Problemi Dazn: modello rimborso WORD

Formati
DOC
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

In questa scheda spieghiamo la procedura da adottare nel caso in cui, per problemi di accesso o di visione dei match e dei contenuti in streaming, l'abbonato intenda richiedere un rimborso Dazn, inteso in termini di sconto o abbuono sul canone di abbonamento. Forniremo inoltre una sintesi del provvedimento assunto dall'AgCom a tutela dei consumatori. In questa scheda è presente anche un fac simile nel caso in cui l'abbonato intenda chiedere il rimborso Dazn in forma scritta. 

Problemi di visione Dazn: come risolverli

Siamo fiduciosi che col tempo Dazn sarà in grado di trovare le giuste soluzioni ai disservizi che gli abbonati da tempo ormai lamentano nei confronti del colosso di video streaming.

Visto che in taluni casi i problemi possono derivare dall'abbonato, Dazn ha pensato innanzitutto di allestire una sezione specifica sul proprio sito (www.dazn.com/it-IT/help) al fine di fornire un supporto concreto agli utenti in caso di disservizi. In particolare facendo clic sulla voce "Come risolvere i problemi di buffering / caricamento video", l'utente può attingere ad alcuni suggerimenti su come affrontare e risolvere eventuali problemi di streaming e di rebuffering: ridurre il numero di dispositivi connessi al Wi-Fi, connettere il dispositivo alla rete tramite un cavo ethernet, riavviare il modem/router, verificare che le altre App di streaming funzionino regolarmente e via discorrendo.

Altri consigli e informazioni utili nel caso in cui non si riesca a vedere DAZN, sono disponibili su questa pagina: www.dazn.com/it-IT/help/articles/basic-troubleshooting-it. Qui addirittura le informazioni sono ripartite in funzione del dispositivo sul quale si verifica il problema: Web browser, PlayStation, Xbox, iPhone e iPad, Smart TV Samsung ecc.

Così nel caso in cui si utilizzi il pc o il tablet per vedere la partita, si può provare ad utilizzare un browser diverso, ad eliminare i cookie e svuotare la cache, a controllare l'indirizzo IP e ad assicurarsi che risulti in un paese in cui DAZN è disponibile e così via.

Invece nel caso in cui l'abbonato utilizzi la App Dazn e si verifichi l'errore 550077503, il consiglio dell'azienda è quello di provare ad uscire dall'app e riavviarla, mentre qualora si verifichi l'errore 65 067 il consiglio è di aggiornare la App alla sua ultima versione disponibile.

Come chiedere il rimborso Dazn

L'abbonato può lamentarsi nei confronti dell'azienda per i disservizi subiti (buffering ripetuto, messaggi di errore, caricamento lento, qualità video scadente, ecc.) e avanzare una richiesta di rimborso Dazn

Naturalmente è possibile pretendere un rimborso solo se si sta pagando direttamente a Dazn, questo significa che all'azienda non si può inoltrare alcuna richiesta se il pagamento avviene tramite Amazon In-App, Google, Apple o Codici voucher.

Fatte queste premesse vediamo in concreto come chiedere il rimborso Dazn.

SERVIZIO CHAT

Un primo metodo prevede l'utilizzo del servizio di Chat. A tal fine, dopo aver eseguito il login, fare clic sulla voce di "Menu" e selezionare la voce "Guida". In basso a desta è presente il pulsante giallo "Chatta con noi". 

Dopo aver fatto clic, l'assistente digitale chiede all'utente di scegliere una o più delle seguenti opzioni

  • Pagamenti e fatture
  • Accesso a DAZN
  • Domande tecniche
  • DAZN TV Box

Nel caso specifico occorre far clic sulla voce "Pagamenti e fatture", quindi su "Rimborso".

Il sistema chiede quindi di verificare l'indirizzo email dell'abbonato attraverso l'invio di un codice. L'utente non deve far altro che leggere il messaggio di posta, copiare il codice ed incollarlo nell'apposito spazio presente sulla chat.

Eseguita la verifica sull'abbonato, l'assistente digitale può girare la richiesta ad un operatore in grado di assistere l'utente sulla richiesta specifica di rimborso, oppure in caso di operatori non disponibili (normalmente è questa l'ipotesi più frequente), invitare l'utente stesso a fare clic sul tasto "Invia un messaggio". In questo caso si apre un piccolo spazio di testo in cui l'utente deve formulare la propria richiesta di rimborso in ordine al disservizio subito (si consiglia di essere molto precisi in proposito).

Dopo aver fatto clic su "Continua", occorre confermare l'opzione di interesse facendo clic sulla voce "Richiedi un rimborso".

A questo punto un messaggio conferma il corretto inoltro della richiesta e mostra il codice ID attribuito alla pratica (è possibile salvare la trascrizione in formato txt). La presa in carico della richiesta con lo stesso numero di codice viene comunicata anche via e-mail. 

A questo punto non resta che attendere il riscontro da parte del servizio assistenza clienti DAZN.

RACCOMANDATA O PEC

Chi preferisce non utilizzare il servizio di chat, può predisporre una comunicazione scritta e inviarla con le seguenti modalità

  • raccomandata a.r. all'indirizzo DAZN Limited Piazza San Babila n. 3 - 20122 Milano (MI);
  • PEC all'indirizzo daznlimited@legalmail.it.

Ma come vedremo meglio nel prossimo paragrafo, si profila un'altra modalità per chiedere l'indennizzo a Dazn.

Naturalmente se l'abbonato è talmente insoddisfatto del servizio, da non ritenersi minimamente soddisfacente la concessione di un indennizzo da parte dell'azienda, allora non c'è altra soluzione che comunicare la disdetta DAZN.

Rimborso Dazn attraverso Conciliaweb di Agcom

I disservizi nella visione riscontrati dagli abbonati negli ultimi mesi, hanno spinto l'Autorità per le Comunicazioni (AgCom) ad intervenire con un provvedimento che fissa dei parametri di qualità che la pay-tv è tenuta a rispettare.

Alludiamo in particolare a dei parametri che consentono agli abbonati di verificare se il servizio ricevuto può considerarsi adeguato o meno. Nello specifico saranno presi in esame:

  • malfunzionamenti nell'accesso alla piattaforma (MAP)
  • malfunzionamenti nell'accesso all'evento (MAE)
  • risoluzione video (Rmin)
  • numero di disconnessioni dall'evento
  • tempo di freezing totale (TFT).

Ebbene, stando a quanto previsto dal provvedimento dell'AgCom, DAZN dovrà rendere disponibile a ciascun utente, all'interno della propria applicazione, una finestra che consenta facilmente di verificare i diversi parametri. Gli stessi dovranno rimanere memorizzati per un periodo non inferiore ai 6 mesi con riferimento ad ogni singolo evento. DAZN ha 3 mesi di tempo per adeguarsi al provvedimento dell'AgCom.

In caso di mancato rispetto degli standard qualitativi fissati, l'abbonato potrà richiedere l'indennizzo - entro 7 giorni dall'evento - tramite la piattaforma Conciliaweb di Agcom (https://conciliaweb.agcom.it/conciliaweb/login.htm). Per accedere occorre essere in possesso dello SPID o in alternativa della CIE.

Alla richiesta occorre allegare:
  • contratto di adesione a Dazn
  • contratto di accesso ad Internet (con indicazione della banda minima garantita)
  • schermata che mostra l'esecuzione del MisuraInternet Speed Test (https://misurainternet.it/misura-speedtest/) dell’Autorità con l'indicazione della velocità di download e i valori MAE-MAP, TFT, Rmin.
Se la richiesta dell'abbonato viene accolta, Dazn sarà tenuta a corrispondere – sotto forma di sconto in fattura o rimborso – un importo pari al 25% dell’abbonamento mensile dell’utente, al netto di eventuali sconti o promozioni, fino ad un massimo di quattro volte in un mese pari al 100% dell’abbonamento mensile, al netto di eventuali sconti o promozioni.

Tags:  pay tv

Documenti correlati
 
Utilità