Prestito anticipo TFR: fac simile richiesta PDF

Formati
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Modulo con cui dipendenti pubblici e statali possono richiedere ad un istituto bancario, tramite un finanziamento bancario a tasso agevolato, l’anticipo del trattamento di fine rapporto (TFR) o di fine servizio (TFS).

Anticipo TFS statali: in cosa consiste

Cominciamo col dire che il tasso di interesse, le condizioni economiche, i termini e le modalità di presentazione della domanda per l’anticipo del TFS/TFR da parte dei dipendenti pubblici sono regolate da un Accordo Quadro tra Governo e ABI.

L’Accordo Quadro attua quanto previsto dall’art.23, del Dl 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26 e dall’art. 15 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 aprile 2020, n. 51.

Dunque i dipendenti statali grazie a questo accordo possono chiedere un anticipo del trattamento di fine rapporto (o indennità di fine servizio) rivolgendosi ad una delle banche convenzionate con l’Inps e presentando una domanda di prestito a tasso agevolato fino ad un massimo di 45.000 euro.

Il vantaggio è quello di ottenere in tempi brevi l’anticipazione del TFS/TFR, evitando le lunghe tempistiche di liquidazione dell’Ente pensionistico.

La scadenza del prestito coincide con la data di maturazione del diritto alla riscossione del TFS/TFR e della conseguente liquidazione da parte dell'ente pensionistico.

Il tasso di interesse applicato al prestito concesso dall'istituto di credito è pari al rendimento medio dei titoli pubblici con una maggiorazione dello 0,4%.

Pagando un indennizzo alla banca (non superiore allo 0,3%) è possibile estinguere il prestito anche in via anticipata rispetto alla scadenza.

TFS anticipo banche : come fare

La procedura è sostanzialmente questa:

  1. la persona interessata presenta domanda all’ente pensionistico;
  2. in presenza dei requisiti previsti dalla legge, l’ente pensionistico rilascia una certificazione che riporta l’importo del trattamento spettante al richiedente;
  3. la persona interessata presenta domanda di anticipo alla banca. Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti:
    - certificazione all’anticipo TFS/TFR;
    - proposta di contratto di anticipo debitamente sottoscritta;
    - la dichiarazione sullo stato di famiglia.
  4. la banca, una volta sottoscritto il contratto, provvederà ad informare l’Inps affinché renda indisponibile la somma richiesta a titolo di anticipo di TFS/TFR.

Tags:  prestiti tfr

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità