PEC disdetta Fastweb: istruzioni e modelli

Formati
DOC   modulo per recesso - fac simile (a)
PDF   modulo per recesso - fac simile (b)
PDF   modulo per “diritto di ripensamento” offerta mobile
PDF   modulo per “diritto di ripensamento” offerta fissa
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Da questa scheda puoi scaricare i modelli con cui comunicare la disdetta Fastweb PEC. I modelli per la precisione sono tre: due per l'esercizio del diritto di ripensamento e uno per il recesso dal contratto. Tutti i modelli possono essere trasmessi con la modalità della Posta Elettronica Certificata.

Disdetta Fastweb PEC: quando va comunicata

Il recesso dal contratto può essere comunicato in svariate occasioni:

  • nel lasso di tempo - 14 giorni dalla sottoscrizione - in cui per legge è possibile esercitare il diritto di ripensamento, ossia chiedere l'annullamento del contratto senza fornire motivazioni e senza essere tenuto al pagamento di alcun costo o penale (a mano che non sia stato esplicitamente richiesto che la prestazione del servizio avesse inizio durante il periodo di 14 giorni);
  • in caso di decesso dell'intestatario del contratto;
  • in caso di modifiche unilaterali di contratto;
  • quando l'intestatario del contratto intende cessare definitivamente la fornitura perché ritiene di non averne più bisogno del servizio.

Con riferimento particolare a quest'ultimo punto ricordiamo che nel caso in cui si intenda richiedere il passaggio verso un altro operatore che magari offre condizioni più vantaggiose, mantenendo il proprio numero di telefono, non si dovrà compilare nessuno dei moduli presenti in questa scheda, ma sarà sufficiente contattare un nuovo operatore e avviare per il suo tramite il processo di migrazione

Il codice di migrazione o di portabilità, da fornire in tal caso al nuovo operatore, è disponibile in fattura o in MyFastweb. In alternativa può essere richiesto anche al Servizio Clienti.

Disdetta Fastweb Pec: gli indirizzi

L'indirizzo PEC da utilizzare per le comunicazioni di recesso è il seguente: fwgestionedisattivazioni@pec.fastweb.it.

Nel caso in cui sia stata sottoscritta un'offerta congiunta Sky e Fastweb, il recesso andrebbe comunicato all'indirizzo PEC skyitalia@pec.skytv.it.

E' importante che anche il mittente, vale a dire il soggetto che comunica il recesso, disponga di una casella PEC. Infatti l'invio da un indirizzo di posta normale non assumerebbe alcun valore legale.

Dopo aver compilato, stampato e firmato il modulo, non resta che scansionarlo e allegarlo in formato "pdf" alla mail unitamente alla fotocopia di un valido documento di riconoscimento.

Alternative alla disdetta Fastweb PEC

Chi non avesse una casella PEC potrebbe far ricorso a modalità alternative di disdetta del servizio. Ecco quali:

  • inviando una raccomandata A/R all'indirizzo Fastweb SpA, Casella Postale 126 - 20092 Cinisello Balsamo (MI). In caso di offerta congiunta Sky e Fastweb la raccomandata A/R va spedita a Sky Italia S.r.l., c/o Casella Postale 13057, 20130 Milano;
  • recandosi personalmente presso un negozio Fastweb;
  • contattando il Servizio Clienti Fastweb 192.193;
  • attraverso l'Area clienti MyFastweb https://fastweb.it/myfastweb/accesso/login;
  • utilizzando la chat whatsapp disponibile da device.

Cosa comporta la disdetta Fastweb PEC

Chiariamo innanzitutto che gli effetti connessi alla disdetta Fastweb sono gli stessi indipendentemente dalla modalità utilizzata.

Per la dismissione del servizio il cliente è tenuto al pagamento dei costi di disattivazione. Nel momento in cui scriviamo tali costi ammontano a 29,95 € IVA inclusa, ma potrebbero variare nel corso del tempo per cui il consiglio è di consultare sempre il sito ufficiale Fastweb - Sezione "Trasparenza tariffaria" (https://www.fastweb.it/adsl-fibra-ottica/trasparenza-tariffaria).

Inoltre se vi è stata l'adesione ad una offerta promozionale, Fastweb avrà il diritto di richiedere la restituzione degli sconti nel caso in cui non sia stata rispettata la durata minima contrattuale.

Inoltre in caso di recesso prima del pagamento di tutte le rate previste in relazione al contributo di attivazione (93,60 € pagabile in 48 rate da 1,95 €), il cliente sarà tenuto a versare le rate mancanti.

Infine in caso di cessazione del contratto per la fornitura dei servizi, gli apparati in possesso del cliente (Modem FASTGate), e concessi dalla compagnia a titolo di comodato d'uso o noleggio, dovranno essere restituiti a Fastweb nei modi e nei tempi stabiliti, oltre che perfettamente integri. Diversamente al cliente potrà essere addebitata una penale

Leggi il post di approfondimento sulla restituzione modem Fastweb.

Tags:  disdetta telefonica

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità