Segnalazione violazioni Registro Opposizioni: modulo e istruzioni

Formati
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Modulo in formato PDF editabile con cui segnalare al Garante della Privacy la ricezione di telefonate pubblicitarie nonostante l'utenza risulti regolarmente iscritta al Registro Pubblico delle Opposizioni.

Perché iscriversi al Registro Opposizioni

Se il proprio numero è presente negli elenchi telefonici pubblici e non si desidera più essere contattato da call center e operatori di telemarketing per sondaggi, offerte commerciali o ricerche di mercato, ci si può opporre alle telefonate indesiderate iscrivendo gratuitamente la numerazione della quale si è intestatari al Registro Pubblico delle Opposizioni. Questo è il 

E' importante rilevare che iscrivendosi al Registro è possibile bloccare le telefonate indesiderate nel caso in cui il numero e l'indirizzo postale ad esso associato siano presenti sull'elenco telefonico (Pagine Bianche), non anche quando i dati siano stati raccolti dall’operatore attraverso fonti diverse (es. sottoscrizione di un contratto di finanziamento, carta di credito, fidelity card, ecc.) e l'utente abbiamo fornito il proprio consenso al trattamento.

L'iscrizione nel Registro è a tempo indeterminato e revocabile senza alcuna limitazione. Chi non si iscrive ed è presente negli elenchi telefonici, in base al principio del silenzio-assenso autorizza di fatto le società a continuare ad effettuare telefonate commerciali.

L'iscrizione nel registro decade automaticamente ogni qualvolta si cambia l'intestatario o interviene una cessazione dell'utenza.

Violazioni Registro Opposizioni: cosa fare

Per quanto detto al paragrafo precedente l’utilizzo dei dati presenti negli elenchi telefonici pubblici per finalità commerciali è consentito all'operatore di telemarketing solo previa verifica dei contatti presenti nel Registro Pubblico delle Opposizioni. Il gestore del registro, infatti, provvede a eliminare dall'archivio i dati di coloro che hanno manifestato l’opposizione alla ricezione della pubblicità telefonica e cartacea.

Ma come comportarsi se pur avendo esercitato il diritto il opposizione alla pubblicità tramite l'iscrizione al Registro si continui a ricevere pubblicità indesiderata tramite telefono o posta cartacea?

In una situazione del genere la prima cosa da fare è verificare che 

  • l'iscrizione al Registro sia avvenuta in modo corretto. A tal fine basta chiamare il numero verde 800 265 265;
  • non sia stato dato il consenso al trattamento dei propri dati per finalità di marketing a soggetti terzi che utilizzano fonti diverse dagli elenchi telefonici pubblici (ad esempio in occasione di un acquisto o di una pratica di credito al consumo). 

Se l'iscrizione è stata effettuata correnttamente e non risulta conferito uno specifico consenso al trattamento dei propri dati personali per le medesime finalità, allora ci si può rivolgere al Garante per la Privacy attraverso la compilazione e l'invio del modello presente in questa scheda.

Registro delle Opposizioni reclami: recapiti da utilizzare

Diciamo innanzitutto che nel modulo occorre specificare:

  • date e orari in cui si ricevono le telefonate;
  • società/ditta che effettua la telefonata pubblicitaria (indicare nome/ragione sociale della ditta/società, indirizzo o città della sede);
  • prodotto/offerta/promozione oggetto della telefonata;
  • numero di telefono del chiamante.

Una volta compilato il modello può essere inviato

  • via e-mail all'indirizzo protocollo@gpdp.it;
  • via PEC all'indirizzo protocollo@pec.gpdp.it;
  • tramite posta a: Garante per la protezione dei dati personali - Piazza Venezia 11 - 00187 Roma;
  • via fax al numero 06.696773785.

Cosa fare se non risulta alcuna violazione Registro Opposizioni

Se si continuano e ricevere chiamate nonostante l'iscrizione al Registro Pubblico delle Opposizione è perché con tutta probabilità è stato conferito il consenso al trattamento dei dati personali per finalità di marketing proprio al soggetto terzo da cui si ricevono telefonate.

In una simile situazione è bene sapere che:

  • la società di telemarketing è tenuta, su richiesta dell’utente, a comunicare la fonte da cui ha estratto il numero di telefono e/o l'indirizzo di posta;
  • l'utente, ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 in materia di protezione dei dati personali, può revocare in ogni momento il consenso dato a terzi per finalità di marketing, semplicemente compilando ed inviando questo modulo di richiesta di accesso ai dati personali. Se neppure la revoca sortisce effetti, l'utente può proporre un reclamo Garante Privacy ai sensi dell'art. 77 del Regolamento stesso.

Tags:  truffe privacy

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità