Cosa fare in caso di deterioramento della targa

deterioramento targa , sostituzione targa deteriorata

Se i dati di una o entrambe le targhe della tua auto non sono chiaramente leggibili o semplicemente la targa è andata distrutta, è necessario che tu richieda la reimmatricolazione e la reiscrizione al PRA del veicolo. Diversamente sarai soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa da 41 a 168 euro. I rischi aumentano se decidi di oscurare o manomettere volutamente le targhe della tua auto allo scopo di non prendere le multe quando passi con il semaforo rosso o ti immetti in una ZTL o quando sfrecci a tutta velocità in barba all'autovelox. In proposito leggi quanto abbiamo scritto in questo articolo: "Targhe auto oscurate o manomesse: ecco cosa si rischia". Ma torniamo al nostro argomento e vediamo cosa fare esattamente in caso di deterioramento o distruzione della targa.

Deterioramento targa: cosa fare

Per richiedere la reimmatricolazione e la reiscrizione al PRA del veicolo, puoi recarti indifferentemente presso gli Uffici Provinciali ACI-PRA, gli Uffici Provinciali del Dipartimento dei Trasporti Terrestri (DTT), le delegazioni ACI o le agenzie di pratiche automobilistiche abilitate e presentare:

- la targa o le targhe deteriorate;
- la carta di circolazione;
- il Mod. TT 2119 debitamente compilato per la richiesta di re-immatricolazione;
- il modulo di richiesta di rinnovo di iscrizione al PRA - Modello NP2 - su cui indicare il codice fiscale dell'intestatario;
- il certificato di proprietà;
- la fotocopia di un documento di identità/riconoscimento dell'intestatario;
- la denuncia di smarrimento, furto o distruzione delle/a targhe/a resa alle autorità di Polizia o dichiarazione sostitutiva di resa denuncia;
- l'eventuale targa rimasta;
- la dichiarazione sostitutiva di certificazione di residenza dell'intestatario, qualora la residenza non sia riportata sul documento presentato
- la dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante per attestare la sede della persona giuridica (questo se l'intestatario del mezzo è una società, ente, associazione, etc.);
- la copia del permesso di soggiorno in corso di validità; oppure copia del permesso di soggiorno scaduto con allegata la copia della ricevuta postale attestante l'avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo; oppure fotocopia del documento di identità e fotocopia della ricevuta attestante la presentazione dell'istanza di primo rilascio; oppure copia del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (questo se l'intestatario del veicolo è un cittadino extracomunitario residente in Italia);
- la copia della carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell'Unione Europea oppure copia della carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei (se l'intestatario è un familiare extracomunitario di un cittadino dell'Unione Europea residente in Italia).

Se la richiesta non è presentata direttamente dall'intestatario del veicolo, occorre una delega alla persona che presenta la richiesta con fotocopia del documento di riconoscimento del delegato (modulo di delega ACI).

Deterioramento targa: quanto costa

Questi i costi previsti per legge (se si possiede il certificato di proprietà e la carta di circolazione):
- emolumenti ACI pari a 27,00 euro;
- imposta di bollo per iscrizione al PRA pari a 32,00 euro (se si utilizza il CdP come nota di richiesta) o 43,86 euro (se si utilizza il mod. NP2 come nota di richiesta);
- diritti MCTC - 9,00 euro. Il versamento va effettuato sul c/c n. n. 9001 intestato a Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Roma - Diritti;
- imposta di bollo per re-immatricolazione pari a 32,00 euro. Il versamento va effettuato sul c/c n. 4028 intestato a Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Roma - Bolli.

Il costo della targa nuova è stabilito dal Dipartimento dei Trasporti Terrestri. Se ci si rivolge ad una Delegazione dell'Automobile Club o di uno di studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto) oltre ai costi previsti per legge, per la richiesta bisogna aggiungere la tariffa - in regime di libero mercato - del servizio di intermediazione.

Documenti correlati



49408 - Filippo P.
20/05/2017
Salve. La mia domanda è: posso sostituire la targa posteriore deteriorata se ho dei bolli non pagati e se possibile cosa devo fare? Grazie

47928 - luigi camurani
06/01/2017
Nel momento in cui l'auto viene re-immatricolata avrà un duplicato della targa originale oppure una targa nuova? Grazie

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata