Come annullare Spid Poste: modulo e guida

Formati
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

In questa scheda è presente il modulo revoca Spid Poste Italiane, vale a dire il modello con cui è possibile richiedere a Poste Italiane l'annullamento della propria Identità Digitale SPID.

SPID Poste: a cosa serve

Con il termine SPID, un acronimo che sta per Sistema Pubblico d’Identità Digitale, ci si intende riferire a delle credenziali (username e password), strettamente personali, con cui il cittadino può accedere ai servizi online della pubblica amministrazione (Inps, Comuni, Agenzia delle Entrate, ASL, ecc.) e dei privati che aderiscono al sistema.

In pratica si utilizzano le credenziali SPID, attraverso pc, tablet o smartphone, tutte le volte che un cittadino ha la necessità di richiedere un contributo, un'agevolazione pubblica o un rimborso, di effettuare un accesso agli atti, una iscrizione scolastica o un accesso alla rete wi-fi pubblica, di ottenere un certificato, di prenotare una visita medica,  ecc.

Sono diversi i gestori che rilasciano le credenziali SPID, tra questi anche Poste Italiane che con la sua identità digitale Poste ID consente, tra l'altro, anche di accedere a MyPoste e a tutti i servizi abilitati del Gruppo.

Per richiedere Poste ID è sufficiente disporre di:

  • di un indirizzo e-mail personale;
  • di un numero di cellulare;
  • di un documento di identità valido (carta di identità, passaporto, patente);
  • della tessera sanitaria o del certificato di attribuzione del codice fiscale.

Per ogni informazione aggiuntiva sull'Identità Digitale di Poste Italiane e sulle modalità di richiesta, suggeriamo la consultazione del sito https://posteid.poste.it.

Revoca Spid Poste Italiane: quando chiederla

In generale si opta per la revoca Spid Poste Italiane quando l'utente si ritiene complessivamente non soddisfatto del servizio ricevuto. 

Ma si può decidere di disabilitare PosteID anche per altri motivi, quali:

  • perdita della disponibilità del numero di cellulare o della e-mail di contatto/nome utente;
  • sospetto utilizzo abusivo / fraudolento da parte di un soggetto terzo;
  • furto / smarrimento credenziali o strumento di autenticazione associato (es. smartphone o tablet);
  • esigenze personali.
Ricordiamo che in caso di furto o smarrimento delle credenziali o sospetto utilizzo abusivo o fraudolento, si può chiedere la sospensione Spid Poste direttamente su questa pagina: https://posteid.poste.it/sospensione.shtml. In questo caso le credenziali rimarranno in stato "sospeso" fino a quando il cliente non ne richiederà l'attivazione o la revoca.

In tutti gli altri casi, prima di annullare PosteID e di rivolgersi ad altri Identity Provider, può rivelarsi estremamente utile contattare il Servizio Assistenza di Poste Italiane per cercare di capire se la causa che sta alla base della propria insoddisfazione può essere in qualche modo affrontata e risolta.

In una nostra scheda abbiamo riportato i canali di contatto e la modulistica da utilizzare quando PosteID non funziona.

Come annullare Spid Poste

A tal fine è sufficiente scaricare il modulo revoca Spid Poste Italiane presente in questa scheda, oltre che sul sito ufficiale di Poste Italiane, compilarlo in tutte le sue parti ed inviarlo ad uno dei seguenti recapiti:

  • e-mail: revoca.posteid@posteitaliane.it
  • PEC: revoca.posteid@pec.posteitaliane.it

Il titolare di Spid Poste può recedere in qualsiasi momento e senza oneri dal contratto, anche prima della sua naturale scadenza.

Inviando questo modulo il cittadino è consapevole che la revoca Spid Poste Italiane implica la cancellazione dalle basi dati degli attributi forniti per la creazione dell’Identità Digitale e l’impossibilità di disporre della stessa per ogni ulteriore utilizzo (accesso ai servizi forniti da Poste Italiane o da Bancoposta).

A seconda dei casi vanno allegati:

  • copia del documento di identità del titolare;
  • copia del Codice Fiscale/Tessera Sanitaria;
  • copia della denuncia presso le autorità.

Tutta la documentazione dovrà essere inoltrata in uno dei seguenti formati: *.pdf, *.pdf/a, *.tiff, *.jpg, *.odf, *.txt, *.p7m.

Nel caso in cui il modulo revoca Spid Poste Italiane venga sottoscritto con firma digitale e non con firma autografa, non è necessario allegare copia del documento di identità.

Cosa accade dopo la richiesta di revoca Spid Poste Italiane

Poste Italiane, ricevuta la richiesta di revoca, verifica:

  • che la documentazione trasmessa sia completa e correttamente compilata;
  • che l’indirizzo e-mail del mittente sia corrispondente all’indirizzo e-mail verificata in fase di adesione al servizio, oppure che i dati del titolare della Firma Digitale corrispondano ai dati del titolare dell’Identità Digitale.

Se anche solo una di queste verifiche da esito negativo, l’operatore contatta tempestivamente l’utente al fine di definire la problematica e l’eventuale soluzione.

Se invece tutte le verifiche danno esito positivo, viene comunicato all’utente, attraverso un SMS al numero di cellulare certificato, la presa in carico della richiesta di revoca e l’identificativo della richiesta stessa.

Dopo 72 ore dall’ invio dell’SMS le credenziali vengono revocate definitivamente.

Al termine del processo di revoca, il cliente riceverà da Poste Italiane, sulla e-mail e sul numero di telefono cellulare indicati in fase di registrazione, le credenziali per mantenere l’accesso ai servizi online di Poste Italiane stessa (portali e mobile APP).

Tags:  accesso agli atti poste italiane

Documenti correlati
 
Utilità