Atto di donazione fac simile

Formati     © Moduli.it
DOC   (beni mobili e immobili)
PDF interattivo   (beni mobili)
PDF interattivo   (beni immobili)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Da questa scheda è possibile scaricare alcuni fac simile atto di donazione rispettivamente per beni mobili e immobili. Due modelli atto di donazione sono disponibili in formato PDF editabile, mentre un terzo in formato WORD.

Atto di donazione: in cosa consiste

La donazione è il contratto con il quale una parte (donante), per spirito di liberalità, arricchisce l'altra (donatario) disponendo a favore di questa di un suo diritto o assumendo verso la stessa una obbligazione. E' la definizione che ne da l'art.769 del Codice Civile.

Costituisce un negozio a titolo gratuito atteso che l'autore della donazione non riceve alcun corrispettivo in cambio. Tuttavia il donante può imporre condizioni, limiti e termini alla liberalità.

Il contratto di donazione richiede nell'autore la piena capacità di disporre, esso in oltre, può avere ad oggetto qualunque bene che si trova nel patrimonio del donante, mentre è vietata la donazione di beni futuri e altrui (art. 771 c.c.).

Il contratto deve essere fatto per atto pubblico, con due testimoni, sotto pena di nullità (art. 782 c.c. e art. 48 della L. 9/13) se la donazione ha ad oggetto beni di valore come una casa, titoli di risparmio, auto, ecc.

La donazione obbliga il donatario a fornire gli alimenti al donante che in seguito venga a trovarsi in stato di bisogno, purchè non si tratti di donazione rimuneratoria o obnuziale.

Il contratto è invalido, oltre che per le normali cause come l'invalidità per esempio, per errore o illiceità del motivo che risulti dall'atto e sia stato determinante del consenso.

La donazione nulla è convalidabile mediante conferma espressa o esecuzione volontaria, dopo la morte del donante, e nella conoscenza della causa di invalidità (art. 799 c.c.).

Ai sensi dell'art.56 della L. 218/95 la donazione è regolata dalla legge nazionale del donante, ma costui può con dichiarazione espressa e contestuale, sottoporla alla legge dello Stato in cui risiede. E' previsto, per limitare i casi di invalidità, che, relativamente alla forma, possa valere alternativamente la legge che regola la sostanza dell'atto o quella che ne regola la forma.

Ai sensi dell'art. 783 c.c., per la validità della donazione avente a oggetto cose mobili di modico valore, non è necessaria la forma dell'atto pubblico; requisito necessario in questo caso diviene la consegna del bene mobile al donatario.

Revoca atto di donazione

La donazione può essere revocata per ingratitudine del donatario (art. 801 c.c.) o per sopravvenienza di figli (art. 803 c.c.). 

La revoca non pregiudica i diritti che i terzi hanno acquistato anteriormente alla domanda di revoca, salvi gli effetti  della trascrizione. Inoltre l'art. 799 c.c. prevede che il donante è tenuto a garantire il donatario, per l'evizione che questi può soffrire delle cose donate, quando:

  • abbia espressamente promesso la garanzia;
  • l'evizione dipenda dal dolo o dal fatto personale di lui,
  • si tratti di donazione comportante oneri per il donatario o di donazione rimuneratoria.

Tags:  atto di liberalità

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità