Modulo di richiesta subentro Wind per telefonia fissa e mobile

Formati
PDF   modulo subentro Wind clienti residenziali
PDF   modulo subentro Wind Tre Business
PDF   modulo subentro Wind Mobile
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Descrizione

I documenti disponibili in questa scheda contengono la modulistica utile per effettuare la richiesta di subentro Wind, ovvero l’operazione che modifica il nome del soggetto a cui è intestata la linea telefonica senza disdire il contratto o sospendere l’erogazione del servizio. Nello specifico è possibile scaricare gratuitamente 

  • il modulo di subentro Wind per la linea fissa e la connessione ADSL o Fibra di clienti residenziali
  • il modulo di subentro Wind per la linea fissa e la connessione ADSL o Fibre di clienti aziendali
  • il modulo per la cessione del contratto Mobile Wind.

Subentro linea Wind fissa

In questo paragrafo le indicazioni utili con cui i clienti residenziali e i clienti business possono effettuare il subentro Wind. Il subentro Wind presuppone una procedura semplicissima: ad effettuarla sarà il subentrante, ovvero il soggetto che “prende il posto” del precedente intestatario. Per modificare il nome del titolare del contratto occorre scaricare uno il documento qui presenti in formato PDF, compilarlo in ogni sua parte con i dati richiesti, allegare la copia di un documento d’identità in corso di validità e spedire il tutto tramite posta raccomandata con avviso di ricevimento. L’indirizzo a cui inoltrare la richiesta di subentro Wind, indipendentemente dal fatto che il subentro riguardi il cliente residenziale o il possessore di partita Iva, è il seguente:

Wind Tre S.p.A.
Casella Postale 14155
Ufficio Postale Milano 65
CAP 20152 Milano (MI).

Se il subentrante dispone di una casella PEC (Posta Elettronica Certificata), può inviare il tutto all'indirizzo "servizioclienti155@pec.windtre.it".

Come compilare il modulo subentro linea fissa clienti residenziali

Il modulo subentro Wind privati deve essere compilato dal cedente e dal cessionario. I due soggetti devono collaborare alla redazione della modulistica, altrimenti la richiesta non potrà essere accolta. Le prime informazioni da inserire riguardano la data della richiesta e il codice del contratto da modificare, successivamente la redazione del documento sarà divisa in tre parti fondamentali. La prima parte del modulo deve contenere i dati anagrafici del soggetto cedente (cognome, nome, indirizzo, estremi del documento d’identità e codice fiscale) e le informazioni relative alla numerazione telefonica fissa di cui si autorizza il subentro.

La seconda parte del modulo, invece, deve essere compilata dal subentrante, ovvero il nuovo intestatario della linea telefonica. Costui dovrà inserire i propri dati anagrafici (cognome, nome, indirizzo, estremi del documento d’identità e codice fiscale) e assumersi formalmente la responsabilità della linea telefonica che intende intestarsi. Poi egli potrà procedere alla compilazione della terza parte del modulo, che è dedicata al metodo di pagamento richiesto per le fatture da quel momento in avanti: carta di credito, bollettino postale o autorizzazione di addebito su conto corrente.

E' molto importante allegare alla richiesta di subentro Wind una copia dei documenti di riconoscimento (carta di identità, patente o passaporto) del cedente e del subentrante, gli stessi i cui estremi sono stati riportati sul modulo. Se il subentro Wind avviene per decesso dell'intestatario, occorre allegare il certificato di morte oppure un’autocertificazione a cura dell'erede, con cui si attesta il decesso del precedente intestatario del contratto e il rapporto/grado di parentela con il defunto. Nel caso di richiesta di subentro fra persone che appartengono allo stesso nucleo familiare è necessario allegare l’autocertificazione che attesti lo stato di convivenza.

In caso di richiesta subentro Wind Fibra, la compagnia consiglia - prima di compilare il modulo - di contattare il Servizio clienti 155 al fine di verificarne la fattibilità tecnica.

Come compilare il modulo di subentro clienti business

Il modulo subentro Wind Tre business, ossia riservato ad aziende, professionisti e più in generale ai possessori di partita Iva, va redatto da entrambi i soggetti coinvolti nella procedura: cedente e cessionario. Va innanzi tutto specificata la data della richiesta e il codice del contratto a cui si fa riferimento, poi il soggetto che cede il proprio contratto di telefonia fissa aziendale deve compilare la prima scheda in alto, inserendo i dati dell’azienda e quelli del legale rappresentante (ragione sociale, indirizzo, recapiti, codice fiscale aziendale e numero di Partita Iva).

La seconda scheda va compilata dal cessionario, ovvero colui che richiede formalmente il subentro, il quale dovrà fornire i dati dell’azienda e del legale rappresentante. In seguito quest’ultimo dovrà formalmente assumersi la responsabilità della linea oggetto di subentro. La terza ed ultima scheda riguarda il metodo di pagamento con cui verranno saldate le fatture a partire dalla presa in carico del subentro.

Subentro utenza Wind: tempi

Per modificare il contratto è necessario innanzi tutto che la comunicazione giunga al destinatario; da quel momento la richiesta verrà presa in carico dal Servizio Clienti che provvederà alla modifica del nominativo entro pochi giorni. È possibile verificare l’esito della procedura contattando la Wind o tramite il ricevimento della fattura: la bolletta, infatti, dovrà essere intestata al soggetto subentrante, ovvero colui che ha redatto la richiesta. In caso contrario vuol dire che ci sono stati dei problemi: è possibile chiedere spiegazioni segnalando il ritardo mediante una comunicazione formale a Wind. Ulteriori informazioni a riguardo sono disponibili nella guida dedicata al reclamo Wind.

Subentro Wind: costo

Qualora il subentro avesse esito positivo, Wind addebiterà i costi dell’operazione. Sul sito ufficiale la compagnia informa i clienti che i costi delle operazioni di subentro Wind vengono addebitati sulla prima bolletta utile, che sarà naturalmente intestata al nuovo titolare del contratto. L’indennità di subentro è pari a 20 euro IVA inclusa. Attenzione perché nei casi di successione mortis causa, o quando il subentro avviene fra persone conviventi nello stesso nucleo familiare, l’indennità di subentro non è prevista, dunque non verrà addebitata in fattura.

Subentro Wind Mobile

Il modulo subentro Wind mobile, o meglio, la cessione del contratto Wind Mobile avviene in modo molto simile a quanto descritto qui sopra. A cambiare, naturalmente, è il modulo di richiesta che è contraddistinto dal colore azzurro invece che dal classico arancio e riporta la dicitura “Proposta di Cessione del Contratto Mobile”.

Anche in questo caso la richiesta deve essere redatta dall’attuale intestatario del contratto e dal soggetto che vi subentra. Il modulo va spedito da quest’ultimo al solito indirizzo:

Wind Tre S.p.A. 
Casella Postale 14155
Ufficio Postale Milano 65
CAP 20152 Milano (MI).

Il documento per la cessione del contratto mobile è il medesimo per clienti consumatori e clienti aziendali, con la sola differenza che la cessione operata da persone giuridiche deve essere formalizzata inserendo nella modulistica anche i dati dell’azienda e quelli del legale rappresentante.

Come compilare in questo caso il modulo di subentro Wind? Come al solito il documento presenta tre schede principali, di cui la prima deve essere compilata dal soggetto che cede il contratto; la seconda deve essere redatta dal soggetto che intesta a suo nome la Sim Wind e che compila anche la terza, relativa ai metodi di pagamento prescelti per sostenere i costi dell’abbonamento.

I documenti da produrre in allegato al modulo di cessione sono i seguenti:

  • copia di un documento d’identità valido;
  • copia del Codice Fiscale;
  • in caso di Libero Professionista/Artigiano occorre una copia del certificato d’iscrizione alla CCIAA o una copia del certificato di attribuzione della partita IVA emesso da non oltre 6 mesi;
  • in caso di Imprese occorre una copia del certificato d’iscrizione alla CCIAA o il certificato di attribuzione della partita IVA emesso da non oltre 6 mesi, oppure dell’atto costitutivo della Società.

Tags:  subentro wind

Documenti correlati
 
Social
 
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Utilità