Modello ricarica Postepay: PDF e informazioni utili

Formati
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Modulo in doppia copia da compilare e presentare allo sportello nel caso in cui si intenda ricaricare la carta prepagata Poste Pay di Poste Italiane. Il modulo ricarica Postepay è disponibile in formato PDF.

Modulo ricarica Postepay: quando utilizzarlo

Come detto il suddetto modulo va utilizzato quando, per la ricarica della propria Postepay, ci si vuole recare direttamente allo sportello. 

Sul modello occorre riportare:

  • nome e cognome del titolare della carta;
  • numero e tipologia della carta;
  • importo della ricarica.

Nel caso in cui la ricarica venga effettuata da un soggetto diverso dal titolare, occorre inserire anche gli estremi di un valido documento di riconoscimento del delegato.

Il modello in questione consente di effettuare, seppure esclusivamente dal titolare o, nel caso di carta Postepay Junior, dal genitore che ne ha fatto richiesta, le seguenti ulteriori operazioni:

  • rimborso/estinzione;
  • sostituzione.

Infine il modulo ricarica Postepay può essere utilizzato anche per rilasciare o modificare il numero di cellulare del titolare. Ricordiamo in proposito che il numero di cellulare è obbligatorio per l'abilitazione ai pagamento online sui siti poste.it, bancoposta.it, bancopostaclick.it, postepay.it.

Sul modello vanno apposte le firme del titolare/richiedente e dell'operatore dell'ufficio postale.

Il versamento della somma può avvenire

  • in contanti
  • tramite un'altra carta Postepay
  • con una carta Postamat Maestro o con un'altra carta Bancoposta abilitata

Alternative al modello ricarica Postepay

Chi non volesse recarsi allo sportello e compilare l'apposito modello, potrebbe procedere alla ricarica della Postepay attraverso:

  • l'ATM Postamat (con un'altra carta Postepay, con un'altra carta BancoPosta o con carta di pagamento aderente al circuito internazionale Visa, Visa Electron, Vpay, Mastercard e Maestro);
  • la ricarica a domicilio o presso la sede di lavoro. In questo caso il pagamento avverrà nei confronti dei portalettere abilitati di Poste Italiane, tramite le carte Postamat, Postepay e le carte di debito del circuito Maestro. E' possibile anche prenotare una loro visita chiamando il numero 803.160;
  • il sito postepay.it;
  • la APP Postepay. In questo caso la ricarica avviene trasferendo denaro da una Postepay nominativa ad un'altra oppure tramite una carta di pagamento aderente al circuito Visa, Visa Electron, VPay e Mastercard;
  • la APP Bancoposta. La ricarica può essere effettuata trasferendo denaro da una carta prepagata Postepay nominativa ad un'altra oppure con addebito su conto BancoPosta se attivo il servizio di home banking;
  • le tabaccherie e i punti vendita convenzionati della rete Lottomatica Servizi (qui l'elenco www.lottomaticaitalia.it/punti-vendita/lis/postepay). Nel caso specifico si possono effettuare ricarica da 1 euro a 997,99 euro presentando un documento di riconoscimento in corso di validità e la tessera del codice fiscale (o tessera sanitaria);
  • il conto online BPM. Questa possibilità è riservata unicamente ai titolari di conto corrente di banche del gruppo BPM che dispongono del servizio di home banking.

Qualora sorgessero problemi con la ricarica della carta, consigliamo di formalizzare un reclamo Postepay.

Tags:  poste italiane

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità