10 elementi che rendono il curriculum inefficace

curriculum

Molto spesso alcuni “segnali di debolezza” possono fare la differenza e svantaggiare il tuo curriculum. Scopri quali sono e come correggerli.

Se vuoi entrare nel mondo del lavoro e sei alle prese con la redazione dei primi curricula, è assolutamente normale incappare in qualche piccolo errore che ne condiziona il feedback. Per aiutarti a non commetterne abbiamo redatto diversi articoli, tra cui “Come scrivere un curriculum” e “Curriculum vitae: gli errori da evitare”. Col passare del tempo, l’esperienza e l’impegno che dedicherai al curriculum ti aiuteranno ad ottenere risultati di volta in volta migliori. Qualora, invece, ti capitasse di ricevere un numero imprecisato di “Le faremo sapere” ed uno davvero esiguo di risposte positive, è possibile che ci siano imprecisioni gravi a causa delle quali la tua presentazione venga irrimediabilmente cestinata. In questo caso ti consigliamo di dedicare 5 minuti alla lettura di questo articolo, così da capire quali sono i 10 elementi che, secondo i responsabili delle assunzioni, condizionano negativamente il curriculum, impedendoti di essere richiamato per un colloquio.

1. Dati strettamente personali

A meno che tu non stia cercando un lavoro che presupponga il possesso di alcune specifiche caratteristiche fisiche (come hostess, modelli, attori e comparse), evita di inserire nel curriculum vitae dati strettamente personali come altezza, peso, stato civile, data di nascita e fotografie. Queste, infatti, sono informazioni che non interessano alla maggior parte dei datori di lavoro, i quali cercano ben altro tipo di contenuto.

2. Riferimenti politici e religiosi

Anche i dati sensibili come l’orientamento politico e la fede religiosa devono rimanere assolutamente fuori dal curriculum vitae e dalla lettera di presentazione che allegherete ad esso. Come nel caso precedente, si presume che al datore di lavoro non interessi a quale partito siate iscritti o quale squadra di calcio sosteniate o in quale dio crediate. Dare informazioni non richieste ed appartenenti alla vostra vita privata di certo non vi assicura un colloquio di lavoro.

3 .Errori di battitura, layout disordinato, linguaggio informale

Ti sembrerà assurdo ma un curriculum su due contiene un errore di battitura, un refuso grammaticale, un abbreviazione o l’uso di un linguaggio improprio. La forma è un aspetto molto importante del curriculum, poiché descrive il tuo modo di essere, veicola la tua proprietà di linguaggio ed annuncia le tue capacità all’azienda o alla persona che lo legge. In primo luogo ti consigliamo di scegliere un form chiaro ed ordinato, come quello proposto da Europass, di modo da organizzare i contenuti e non fare confusione. Sul nostro portale troverai anche le istruzioni per la compilazione del modulo. In secondo luogo ti invitiamo a scrivere in maniera formale, ricordando che ti stai presentando ad una persona che nel migliore dei casi sarà il tuo superiore. In terzo luogo raccomandiamo un’attenta revisione del documento, rileggendolo più volte prima di inviarlo al destinatario.

4. Le parole abusate

Diverse ricerche hanno dimostrato che numerosi curricula vengono cestinati ogni giorno perché ritenuti tutti uguali. Questa considerazione deriva dal fatto che ci sono parole fin troppo ricorrenti, talmente usate da logorare il loro significato e svantaggiare il candidato. Tra queste ci sono termini come “problem solving” e “multitasking”, ma anche “creativo” e “dinamico”. Per conoscerle tutte ti invitiamo a leggere: “Come scrivere un curriculum: 10 termini da evitare”.

5. Bugie ed esagerazioni

Ogni qualvolta ti attribuisci un aggettivo, specie se esalta le tue capacità e le tue doti, deve essere comprovato da elementi reali e concreti, ovvero i dati riferiti alla tua formazione e alle tue esperienze lavorative precedenti. In questo modo dimostrerai al tuo datore di lavoro di essere una persona sincera ed affidabile, escludendogli ogni possibilità di ritenere che il tuo curriculum sia stato abbellito o “gonfiato”.

6. Attenzione all’indirizzo email

Hai un indirizzo di posta elettronica che hai aperto da giovane, e che magari include un nomignolo? Non inserirlo nel curriculum, bensì aprine un altro che abbia una parvenza più professionale. Scegli un indirizzo come mario.rossi@mail.it piuttosto che uno come grandepuffo@mail.it, la tua reputazione ringrazierà.

7. Referenze

Riportando i contatti del tuo precedente datore di lavoro sul tuo curriculum puoi inconsapevolmente complicarti la vita e addirittura fare brutte figure. Immagina, per esempio, di inviare curricula mentre sei ancora assunta presso il tuo attuale datore di lavoro, al quale non hai comunicato la decisione di cercare un nuovo impiego: può capitare che un nuovo papabile datore di lavoro chieda informazioni sul tuo operato al precedente, causando una situazione di imbarazzo generale. Per questo motivo ti consigliamo di non includere alcun tipo di contatto, a parte il tuo personale: se, dopo il primo colloquio, il tuo intervistatore riterrà opportuno avere delle referenze, spetterà a lui chiedertele.

8. Licenziamenti e dimissioni precedenti

Parlare dei motivi che hanno portato alla conclusione dei precedenti rapporti di lavoro non è consigliato. Il curriculum vitae è un riassunto della tua formazione e della tua esperienza lavorativa, non un saggio riguardante la tua vita. Come abbiamo già detto in precedenza, evita di fornire informazioni non richieste; lascia, al massimo, che sia il tuo intervistatore a chiederti il motivo delle dimissioni o del licenziamento.

9. Riferimenti alla retribuzione

Un altro argomento assolutamente fuori luogo in un curriculum è quello riguardante la retribuzione. Che siano somme percepite in passato o aspettative future, è sempre meglio trattare l’argomento dopo aver effettuato almeno un colloquio faccia a faccia.

10. Lacune temporali

Quelli che comunemente vengono definiti come “GAP YEAR” ovvero le lacune temporali, possono condizionare la tua vita lavorativa. Spesso, se il datore di lavoro nota nel tuo curriculum un’interruzione lavorativa di un anno o più, è tentato di pensare al peggio possibile. Per questo motivo evita le lacune temporali giustificando, qualora sia possibile, l’impiego di un lungo lasso di tempo nel quale non hai lavorato. Raccomandiamo, inoltre, una scrupolosa attenzione all’esattezza delle date riportate sul curriculum, riportando, se non il giorno, almeno il mese e l’anno di inizio e il mese e l’anno di conclusione delle esperienze pregresse.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata