Recesso contratto manutenzione ascensore: modelli editabili

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
PDF
DOC   fac simile (b)
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Fac simile con il quale l'amministrazione di condominio, il dirigente di un ente pubblico e l'amministratore di una società privata comunica alla ditta appaltatrice del servizio il recesso dal contratto di manutenzione degli ascensori.

Manutenzione ascensore: in cosa consiste

La manutenzione dell'ascensore non solo è un'attività opportuna, ma anche obbligatoria. A stabilirlo è il D.Lgs 162/99, il quale non solo impone l'obbligo della manutenzione al proprietario dell'ascensore, ma prescrive anche che detta attività sia riservata esclusivamente a tecnici abilitati.

Il servizio consiste nella manutenzione ordinaria e periodica dell’impianto e comprende:

  • il programma di manutenzione effettuato dal manutentore sulla base della norma UNI EN 13015 mediante visite programmate di personale abilitato da effettuarsi ogni tot giorni, al fine di verificare il funzionamento dei dispositivi meccanici, idraulici ed elettrici e lo stato di conservazione di funi e catene; 
  • le normali operazioni di pulizia e di lubrificazione delle parti;
  • la segnalazione tempestiva della necessità di riparazione e/o sostituzioni di parti danneggiate o logorate;
  • la sospensione immediata del funzionamento dell’impianto in caso di pericolo;
  • le verifiche semestrali dell’impianto sulle parti maggiormente coinvolte nella sicurezza;
  • l’annotazione, nel libretto di impianto, delle verifiche sopra descritte;
  • l'intervento di personale abilitato a seguito di ogni giustificata richiesta.

Contratto manutenzione ascensore

L'incarico alla ditta specializzata viene affidato attraverso la sottoscrizione di un contratto manutenzione ascensore che definisce

  • oggetto e scopo dell'attività;
  • decorrenza, rinnovazione tacita, durata e recesso 
  • canone, fatturazione e pagamenti 
  • dettaglio sui servizi offerti;
  • obblighi del manutentore
  • obblighi del committente 
  • controversie.

Disdetta contratto manutenzione ascensore: quando comunicarla

Il contratto può avere una durata di "enne" anni con previsione di tacito rinnovo per un uguale periodo, salvo disdetta di una delle parti da comunicarsi, almeno un certo numero di giorni prima della data di scadenza.

A tal proposito va precisato che la giurisprudenza ha dichiarato vessatorie le clausole per i contratti di manutenzione degli ascensori che prevedono un preavviso di 180 giorni per la disdetta, considerando invece congruo un preavviso di 30 giorni.

In caso di contratto senza tacito rinnovo, la durata potrebbe essere pari ad un anno. In questo caso se si vuole disdire il contratto a scadenza non occorre effettuare alcuna comunicazione.

Chiaramente il contratto di manutenzione ascensore potrebbe anche prevedere la facoltà in capo al committente di recedere dal contratto in qualsiasi momento, tramite l'invio di una semplice lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

In questo caso, tuttavia, occorre porre attenzione, perché il contratto potrebbe prevedere l'obbligo per la parte che recede di pagamento di un indennizzo da calcolarsi in misura pari ad una certa percentuale dei canoni fino alla scadenza.

Tags:  spese condominiali condominio

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità