Blocco carta BCC: modulo e numeri utili

Formati
DOC
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Il modello proposto in questa pagina va compilato e consegnato allo sportello o spedito tramite posta raccomandata solo dopo aver richiesto il blocco bancomat BCC e aver sporto denuncia alle autorità competenti. È molto importante agire velocemente per evitare di dover contestare addebiti non autorizzati (questo il fac simile presente sul portale), ma soprattutto per ottenere dalla banca il rilascio di una nuova carta bancomat.

Blocco carta BCC: come avviene

Il blocco bancomat BCC avviene mediante una procedura che, come anticipato in premessa, si compone di 3 passaggi fondamentali. Non appena ci si rende conto che la carta è andata smarrita o è stata rubata occorre

  1. telefonare ai numeri predisposti dalla banca per il blocco del bancomat BCC;
  2. sporgere denuncia alla Polizia/Carabinieri se ci si trova in Italia o al Consolato/Ambasciata italiana se ci si trova all’estero;
  3. inoltrare alla banca collocatrice della carta, entro le 48 ore successive, il presente modulo unitamente alla copia della denuncia rilasciata dalle forze dell’ordine.

Numero verde blocco carta BCC

Tutte le carte emesse dopo il 2015 dalla Banca di Credito Cooperativo possono essere bloccate contattando i medesimi recapiti:

  • il numero verde 800 08 6531 per chiamate dall'Italia;
  • il numero +39 (06) 87.41.99.01 per chiamate dall'estero. I costi della telefonata dipendono dalla tariffa applicata dal gestore.

Sul sito ufficiale di BCC si legge che i recapiti appena citati possono essere utilizzati dai possessori di carta di credito, carta prepagata e carta di debito (bancomat).

C’è un’unica eccezione: i possessori di TascaConto devono fare riferimento ai numeri di blocco validi per le carte attivate prima del 2015. È possibile chiamare dall'Italia l’800 90.44.70 e dall'estero il +39 (02) 60.84.37.60.

Blocco carta BCC online

E' posibile attivare il blocco del bancomat o della carta di credito anche online, all'indirizzo www.cartabcc.it. Chiaramente occorre essere in possesso dei parametri di accesso. 

Assistenza per blocco bancomat carta BCC

In caso di necessità è possibile contattare il Servizio Clienti della Banca di Credito Cooperativo, che è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24. Nello specifico è possibile chiamare

  • dall’Italia il numero verde 800.99.13.41 e
  • dall’estero il numero +39 06 87.41.99.04. Anche in questo caso i costi della chiamata dall’estero dipendono dal gestore telefonico.

Chi volesse inviare un’email, invece, potrebbe farlo scrivendo all’indirizzo di posta elettronica della banca: infocartabcc@cartabcc.it.

Compilazione del modulo blocco carta bancomat BCC

Per concludere, alcune indicazioni per una corretta redazione del modulo blocco bancomat BCC. Compilare tutti i campi con le rispettive informazioni è molto importante per garantirsi la buona riuscita della richiesta, perciò occorre iniziare inserendo i propri dati in alto a sinistra e quelli della banca in alto a destra, indicando l’indirizzo della filiale presso la quale è intrattenuto il conto.

L’oggetto della comunicazione è già stato inserito, per cui bisogna preoccuparsi solo di indicare i propri dati, l’indirizzo di residenza, i propri recapiti, il numero della carta oggetto di smarrimento e la data di scadenza.

Occorre altresì indicare la data, l’ora e il numero di telefono utilizzato per richiedere il blocco del bancomat: queste informazioni sono importanti soprattutto per quanto riguarda la protezione offerta dalle banche contro eventuali addebiti fraudolenti.

A meno che non sia stata sottoscritta una specifica polizza assicurativa, infatti, i prelievi effettuati prima del blocco sono a carico del titolare della carta, mentre gli addebiti effettuati dopo il blocco sono a carico della banca, la quale deve restituire ai clienti il denaro sottratto, trattenendo però una franchigia di 150 euro.

Per essere più chiari faremo un esempio: se dopo il blocco della carta avviene un addebito fraudolento di 1.000 euro, il titolare della carta ci rimetterà solo 150 euro, perché la restante somma di denaro (850 euro) verrà restituita dalla banca.

Il rimborso viene negato solo se vengono riscontrati comportamenti colposi se non addirittura dolosi da parte del cliente: il codice PIN era conservato accanto alla carta, è stato comunicato il codice ad altre persone, il blocco della carta non è stato immediato e così via.

È altresì importante specificare nel modulo quando è avvenuta la denuncia presso il Comando di Polizia/Carabinieri, riportandone il giorno e l’ora (le informazioni sono contenute nella copia della denuncia stessa).

Il presente modulo va corredato di:

  • una copia del documento d’identità in corso di validità;
  • una copia della denuncia smarrimento bancomat;
  • una lista dei prelievi non autorizzati eseguiti in modo fraudolento dopo il blocco della carta (meglio scaricare la lista dei movimenti ufficiale dal proprio home banking).

Clonazionazione bancomat BCC

Se la carta BCC è in tuo possesso e ciò nonostante registri degli addebiti anomali, è probabile che sia stata operata una clonazione bancomat.

Anche in questo caso occorre immediatamente provvedere al bocco bancomat BCC, effettuare la denuncia e poi inviare alla banca questo modulo di contestazione addebiti con bancomat.

Tags:  truffe bancomat banche

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità