Fac simile domanda registrazione marchio

Formati
PDF   Richiedente
PDF   Rappresentante
PDF   Mandatario
PDF   Foglio aggiuntivo 1
PDF   Foglio aggiuntivo 2
PDF   Foglio aggiuntivo 3
PDF   Foglio aggiuntivo 4
PDF   Foglio aggiuntivo 5
PDF   Istruzioni
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Da questa scheda si può scaricare il modulo MA-RI, ovverossia il modello in formato PDF editabile con cui richiedere la registrazione del marchio, con gli annessi allegati. La stessa documentazione è scaricabile dal sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (www.uibm.gov.it).

Cos'è un marchio e perché registrarlo

Il marchio d'impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o servizi che un'impresa produce o mette in commercio, vietandone l'uso da parte di terzi per prodotti o servizi identici o affini. Chiaramente il marchio non è l'unico segno distintivo, ne esistono altri quali la ditta, la ragione o denominazione sociale, l’insegna, il nome a dominio e così via.

Possono costituire oggetto di un marchio d'impresa registrato tutti i nuovi segni suscettibili di essere rappresentati graficamente, in particolare le parole, compresi i nomi di persona, i disegni, le lettere, le cifre, ma anche i suoni, la forma del prodotto o della confezione di esso, le combinazioni o le tonalità cromatiche, ecc. Questo significa che può esserci un marchio figurativo, denominativo, sonoro, tridimensionale, olografico, multimediale, ecc.

L'importante è che il marchio

  • abbia capacità distintiva (ad esempio non è possibile registrare come marchio "Centro sportivo Milano" per un'attività che ha sede nel capoluogo lombardo);
  • sia lecito (ad esempio non è possibile registrare un marchio il cui disegno riproduce l'inequivocabile forma a croce uncinata).

Non possono costituire oggetto di registrazione:

  • gli stemmi e gli altri segni considerati nelle convenzioni internazionali vigenti in materia, nei casi ed alle condizioni menzionate nelle convenzioni stesse, nonché i segni contenenti simboli, emblemi e stemmi che rivestono un interesse pubblico, a meno che l'autorità competente non ne abbia autorizzato la registrazione;
  • i segni idonei ad ingannare il pubblico, in particolare sulla provenienza geografica, sulla natura o sulla qualità dei prodotti o servizi;
  • i segni il cui uso costituirebbe violazione di un altrui diritto di autore, di proprietà industriale, o altro diritto esclusivo di terzi;
  • i ritratti delle persone senza il consenso delle medesime, i nomi di persona diversi da quello del richiedente se il loro uso sia tale da ledere la fama ed il decoro di chi ha il diritto di portare tali nomi;
  • i segni identici o simili ad un segno già noto come ditta, denominazione o ragione sociale, se da ciò possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico a causa dell'affinità di prodotti o servizi.

Prima di registrare un marchio

Prima di procedere con la registrazione occorre verificare che il marchio sia nuovo. Per far questo basta effettuare una ricerca sulle banche dati degli uffici che registrano i marchi:

Modulo MA-RI: quando utilizzarlo

Come anticipato in premesso il modello va compilato nel caso in cui si intenda presentare una domanda di registrazione marchio d impresa.

Il modulo MA-RI può essere depositato presso una qualsiasi Camera di Commercio, oppure può essere inviato direttamente attraverso il nuovo sistema on line dell'U.I.B.M. In alternativa la domanda può essere spedita a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno all'indirizzo Ufficio Italiano Brevetti e Marchi – DIV VIII – Via Molise, 19 – 00187 ROMA.

Quando si registra un marchio occorre

  • indicare la classe di riferimento e
  • descrivere l'elenco dei prodotti e/o servizi che si intendono tutelare utilizzando preferibilmente la terminologia ufficiale della Classificazione di Nizza.

E’ possibile chiedere la registrazione del marchio in più classi. I costi variano a seconda del numero delle classi indicate. 

Il deposito si effettua in CCIAA presentando 1 originale e 2 copie del modulo e una immagine del marchio su foglio bianco. In questa scheda sono presenti anche le istruzioni per il deposito di una domanda di registrazione di marchio d’impresa.

La tutela si estende al solo territorio italiano. Se si vuole estendere la tutela all'intero territorio dell’Unione Europea occorre effettuare un deposito di domanda di marchio UE (MUE), direttamente presso l’Ufficio europeo EUIPO (https://euipo.europa.eu/ohimportal/it).

La durata del marchio è decennale a partire dalla data di deposito della domanda; la registrazione può essere rinnovata per un analogo periodo purchè la domanda venga presentata entro i 12 mesi precedenti la scadenza del decennio in corso, o nei 6 mesi successivi con l'applicazione di una sopratassa. Sul nostro portale, oltre che sul sito dell'Uibm, è disponibile tutta la modulistica per il

Modulo registrazione marchio camera di commercio: chi può utilizzarlo

La domanda registrazione marchio d'impresa può essere presentata da chiunque: persona fisica, persona giuridica, associazioni, enti etc, compresi i minorenni, anche stranieri purché domiciliato in uno dei Paesi UE. Possono essere titolari di un marchio anche più soggetti.

La domanda può essere presentata direttamente dal titolare, il quale può decidere di farsi rappresentare da un consulente in proprietà industriale iscritto all’ordine (mandatario) oppure da un avvocato iscritti all’ordine. Il conferimento dell’incarico deve avvenire sempre per iscritto e può essere fatto attraverso una lettera d’incarico o procura generale.

Alternativa all'utilizzo del modulo MA-RI

Chi non volesse utilizzare la modalità cartacea appena descritta, potrebbe far ricorso alla modalità telematica. Questa la pagina da consultare: https://uibm.mise.gov.it/index.php/it/deposito-titoli/deposito-telematico.

In questo caso occorre registrarsi e disporre della firma digitale. L’immagine del marchio d'impresa va riportato su un file e caricata nella sezione apposita. Per quanto riguarda la marca da bollo, invece, non occorre far altro che riportare in piattaforma il numero seriale e la data di emissione della marca acquistata.

Con l'inoltro della domanda, il richiedente la registrazione si vedrà recapitare dall'UIBM - via email - il mod. F24 “Versamento con elementi identificativi” precompilato per il pagamento della tassa.

Disponibile anche la procedura telematica fast-track (https://uibm.mise.gov.it/index.php/it/deposito-di-un-marchio-il-mise-avvia-la-procedura-rapida) che porta con se due vantaggi:

  1. la pubblicazione della domanda in tempi ridotti (almeno due mesi in meno); 
  2. la riduzione della possibilità di errori nelle domande.

Tags:  marchi e brevetti

Documenti correlati
 
Utilità