Bonus vacanze: fino a 500 euro per soggiorni in hotel, agriturismi e b&b

Formati
PDF   Guida Agenzia delle Entrate
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Da questa scheda è possibile scaricare la nuova guida che l'Agenzia delle Entrate ha realizzato e messo a disposizione dei cittadini sul tema del Bonus Vacanze. In proposito è bene precisare che non è più possibile fare una nuova domanda per richiedere il Bonus Vacanze 2021. Tuttavia coloro che lo hanno già richiesto dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, possono utilizzarlo entro il 31 Dicembre 2021 (Legge 26 Febbraio 2021, n. 21).

Bonus vacanze: in cosa consiste

Il settore del turismo e della ricettività in particolare, sono stati i più colpiti dall'emergenza Coronavirus. Il Governo ha adottato alcune misure finalizzate a garantire loro un sostegno economico. Una di queste è rappresentato appunto dal bonus vacanze.

Si tratta in pratica di una agevolazione in favore delle famiglie con ISEE non superiore ad una certa soglia, che vogliono trascorrere le proprie vacanze in Italia presso hotelagriturismi e bed & breakfast o che intendono pagare i servizi offerti, sempre in ambito nazionale, dalle agenzie di viaggi e tour operator.

Bonus vacanze: a chi spetta

Possono farne richiesta le famiglie con ISEE in corso di validità non superiore a 40.000 euro. Per il calcolo dell'ISEE occorre presentare all’Inps la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). In proposito segnaliamo che sul sito dell'Inps è disponibile anche la versione precompilata, ossia una DSU con dati parzialmente immessi dall’Agenzia delle entrate e dall'Inps.

Il bonus è utilizzabile da un solo componente del nucleo familiare.

A quanto ammonta il bonus

L'importo riconosciuto è pari a:

  • 500 euro per i nuclei familiari composti da più di due persone;
  • 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone;
  • 150 euro per i nuclei composti da una sola persona.

Di tali cifre, l'80% è concesso sotto forma di sconto dalla struttura ricettiva - che poi lo recupera sotto forma di credito d’imposta - e la parte restante (20%) come detrazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi.

Facciamo un esempio. La famiglia Rossi (3 componenti) decide di prenotare un soggiorno di 5 giorni presso un hotel di Bolzano (colazione inclusa) al prezzo di 1.200 euro. Applicando il bonus vacanza, l'hotel concederà uno sconto alla famiglia Rossi di 400 euro, che poi recupererà sotto forma di credito d'imposta attraverso il modello F24 o la cessione a terzi. Dal canto suo la famiglia paga alla struttura 800 euro, ma nel 2021 recupererà altri 100 euro sotto forma di detrazione d'imposta quando farà il 730 o il modello Redditi (se non ci sarà capienza fiscale perderà il bonus). Di fatto alla famiglia Rossi il soggiorno sarà costato soltanto 700 euro.

E' importante sottolineare che il bonus va fruito in un'unica soluzione e nei confronti di un'unica struttura. Dunque non è possibile organizzare due o più soggiorni, magari in strutture diverse, e pensare di fruire ogni volta del bonus.

Così come non è possibile beneficiare del bonus se c'è l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici, a meno che non siano agenzie di viaggio e tour operator.

La struttura ricettiva deve inoltre rilasciare una fattura, scontrino o ricevuta fiscale dal quale si evinca il codice fiscale del soggetto che intende fruire dell'agevolazione.

Bonus vacanze: come fare la richiesta

Come detto la Legge 26 febbraio 2021, n. 21 ha previsto la possibilità di utilizzare il bonus vacanze fino al 31 Dicembre 2021, ma non di effettuare una nuova domanda. In pratica tutti coloro che avevano fatto richiesta del voucher nel corso del 2020, ma che poi si sono ritrovati nell'impossibilità di programmare una vacanza per effetto delle restrizioni introdotte per l’emergenza epidemiologica da covid-19, hanno tempo fino alla fine di quest'anno per utilizzare il bonus. In definitiva la proroga riguarda i bonus già richiesti.

Per la richiesta del bonus vacanze occorreva

  • scaricare sul proprio smartphone l'app dei servizi pubblici "IO";
  • risultare in possesso delle credenziali SPID o della Carta di identità elettronica (CIE 3.0).

Dopo la richiesta, la App - tramite un collegamento con la banca dati dell’Inps - verificava se il soggetto soddisfaceva tutti i requisiti e in caso di esito positivo, confermava l'attivazione del bonus e contestualmente forniva un codice univoco e un QR-code da mostrare alla struttura al momento del pagamento del soggiorno. Chiaramente deve trattarsi di una struttura che abbia aderito all’iniziativa promossa dal Governo.

L'app specificava inoltre

  • l'importo dello sconto e quello del credito d'imposta
  • l'elenco di tutti i componenti del nucleo familiare
  • il periodo entro cui era possibile utilizzarlo.

Nella guida sono anche indicate le modalità con cui l'esercente può applicare lo sconto al momento dell'incasso e successivamente recuperare lo sconto sotto forma di credito d’imposta.

Tags:  coronavirus viaggiare vacanze

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Utilità