Richiesta rimborso doppio pagamento fattura: modello WORD, PDF

Formati     © Moduli.it
DOC
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Fac simile con cui chiedere alla compagnia telefonica o alla società fornitrice di luce, gas o acqua, il rimborso della bolletta pagata due volte. Il modello può essere scaricato anche in formato DOC così da personalizzarlo sulla base delle proprie specifiche esigenze.

Quando si verifica un doppio pagamento della bolletta

Il caso più classico si verifica quando per un semplice disguido si effettua il pagamento di una bolletta che in realtà risulta già saldata da un altro componente della famiglia. Chiaramente si può incappare più facilmente in errori di questo tipo, quando per quelle fatture non è attiva la domiciliazione bancaria.

Ma la stessa situazione si può verificare, ad esempio, quando si riceve un sollecito dalla compagnia per ritardato pagamento di una fattura che, tuttavia, appena due giorni prima è stata regolarmente pagata all'ufficio postale. In questo caso è chiaro che se il destinatario della missiva o un suo familiare non effettuano preliminarmente una verifica in merito alla richiesta pervenuta, si può facilmente andare incontro ad un doppio pagamento della bolletta.

Come chiedere il rimborso per doppio pagamento fattura

La richiesta può essere avanza attraverso una semplice lettera. Un fac simile, come detto, è disponibile in questa scheda. Nel modulo occorre specificare

  • i dati personali dell'intestatario del contratto di fornitura;
  • gli estremi della fattura pagata due volte o della nota credito;
  • l'importo oggetto dl rimborso;
  • le modalità del rimborso;

Per quanto riguarda queste ultime è possibile scegliere tra:

  • emissione assegno bancario/postale;
  • versamento su conto corrente;
  • compensazione con future fatture a debito.

Ricordarsi di allegare al modulo di richiesta rimborso per doppio pagamento fattura:

  • una copia della fattura;
  • una copia di entrambi i pagamenti effettuati (copia dei bollettini postali o degli addebiti sul conto corrente);
  • una copia fotostatica non autenticata del documento di identità, ovvero di altro documento di riconoscimento equipollente ai sensi dell’art. 35 D.P.R. n. 445/2000 (es. passaporto, patente di guida ecc.).

Lo stesso modulo può essere utilizzato nel caso in cui si sia creditori nei confronti della società a causa ad esempio dell'emissione di una nota di credito.

Attenzione: non confondere questa situazione con quella in cui si riceve, in ordine ai consumi effettuati in uno stesso periodo, due fatture da due società diverse, situazione questa che può verificarsi, ad esempio, nel momento in cui si decide di sottoscrivere un contratto con un nuovo fornitore di energia. In quest'ultimo caso va utilizzato questo fac simile di 

Tempi per chiedere il rimborso bolletta pagata due volte

La lettera deve essere trasmessa nel termine massimo di 5 anni dalla data di emissione della bolletta. Trascorso questo periodo si perde ogni diritto al rimborso (prescrizione).

Dal canto suo la compagnia dal momento in cui riceve la richiesta, ha 90 giorni per effettuare tutte le verifiche del caso e stornare al proprio cliente quanto dovuto. 

Se lascia trascorrere questo termine senza aver provveduto, il cliente ha diritto di ricevere direttamente in fattura un indennizzo automatico, nella misura stabilita dall'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA), in caso di fornitura luce, gas o acqua, o dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AgCom) in caso di fornitura di servizi telefonici.

L'indennizzo non ha una funzione risarcitoria ma semplicemente riparatoria, non necessariamente proporzionale – in termini economici – al disservizio subìto.

Tags:  bolletta elettrica bolletta gas bolletta luce bolletta telefonica

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità