Segnalazione Certificata di Inizio Attività: modelli WORD

Formati
DOCX   Scheda anagrafica
DOCX   Esercizio di vicinato
DOCX   Media e grande struttura di vendita
DOCX   Vendita in spacci interni
DOCX   Vendita mediante apparecchi automatici in altri esercizi già abilitati e/o su aree pubbliche
DOCX   Vendita per corrispondenza, tv, e-commerce
DOCX   Vendita presso il domicilio dei consumatori
DOCX   Bar, ristoranti e altri esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (in zone tutelate)
DOCX   Bar, ristoranti e altri esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (in zone non tutelate)
DOCX   Bar, ristoranti e altri esercizi di somministrazione temporanea di alimenti e bevande
DOCX   Attività di acconciatore e/o estetista
DOCX   Subingresso in attività
DOCX   Cessazione o sospensione temporanea di attività
DOCX   Notifica sanitaria ai fini della registrazione (Reg. CE n. 852/2004)
DOC   Panifici
DOC   Tintolavanderie
DOC   Somministrazione di alimenti e bevande al domicilio del consumatore
DOC   Somministrazione di alimenti e bevande in esercizi posti nelle aree di servizio e/o nelle stazioni
DOC   Somministrazione di alimenti e bevande nelle scuole, negli ospedali, nelle comunità religiose, in stabilimenti militari o nei mezzi di trasporto pubblico
DOCX   Autorimesse
DOC   Autoriparatori
DOC   Commercio all'ingrosso (alimentare e non alimentare)
DOCX   Facchinaggio
DOCX   Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione
DOCX   Agenzie di affari di competenza del Comune
DOCX   Somministrazione alimenti e bevande all'interno di associazioni e circoli aderenti a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali e che hanno natura di enti non commerciali
DOCX   Somministrazione alimenti e bevande associazioni e circoli non aderenti a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali e che hanno natura di enti non commerciali in zone tutelate
DOCX   Strutture ricettive alberghiere
DOCX   Struttura ricettive all'aria aperta
DOCX   Autoscuole
DOCX   Somministrazione alimenti e bevande associazioni e circoli con natura commerciale (zone tutelate)
DOCX   Somministrazione alimenti e bevande associazioni e circoli con natura commerciale (zone non tutelate)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Descrizione

In questa scheda offriamo la modulistica unificata e standardizzata relativa alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) approvata con Accordi in Conferenza Unificata da Governo, Regioni ed Enti locali. Per ciascuna attività economica è previsto un apposito modulo. La scheda anagrafica è comune a tutte le attività e costituisce parte integrante di ciascun modulo. 

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività: cos'è

Un imprenditore può avviare o modificare una attività economica, sia esso artigianale, commerciale o di servizi, senza il possesso di una autorizzazione, licenza, permesso o nulla osta, il cui rilascio è subordinato all’accertamento dei requisiti e dei presupposti previsti dalle norme di settore (ad esempio i requisiti previsti per l’idoneità dell’immobile dal punto di vista dell'agibilità e della destinazione d'uso, i requisiti professionali e morali dell’imprenditore, la sicurezza antincendio, l'impatto acustico, ecc.). 

E' sufficiente, infatti, inoltrare al SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) una segnalazione, corredata da autocertificazioni, con le quali l’imprenditore (o un tecnico incaricato) attesta la sussistenza dei requisiti necessari per il tipo di attività che intende intraprendere.

Chiaramente l’imprenditore si assume ogni responsabilità di fronte alla pubblica amministrazione ed ai terzi, della rispondenza al vero di quanto segnalato. La SCIA nel 2010 ha sostituito la DIA (dichiarazione di inizio attività).

La SCIA si applica, ad esempio, ad attività quali bar, ristoranti, tintolavanderie, panifici, autoriparatorie, imprese di pulizia, autoscuole, strutture ricettive alberghiere, bed & breakfast, case per vacanze, agriturismo, acconciatori, estetisti, esecutori di tatuaggi, e-commerce, spedizioniere, facchinaggio e via discorrendo.

Sono escluse dal campo di applicazione della SCIA, invece, quelle attività che per il loro avvio prevedono il possesso di specifiche autorizzazioni e licenze. Ci riferiamo, ad esempio, all'attività di taxi e noleggio con conducente, farmacie, centri commerciali, ecc.

La SCIA ha efficacia nel momento esatto in cui viene protocollata, il che significa che da questo momento in poi l'attività può essere intrapresa.

Chiaramente dal canto suo la pubblica amministrazione, ricevuta la SCIA, ha il compito di avviare i necessari controlli in merito a quanto dichiarato dal segnalante. Qualora riscontrasse la non veridicità delle dichiarazioni rese, la PA avrebbe il dovere di

  • presentare denuncia penale alla competente Autorità giudiziaria per dichiarazioni false o mendaci
  • emettere nel termine di 60 giorni un provvedimento diretto a vietare la prosecuzione dell’attività e la rimozione degli eventuali effetti dannosi prodotti.

In caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti richiesti dalla legge le amministrazioni consentono all'interessato di provvedere a conformare alla normativa vigente l'attività ed i suoi effetti entro un termine, in ogni caso non inferiore a 30 giorni, e soltanto ove ciò non sia possibile, adottano motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa.

SCIA e Comunicazione Unica

La SCIA può essere presentata al SUAP per il tramite della Camera di Commercio territorialmente competente, allegandola ad una pratica di Comunicazione Unica (D.P.R. 160/2010, art 5 comma 2).

In questo caso l'imprenditore (o il suo intermediario) deve compilare l'apposita sezione denominata "Invio SCIA" della piattaforma utilizzata per l'invio della Comunicazione Unica.

Con l'inoltro della Comunicazione Unica a cui è stata allegata una SCIA, la Camera di Commercio trasmette immediatamente la segnalazione al SUAP competente e rilascia una ricevuta all'impresa con la distinta delle operazioni svolte. Ai sensi dell'art.5 del Decreto Ministeriale del 10/11/2011, questa ricevuta è valida, per l'impresa, ai fini dell'avvio dell'attività e del decorso dei tempi del procedimento "automatizzato".

Tags:  lavoro autonomo

Documenti correlati
 
Utilità