Ubi Banca blocco carta: fac simile modulo WORD, PDF

Formati     © Moduli.it
DOC
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Il fac simile proposto in questa scheda serve per segnalare alla filiale della banca emittente che è stato predisposto il blocco bancomat Ubi, così da tutelarsi da addebiti fraudolenti ed ottenere il rilascio di una nuova carta.

Ubi Banca blocco carta: i numeri da chiamare

Se la carta di credito o di debito viene smarrita o rubata occorre telefonare subito al numero predisposto dall'istituto Ubi Banca. Nello specifico, i possessori delle carte di credito, di debito e prepagate (Hybrid, Libra, Libramat, I WANT TUBI', Enjoy, Like, On Card) possono chiamare

  • dall’Italia il numero verde 800.500.200 e
  • dall’estero il numero +39.030.24.71.209 (a pagamento).

I possessori di carta di credito Kalìa invece devono comporre

  • il numero 800.20.71.67 se chiamano dall’Italia o
  • il numero +39.0432.74.41.06 se chiamano dall’estero.

Chi ha una carta Nexi, S€mpre, eMONEY può chiamare

  • il numero verde 800.15.16.16 dall’Italia,
  • il +39.02.34.98.00.20 dall’estero o
  • l’1.800.47.36.896 dagli USA.

Inoltre chi possiede:

  • una Carta Nova Findomestic può chiamare i seguenti recapiti: 800.254.762 dall’Italia o +39.055.32.32.242 dall'estero;
  • un’American Express può telefonare al numero 06.72.900.347 dall’Italia, lo 011.800.263.92.279 da USA, Canada e Australia, lo 018.001.231.690 dal Messico o l’+800.263.92.279 da altri paesi;
  • una carta Bankamericard può contattare il numero 800.20.71.67 dall’Italia o il +39.0432.74.41.06 dall’estero;
  • una carta Diners deve chiamare l’800.86.40.64 dall’Italia o il +39.06.32.13.841 dall’estero.

1° Step: richiesta blocco carta Ubi

Si consiglia ai clienti di Ubi Banca ed in generale a chiunque abbia perso o smarrito la propria carta di pagamento elettronica di telefonare immediatamente ai numeri predisposti dalla banca e procedere così al blocco.

Il motivo è molto semplice: prima si blocca la carta, più efficacemente ci si tutela da eventuali addebiti fraudolenti. Se vengono effettuate delle spese non autorizzate DOPO la segnalazione e la richiesta di blocco, la banca dovrà farsene carico (ad esclusione di una franchigia di 150 euro) mentre se gli addebiti avvengono PRIMA del blocco, purtroppo saranno a carico del titolare della carta.

2° Step: denuncia alle forze di Polizia

Dopo aver telefonato ad uno dei numeri sopra esposti ed aver provveduto efficacemente al blocco carta Ubi occorre recarsi presso il comando di Polizia o Carabinieri più vicino (se ci si trova all’estero occorre presentarsi all’ambasciata o al consolato Italiano del luogo) e sporgere una regolare denuncia di furto o smarrimento della carta di pagamento.

L'agente di turno provvederà a redigere un verbale e a rilasciarne copia al denunciante. Quest'ultimo dovrà conservarla con cura e successivamente presentarla o inoltrarla alla filiale della banca che ha emesso la carta. 

3° Step: presentare il modulo blocco bancomat Ubi Banca

Per concludere efficacemente la procedura e chiedere l’emissione di una nuova carta Ubi Banca con i relativi codici PIN è necessario recarsi presso la filiale in cui è stata rilasciata la carta o dove è intrattenuto il rapporto di conto corrente collegato alla carta.

Ci si può presentare di persona in banca, se la filiale è facilmente raggiungibile, o al contrario si può inviare il modulo scaricabile da questa scheda  tramite posta raccomandata con ricevuta di ritorno. 

Ubi blocco bancomat: come compilare il modulo

Il modulo proposto in questa sede deve essere compilato avendo cura di inserire le seguenti informazioni:

  • recapiti della banca e del soggetto richiedente
  • numero della carta bancomat
  • data di scadenza della carta
  • dati personali del titolare della carta
  • data, ora e numero di telefono utilizzato per richiedere il blocco del bancomat
  • giorno, ora e Comando di Polizia/Carabinieri presso il quale è stata sporta denuncia
  • data e firma.

In allegato al presente modulo, poi, occorre presentare:

  • la copia di un documento d’identità in corso di validità;
  • la copia della lista movimenti;
  • la copia della denuncia effettuata presso le autorità competenti.

In caso di addebiti sospetti che inducano il titolare della carta a pensare che la stessa sia stata clonata, sarebbe opportuno utilizzare questo modulo di contestazione addebiti con bancomat al posto del fac simile presente nella scheda. 

Attenzione, perché sia in caso di clonazione, sia in caso di furto o smarrimento della carta, la banca potrebbe negare il rimborso. Questa ipotesi, tuttavia, è da temere solo se si palesano (e la banca ne ha le prove) comportamenti inappropriati, come la comunicazione del pin a terze persone, la conservazione dello stesso insieme alla carta e così via.

Tags:  truffe bancomat banche

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità