Come recedere da una multiproprietà: fac simile Doc, Pdf

Formati
DOC   fac simile (a)
PDF
DOC   fac simile (b)
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Descrizione

Fac simile in formato editabile da utilizzare nel caso in cui si intenda comunicare il recesso dal contratto di multiproprietà.

Recesso multiproprietà: perché comunicarlo

I motivi per cui ad un certo punto si decide di recedere dal contratto di multiproprietà sono tanti: la difficoltà di continuare a sostenere spese annue di gestione via via più elevate, i costi aggiuntivi legati all'inserimento nei circuiti di scambio nazionali ed internazionali, i rischi di fallimento delle società di gestione e via discorrendo.

Disfarsi della propria quota, tuttavia, non è sempre così agevole, anche perché le società di gestione della multiproprietà non sono obbligate a riprendere indietro la quota. Detto questo è sempre consigliabile fare un tentativo.

Ultimamente sono perfino subentrate delle agenzie specializzate in grado di "assicurare" (si fa per dire) la vendita o comunque la cessione della quota. Ma in un mercato che resta asfittico, l'unica certezza è data dalle parcelle salate richieste da questi intermediari.

Quando recedere da una multiproprietà

Stando a quanto previsto dall’art. 73 del Codice del Consumo chi possiede una multiproprietà ha 14 giorni per recedere dal contratto, senza specificare il motivo e senza pagare alcuna penale.

Tale termine decorre

  • dal giorno della conclusione del contratto definitivo o del contratto preliminare;
  • dal giorno in cui il consumatore riceve il contratto definitivo o il contratto preliminare, se posteriore alla data di firma.

Va detto, tuttavia, che qualora il venditore non fornisca al consumatore il foglio informativo, la copia del regolamento e ogni altra informazione pre-contrattuale, il cliente può esercitare il diritto entro il termine di 3 mesi e 14 giorni dalla conclusione o ricezione del contratto. 

Addirittura il periodo di recesso sale ad 1 anno e 14 giorni se, in occasione della sottoscrizione del contratto, l’operatore non ha compilato e consegnato al consumatore, su carta o altro supporto durevole, il formulario di recesso previsto dall’art. 72 dello stesso Codice.

Tale formulario è stato previsto dalla legge proprio per agevolare l'esercizio del diritto di recesso.

Se il formulario è stato consegnato al consumatore entro 1 anno dalla data di sottoscrizione del contratto, il periodo di recesso inizia a decorrere dal giorno in cui il consumatore ha ricevuto tale formulario.

Come recedere da una multiproprietà

La comunicazione di recesso deve essere inviata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine previsto.

Essa può essere inviata, entro lo stesso termine, anche mediante telegramma, telex e fax, a condizione che sia confermata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le quarantotto ore successive. Fa fede il timbro postale.

In caso di controversie, la legge prevede il c.d. foro del consumatore.

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità