A chi comunicare il cambio di residenza: guida utile

Se ti sei appena trasferito ti consigliamo di leggere questo post, un vademecum utile a quanti in questa occasione si pongono la domanda: "A chi comunicare il cambio di residenza?". Tra i destinatari certamente enti, aziende, amici, parenti, collaboratori, professionisti ... e chi altro? Ricordiamo che residenza e domicilio sono due concetti giuridici diversi.

Cambio di residenza: cosa fare innanzitutto

Innanzitutto il cambio di residenza va registrato all’Ufficio Anagrafe del Comune in cui ti sei trasferito, presso il quale dovranno essere compilati gli appositi moduli previsti per la registrazione. Dal nostro portale è possibile scaricare il 

da presentare in Comune entro 20 giorni dalla data del trasferimento effettivo. Il cambio di residenza acquisisce efficacia entro 48 ore dalla presentazione di detto modulo. Ad ogni modo il Comune può inviare uomini della Polizia Municipale per effettuare i controlli.

Coloro che posseggono una patente di guida devono compilare anche l'apposito

con cui gli uffici comunali provvederanno ad effettuare la comunicazione della variazione della residenza all'Ufficio Centrale Operativo del Ministero dei Trasporti a Roma, aggiornando in questo modo l'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida. E' importante sapere, infatti, che dal 2013 il Ministero non effettua più la stampa e la spedizione all'interessato del tagliando adesivo in cui è indicata la nuova residenza da apporre sulla patente di guida.

Il cambio di residenza deve essere comunicato anche all'Ufficio Tributi del Comune considerando la sua incidenza sull'applicazione della tassa sui rifiuti. Nello specifico deve pervenire la disdetta della tassa relativa alla vecchia casa e la denuncia per la nuova, specificando i metri quadri dell’abitazione stessa e il numero di persone che la abitano. Questo il 

Cambio di residenza: a chi comunicarlo?

La comunicazione sul cambio di residenza deve pervenire all'Azienda Sanitaria Locale, ma solo nei casi in cui ci si sposti in un territorio coperto da un distretto diverso rispetto a quello originale.

Anche la compagnia assicurativa deve essere informata del tuo cambio di residenza o domicilio, di modo da poterti recapitare le dovute comunicazioni, ma non solo: cambiando zona potrebbe cambiare anche la classe di rischio, modificando di conseguenza anche il premio assicurativo.

Se possiedi una polizza sulla casa, sarà necessario modificarla al momento stesso del trasferimento, così da adattarla alle caratteristiche della nuova abitazione.

Per continuare a ricevere notizie dalla tua banca, come avvisi ed estratto conto, è necessario anche in questo caso comunicare il cambio di indirizzo. Solitamente, basta recarsi in filiale e presentare una

che attesti il tuo spostamento. In proposito è bene ricordare che grazie ad una novità contenuta nell’art. 30-bis del Decreto Semplificazioni (D.L. n. 76/2020, convertito in L. n. 120 del 11/09/2020), è stato modificato l’art. 2 del d.P.R. n. 445/2000, rendendo obbligatorio anche per i privati accettare l’autocertificazione da parte dei cittadini. Dunque la banca, così come le compagnie assicurative, non possono più pretendere il certificato di residenza rilasciato dal Comune.

In alternativa puoi usare questo

oppure, se la variazione riguarda unicamente la casella di posta elettronica, questo

Cambio di residenza: canone Rai, abbonamenti e documenti di riconoscimento

Prima della riforma sul canone Rai in caso di variazione della residenza occorreva effettuare una comunicazione all'Agenzia delle Entrate. Questo il  

che era necessario compilare.

Con la riforma, invece, il canone televisivo viene addebitato in bolletta a tutti i clienti titolari di utenza domestica residente di fornitura elettrica. L’importo di 90 euro viene suddiviso in 10 rate da 9 euro nelle bollette della luce da gennaio a ottobre.

Ora se in occasione del cambio di residenza il cliente provvede ad attivare una nuova utenza elettrica, il canone verrà addebitato automaticamente dal mese di attivazione della fornitura. L’addebito avverrà nella prima fattura elettrica utile, dove saranno addebitate le rate già scadute.

Anche in caso di volturazione dell'utenza elettrica, il cliente non deve effettuare alcuna comunicazione all'Agenzia delle Entrate, dal momento che l'addebito avverrà nella prima fattura elettrica utile, nella quale saranno addebitate le rate scadute.

Per maggiori informazioni a riguardo consigliamo la lettura del post sul cambio residenza canone Rai.

Se sei abbonato a riviste e giornali, invece, devi provvedere ad informare chi di dovere del cambio di residenza, di modo che non arrivino più al vecchio indirizzo, bensì al nuovo. Spesso le informazioni relative al cambio di indirizzo presso cui recapitare il prodotto è indicato sul sito web del giornale, o nella copia cartacea stessa. 

Il tuo indirizzo è riportato anche sull’abbonamento ai mezzi pubblici, ma in questo caso non è necessario modificarlo se non al rinnovo, ossia dopo la loro naturale scadenza.

Stesso discorso per Carta d'Identità e Passaporto, per i quali i il cambio di residenza non è obbligatorio. Tali documenti, infatti, risultano validi anche con il vecchio indirizzo fino a scadenza. Chiaramente in fase di rinnovo occorrerà comunicare il nuovo indirizzo.

Comunicazione cambio residenza Agenzia Entrate: va effettuata?

La comunicazione di cambio residenza all'Agenzia delle Entrate non va effettuata, sia nel caso in cui tu abbia semplicemente cambiato via all'interno dello stesso Comune, sia nel caso in cui tu ti sia trasferito altrove.

Ciò per il fatto che è possibile contare su un perfetto allineamento delle anagrafi comunali con l’anagrafe tributaria.

Cosa diversa è se il contribuente vuole scegliere un indirizzo per le notifiche degli atti fiscali presso una persona o un ufficio (questi deve trovarsi nello stesso Comune in cui ha il proprio domicilio fiscale). In questo caso occorre compilare questo 

Ricordiamo che il domicilio fiscale è un termine con cui si definisce la competenza territoriale dell’Ufficio tributario.

Cambio di residenza: medico di base, datore di lavoro e professionisti

È bene comunicare il cambio di residenza anche a tutti i professionisti a cui di solito ci rivolgiamo, come l’avvocato e il commercialista. Anche il datore di lavoro deve essere informato del tuo spostamento, così da modificare i documenti previdenziali che ti riguardano. Questo il

Nel caso in cui il trasferimento comporti uno spostamento sostanziale, sarà necessario modificare anche il medico di famiglia.

Durante il cambio di residenza da un’abitazione all’altra è naturale effettuare anche il trasferimento delle utenze domestiche come gas, luce, telefono, adsl e quant’altro. In questi casi se si tratta di un edificio di nuova costruzione, sarà bene rivolgersi ai fornitori e distributori dei rispettivi servizi e stipulare un nuovo contratto. Se, invece, gli allacciamenti sono già esistenti, si può procedere a seconda dei casi con una voltura o un subentro.

Se possiedi armi ricordati di comunicare alle Autorità di Pubblica Sicurezza la variazione del luogo in cui sono detenute le armi e munizioni. Questo il 

Infine, anche amici e parenti vanno informati sul tuo spostamento, per questo potrebbe essere comodo mandare loro una e-mail o un messaggio su Whatsapp: in questo modo potrai raggiungere un grande numero di persone risparmiando molto tempo.
Documenti correlati


56538 - giberga
22/09/2021
Cambio residenza da una provincia ad un'altra della stessa regione (lombardia) ma mantengo lo stesso medico di base cosa devo fare

56499 - Adriano
14/09/2021
Se cambio residenza dal comune di Milano al comune di Buccinasco posso tenere lo stesso medico che ho a Milano. Come devo fare per cambiare indirizzo.

56006 - Maria Teresa
30/05/2021
Ho cambiato residenza nello stesso comune a chi devo comunicarlo per l’agenzia delle entrate ha già provveduto il comune stesso per asl patente cosa devo fare? Grazie

55833 - FRANCESCO
27/04/2021
BUONGIORNO HO CAMBIATO RESIDENZA A FEBBRAIO MA SEMPRE NELLO STESSO COMUNE L ASL A TUTTORA NON HA ANCORA CAMBIATO L'INDIRIZZO COSA POSSO FARE?

52992 - BRUNO
14/07/2019
Buon giorno, per accedere all'isola ecologica del comune dove mi sono trasferito recentemente bisogna utilizzare la tessera sanitaria ma sulla stessa non è presente la variazione e pertanto non posso entrare all'isola ecologica, cosa debbo fare per ottenere che la tessera sia aggiornata? Grazie

52645 - Milani Mario
14/04/2019
La Asl non mi rilascia la tessera sanitaria dopo cambio residenza e regione perché io non ho mai usato il medico nei 2 anni fuori regione

52570 - Giulia
01/04/2019
Salve, se cambio residenza per avere assistenza sanitaria posso recarmi alla nuova ASL lo stesso giorno del cambio residenza? Grazie

52120 - Redazione
11/05/2018
Giusi, può effettuare il cambio di residenza nel momento in cui il trasferimento è definitivo. In questo caso ha tempo 20 giorni dal trasferimento presso la nuova abitazione.

52110 - giusi
10/05/2018
Ciao ho acquistato casa (prima casa) a giugno dell'anno scorso usufruendo degli sgravi fiscali... però non ho ancora fatto il cambio di residenza che è in un comune diverso da quello dell'acquisto della casa... volevo chiedere se ho 18 mesi di tempo per poter variare la residenza oppure 1 anno? e per quanto tempo sono vincolata a tenere la residenza nella casa che ho acquistato? Grazie.

51963 - Redazione
18/04/2018
Rosa, si perchè il trsferimento in una provincia diversa comporta la revoca automatica del medico di famiglia da parte della ASL.


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio