2000 n° 445 (autocertificazione).

I cittadini non appartenenti alla Unione Europea sono ammessi a tali dichiarazioni solo se in possesso del permesso di soggiorno non scaduto. L’ufficio è esentato da ogni responsabilità per le false dichiarazioni rese dagli interessati o da terzi (art. 73 D.P.R. 445/2000).

Documenti correlati



49073 - Alessandro
18/04/2017
Salve! Se adesso mi trovo all'estero posso fare la richiesta nell'ambasciata dove mi trovo adesso?

49035 - Redazione
12/04/2017
Andrea, un documento di riconoscimento in corso di validità.

49022 - andrea
12/04/2017
Quali sono i documenti che occorre portare con se quando si richiede il certificato dei carichi pendenti e del casellario giudiziario ?

48844 - Redazione
28/03/2017
Alberto, si il certificato è quello; i costi sono all'incirca quelli che abbiamo riportato.

48812 - Alberto
24/03/2017
Salve. Una ditta mi ha richiesto il Certificato Penale e dei Carichi Pendenti. Il Certificato Penale sarebbe il Casellario Giudiziale Generico? Vorrei sapere se gli importi, ad oggi, sono rimasti invariati. Ringrazio anticipatamete per la cortese risposta.

48772 - Redazione
20/03/2017
Giulia, nei confronti di enti pubblici - come nel caso del MIUR - può far ricorso all'autocertificazione.

48756 - e. giulia
17/03/2017
Salve. Per lavorare come assistente di italiano all'estero mi chiedono il certificato del casellario giudiziale e quello dei carichi pendenti. Trattandosi del MIUR posso ricorrere all'autocertificazione? Grazie.

48730 - Redazione
15/03/2017
Arianna, il certificato in questione può richiederlo in qualunque ufficio del casellario presso la Procura della Repubblica, indipendentemente dal suo uogo di nascita o di residenza.

48722 - Arianna V.
14/03/2017
E per quanto riguarda la richiesta del casellario giudiziario italiano per lavorare in aereoporto in svizzera, posso chiedere alla posta? Oppure al tribunale di dove sono residente?

48073 - Redazione
17/01/2017
Vincenzo, le Poste italiane sono un soggetto privato, come tale non sono tenute ad accettare la sua autocertificazione, al contrario di un ufficio della pubblica amministrazione.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata