Modello di preventivo per trasloco: fac simile editabile

Formati
DOC
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

In questa scheda proponiamo un fac simile di contratto di trasloco, un modello cioè di contratto per servizi di trasloco di arredi ed effetti personali in ambito locale e nazionale, a cui si allega un fac simile preventivo per trasloco.

Perché ricorrere al contratto di trasloco

Quando si decide di cambiare abitazione le incombenze da affrontare possono essere di vario tipo, a cominciare da quelle di carattere burocratico: comunicare la nuova residenza all'anagrafe del comune e all'ufficio tributo per la TARI, volturare i servizi di elettricità, gas, telefonia, acqua, ecc.

Naturalmente c'è poi il grosso impegno legato al trasloco. Il consiglio, in questi casi, è di affidarsi ad un’impresa specializzata che esegua il trasloco dei tuoi arredi ed effetti personali in tutte le sue fasi: smontaggio, imballaggio, trasporto e rimontaggio presso i nuovi locali.

E’ importante a tal proposito che il personale tecnico della ditta di traslochi svolga un accurato sopralluogo, al fine di verificare le caratteristiche degli arredi e delle suppellettili e per valutare le problematiche di accessibilità nei luoghi di partenza e destinazione (esistenza e utilizzabilità dell’ascensore, cortile interno per le operazioni di carico e/o scarico, balconi o finestre accessibili dalla strada, esistenza di ZTL sugli spazi di carico/scarico, ecc.).

L’azienda deve occuparsi dello smontaggio degli arredi e del loro imballaggio con cartoni e teli coprenti e protettivi, del trasferimento dei colli presso la nuova abitazione o il nuovo ufficio, con il montaggio degli arredi e l’adattamento ai nuovi spazi dell’ambiente.

La ditta deve prestare grande attenzione ai dettagli e alle finiture dei tuoi arredi, al fine non rovinarli o comprometterne il pregio.

Gli oggetti delicati come cristalli, soprammobili, piatti, bicchieri, vetrinette, vasi, specchi, apparecchi audio-visivi, personal computer, lampade, quadri ed altri, devono essere imballati in speciali materiali che li rivestono assicurandone l’integrità in tutte le fasi del trasloco, oppure in speciali contenitori resistenti agli urti e alle cadute accidentali.

Come si vede sono tanti gli aspetti a cui porre attenzione quando si ha a che fare con un trasloco. Per evitare l’insorgenza di problemi tra consumatori e ditte di traslochi e assicurare regole di trasparenza e di equità, Unioncamere, in collaborazione con le associazioni dei consumatori e delle imprese e il supporto di alcuni ordini professionali hanno predisposto il fac simile di contratto di trasloco che trovi in questa scheda.

Fac simile preventivo per trasloco: cosa riportare

Al contratto di trasloco, il cui testo è stato approntato tenendo conto delle esigenze delle controparti, si affianca uno schema di preventivo, da predisporre a cura della ditta.

Si tratta in particolare di una scheda tecnica del servizio di trasloco comprensiva del preventivo di spesa. Il modello di preventivo per trasloco va allegato al relativo contratto.

Per poter definire nel dettaglio il preventivo, la ditta di trasloco deve mettere nero su bianco tutti quegli elementi che in qualche modo possono incidere sulla quantificazione dell’offerta. Ci riferiamo ad esempio:

  • alla distanza del trasloco;
  • alle difficoltà particolari di parcheggio o di carico/scarico;
  • all’esistenza o meno di un ascensore;
  • alla presenza o meno di un cortile interno per le operazioni di carico e/o scarico;
  • all’esistenza di eventuali articoli soggetti a particolari regolamentazioni o cautele nel trasporto;
  • all’esistenza di eventuali articoli che possono provocare danni al mobilio o all’equipaggiamento;
  • alla presenza di eventuali oggetti d’arte o di particolare pregio;
  • alla eventualità di ritirare la merce ad un indirizzo diverso da quello di partenza

e via discorrendo.

Chiaramente nella definizione del prezzo incide anche il volume trasportato e i servizi concordati, come:

  • fornitura materiali di imballaggio;
  • preparazione arredi con eventuali smontaggi;
  • preparazione contenuti mobili e suppellettili;
  • disimballo, montaggio e sistemazione del mobilio;
  • impiego piattaforma elevatrice;
  • permessi Z.T.L. (a carico del traslocatore)
  • ecc.

Qualora al termine del trasloco il cliente riscontrasse danneggiamenti alla merce trasportata, sarebbe opportuno che - ai fini di un congruo risarcimento dei danni subiti - egli provvedesse senza indugio ad una

in forma scritta.

Tags:  traslochi

Foto
Flickr
Documenti correlati
 
Utilità