Contratto di commissione: esempio editabile

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
PDF interattivo   fac simile (b)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Fac simile contratto di commissione che ha per oggetto l'acquisto o la vendita di determinati prodotti per conto del committente e in nome del commissionario (1731 Cod. Civ.).

Contratto di commissione: cos'è

La commissione è un contratto mediante il quale una parte, detta commissionario, si obbliga ad acquistare o vendere beni in nome proprio e per conto del cliente (committente). 

La commissione è un mandato senza rappresentanza e si distingue dal mandato con rappresentanza per il fatto che non viene fatto il nome del mandante (committente). Dunque mentre il negozio concluso dal mandatario con rappresentanza produce i suoi effetti direttamente in capo al mandante, quello posto in essere dal commissionario produce i suoi effetti giuridici nel patrimonio dello stesso commissionario, occorrendo un ulteriore atto giuridico per riversarli nel patrimonio del committente.

Il commissionario può concedere dilazioni di pagamento, a meno che il committente non abbia disposto altrimenti. Se nonostante il divieto il commissionario concede dilazioni di pagamento al cliente, il committente può esigere da lui il pagamento immediato, ma il commissionario può beneficiare dei vantaggi che eventualmente derivano dalla concessa dilazione (art. 1732 Codice Civile).

La commissione è sempre onerosa e il compenso si chiama provvigione. Il commissionario può essere tenuto, in virtù di patto o di uso, al c.d. star del credere, e cioè a garantire il buon fine dell'affare concluso: risponderà con il proprio patrimonio qualora il contraente da lui contratto risulti inadempiente e, pertanto, assumerà la qualità di fideiussore avendo diritto, altresì, ad una maggiore provvigione. 

E' possibile che il commissionario entri nel contratto (art. 1735 c.c.): se la commissione ha per oggetto la vendita o l'acquisto di titoli o merci aventi un prezzo corrente, il commissionario può rispettivamente comperarli o fornirli, salvo comunque il suo diritto alla provvigione.

Infine se le condizioni di mercato mutano a tal punto da modificare le prospettive circa il buon esito dell'affare, il committente può revocare l'ordine di concludere. Tuttavia la revoca dell'ordine deve pervenire al commissionario prima che l'affare sia compiuto. In tal caso spetta al commissionario una parte della provvigione, che si determina tenendo conto delle spese sostenute e dell'opera prestata (1734 C.C.).

Contratto di commissione: esempio pratico

E' un contratto di commissione, ad esempio, quello in base al quale una agenzia assume l'impegno di gestire nel mercato cinese la commercializzazione di uno spumante prodotto da una azienda vitivinicola italiana. 

Un altro esempio è rappresentato dalle compravendite stipulate dai concessionari delle case automobilistiche.

Tags:  rappresentante procura

Foto
Pixabay
Documenti correlati
 
Utilità