Modello gratuito patrocinio penale: fac simile editabile DOC

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
PDF
DOC   fac simile (b)
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Modello con cui una persona non abbiente può, nell'ambito di un processo penale, richiedere la nomina di un avvocato e la sua assistenza a spese dello Stato. Il fac simile istanza gratuito patrocinio penale è disponibile nei formati Word e Pdf. Teniamo a sottolineare che per la richiesta del patrocinio a spese dello Stato non tutti gli uffici adottano lo stesso modulo.

Istanza ammissione gratuito patrocinio penale: chi può presentarla

Possono richiedere l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato:

  • i cittadini italiani;
  • gli stranieri e gli apolidi residenti nello Stato;
  • l’indagato, l’imputato, il condannato, il danneggiato che intendano costituirsi parte civile, il responsabile civile o civilmente obbligato per l'ammenda;
  • colui che (offeso dal reato – danneggiato) intenda esercitare azione civile per risarcimento del danno e restituzioni derivanti da reato.

Chi non può presentare istanza gratuito patrocinio penale

Non possono beneficiare del patrocinio a spese dello Stato:

  • i condannati (con sentenza definitiva) di reati commessi in violazione delle norme per la repressione dell'evasione fiscale
  • coloro che sono assistiti da più di un difensore
  • i condannati con sentenza definitiva per i reati di associazione mafiosa, e connessi al traffico di tabacchi e agli stupefacenti.

Gratuito patrocinio penale: requisiti da soddisfare

Come detto in premessa affinché si possa beneficiare del gratuito patrocinio penale è necessario che il richiedente versi in modeste condizioni economiche. In particolare occorre che il suo reddito annuo imponibile, così come risulta dall'ultima dichiarazione, non sia superiore a € 11.493,82 (D.M. 16/01/2018).

Tale soglia subisce un incremento di euro 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.

Chiaramente se il richiedente convive con altri familiari (coniuge, figli …) e questi producono un reddito, ai fini della calcolo della soglia si prenderanno in esame i redditi di tutti i componenti la famiglia. 

È prevista, tuttavia, una deroga ai limiti di reddito se la persona offesa risulta coinvolta in vicende di maltrattamenti familiari, di violenza sessuale, di atti sessuali con minorenne o di violenza sessuale di gruppo, di stalking, di prostituzione o pornografia minorile e via discorrendo.

Ugualmente la deroga ai limiti di reddito è prevista nel caso di figli minori o maggiorenni, economicamente non autosufficienti, rimasti orfani di un genitore a seguito di omicidio commesso dal coniuge, anche legalmente separato o divorziato, o dall'altra parte dell'unione civile.

Se il richiedente è detenuto la domanda può essere presentata al direttore dell'istituto carcerario che provvederà a trasmetterlo al magistrato.

Quando presentare la richiesta

La richiesta può essere fatta in qualunque momento, tuttavia i benefici decorrono dalla data in cui l'istanza viene presentata o perviene all'ufficio del Magistrato competente. 

Questo significa che restano escluse tutte le spese maturate prima della suddetta data.

Cosa indicare nel modello gratuito patrocinio penale

Nella domanda (in carta semplice) occorre specificare:

  • la richiesta di ammissione al patrocinio;
  • le generalità anagrafiche e codice fiscale del richiedente e dei componenti il suo nucleo familiare;
  • l'attestazione dei redditi percepiti l'anno precedente alla domanda (autocertificazione);
  • l'impegno a comunicare le eventuali variazioni di reddito rilevanti ai fini dell'ammissione al beneficio.

Se il Giudice lo richiede, l'interessato è tenuto a presentare tutta la documentazione necessaria ad accertare la veridicità di quanto indicato nell’istanza. Se non è nelle condizioni di produrre tale documentazione, può presentare una dichiarazione sostitutiva di certificazione.

Dove presentare la domanda

La domanda, una volta sottoscritta, deve essere presentata personalmente dall'interessato, con allegata fotocopia di un documento di identità valido, presso l'ufficio del magistrato davanti al quale pende il processo.

Se si è in una fase di indagini preliminari o dibattimentale, l'istanza dovrà essere presentata presso la cancelleria dell'Ufficio del Patrocinio a Spese dello Stato - Sezione Penale.

L'istanza può essere presentata anche dal difensore che dovrà autenticare la firma di chi sottoscrive la domanda. In proposito si precisa che l'autentica di firma può avvenire mediante

  • istanza firmata dall'interessato in presenza del funzionario di cancelleria;
  • sottoscrizione e presentazione dell'istanza unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.

Se il richiedente è agli arresti domiciliari o sottoposto a misura di sicurezza, la domanda può essere presentata ad un ufficiale di polizia giudiziaria che a sua volta provvederà a trasmetterlo al magistrato.

Se il richiedente è straniero (extracomunitario) la domanda deve essere accompagnata da una certificazione (per i redditi prodotti all'estero) dell'autorità consolare competente che attesti la verità di quanto dichiarato nella domanda. In caso di impossibilità, la certificazione può essere sostituita da autocertificazione.

Se il richiedente è straniero ed è detenuto, internato per esecuzione di misura di sicurezza, in stato di arresto o di detenzione domiciliare, la certificazione consolare può essere prodotta entro venti giorni dalla data di presentazione dell'istanza, dal difensore o da un componente della famiglia dell'interessato (oppure può essere sostituita da autocertificazione).

Cosa accade dopo la presentazione dell'istanza

Il Giudice competente entro 10 giorni dalla ricezione dell'istanza decide se 

  • dichiarare l'istanza inammissibile
  • accogliere l'istanza
  • respingere l'istanza

Se la domanda viene rigetta, si può presentare ricorso al Presidente del Tribunale o della Corte di Appello entro 20 giorni dal momento in cui il soggetto interessato ne è venuto a conoscenza.

Cosa accade in caso di accoglimento istanza gratuito patrocinio penale

All’interessato che ottiene il gratuito patrocinio penale, spetta la scelta di un difensore di fiducia tra quelli iscritti negli appositi elenchi tenuti presso l’Ordine degli Avvocati competente.

Inoltre il beneficiario del gratuito patrocinio penale può:

  • nominare un consulente tecnico e un investigatore privato autorizzato nei casi previsti dalle legge;
  • ottenere il rilascio gratuito di copie degli atti processuali, quando necessarie per l'esercizio della difesa;
  • ottenere l’anticipazione da parte dello Stato su spese, indennità e diritti. 

Tags:  cause giudiziarie assistenza legale

Foto
Free-Photos su Pxhere
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità