Tassa rifiuti intestata a defunto: come comportarsi

Rinaldo Pitocco - Ultimo aggiornamento: 03/07/2023
Formati     © Moduli.it
DOC
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

In caso di spazzatura non pagata, gli eredi sono considerati debitori del Comune a tutti gli effetti e, come tali, obbligati al pagamento della Tari, a meno che non dichiarino di rinunciare all'eredità.

Spazzatura non pagata: cosa accade agli eredi

I figli Mario e Rosalba ricevono in eredità dai genitori la casa presso la quale abitavano. Qualche settimana dopo si vedono notificare un avviso di accertamento per Tassa sui rifiuti (TARI) non pagata. Come devono comportarsi i figli in simili circostanze?

La prima cosa da fare è verificare che i genitori non abbiano per qualche motivo richiesto una esenzione TARI. Se così fosse, i figli potrebbero proporre nei confronti dell'amministrazione un ricorso Tari e chiedere sostanzialmente l'azzeramento del debito.

La seconda cosa da fare è verificare se sono trascorsi più di 5 anni tra la data di invio dell'avviso di pagamento della Tari e la notifica dell'accertamento. Se tale termine fosse stato superato, infatti, gli eredi potrebbero chiedere l'annullamento del debito per prescrizione Tari.

Se nessuna di queste ipotesi trovasse fondamento, per i figli non ci sarebbe che una opzione: provvedere al pagamento degli arretrati della Tari. Ciò naturalmente a condizione che abbiano optato per l'accettazione dell'eredità. Infatti in questo caso si prenderebbero carico non soltanto di tutti i crediti e beni, ma anche di eventuali debiti esistenti alla morte dei genitori.

Le cose sarebbero invece diverse qualora gli stessi figli optassero per la rinuncia all'eredità. In questo caso l'amministrazione non potrebbe pretendere nulla da loro.

Tassa rifiuti intestata a defunto

Arretrati a parte come regolarizzare la posizione contributiva del de cuius rispetto alla Tari?

Con il decesso gli eredi che ricevono una casa sono tenuti al pagamento della Tari a partire dal giorno successivo (e non dalla data di apertura della successione), proporzionalmente alla quota e al periodo di possesso.

Se gli eredi voglio sottrarsi dal pagamento della Tari, devono far si che la casa sia privata dei mobili e delle utenze (luce, gas, acqua e telefono). In una simile circostanza basta comunicare all'amministrazione la disdetta tassa rifiuti per decesso.

Se invece pensano di occupare a qualunque titolo l'immobile, devono presentare una dichiarazione di variazione intestazione o voltura Tari.

Tags:  tassa sui rifiuti tasse casa

Foto
Pixabay
Documenti correlati
 
Utilità