Fac simile inventario beni ereditari: PDF editabile

Formati
PDF interattivo
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

In questa scheda rendiamo disponibile in formato editabile un fac simile verbale inventario beni ereditari, ossia un modello con cui è possibile accertare la consistenza del patrimonio ereditario. Non è necessaria l'assistenza di un legale.

Inventario beni ereditari: perché si fa

Come già anticipato l'inventario è un atto che contiene una descrizione dettagliata e particolareggiata degli elementi che compongono l'asse ereditario: immobili, terreni, conti correnti, autovetture, risparmi, debiti, ecc. appartenenti al defunto.

La redazione dell'inventario generalmente viene richiesta da coloro che intendono optare per l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario.

Ricordiamo che quest'ultima è una modalità di accettazione dell'eredità che consente di tenere distinti il patrimonio del defunto e quello dell’erede. Vi si ricorre quando si presume che il defunto sia particolarmente oberato di debiti. In pratica attraverso questa soluzione l’erede non potrà essere tenuto a pagare i debiti del defunto oltre quanto abbia ricevuto per effetto della successione.

Ma la redazione dell'inventario dei beni è previsto altresì quando il patrimonio di un soggetto (ad esempio l’infermo, il minore sottoposto a tutela, la persona di cui si signori l’esistenza, ecc.) deve per legge essere amministrato e gestito da un soggetto diverso da quello a cui spetta (il tutore, l’amministratore di sostegno,  il curatore dell’eredità giacente o dei beni dell’assente).

Hanno diritto di assistere alla formazione dell'inventario:

  • il coniuge superstite;
  • gli eredi legittimi presunti;
  • l'esecutore testamentario, gli eredi istituiti e i legatari;
  • i creditori che hanno fatto opposizione alla rimozione dei sigilli.

Tali soggetti devono essere avvisati almeno 3 giorni prima, pena l'inefficacia dell'inventario.

Nessun altro oltre a costoro può richiedere o partecipare all'inventario dei beni ereditari. Così il parente, l'amico o il vicino di casa animati da una semplice curiosità circa la consistenza dell'asse ereditario, non possono chiedere la redazione dell’inventario.

Chi redige il fac simile inventario beni ereditari

L’inventario è redatto da un notaio o dal cancelliere del Tribunale competente (il Tribunale dell'ultimo domicilio del defunto). Questo il 

Con il ricorso al notaio, alle spese legate all'imposta di registro, all'imposta di bollo e all'inserzione del verbale nel registro delle successioni, si aggiungono quelle relative all'intervento del professionista, la cui parcella varierà in funzione della quantità e della natura dei beni da inventariare. In questo caso si consiglia di richiedere un preventivo di massima.

Se alla redazione dell'inventario provvede il Cancelliere, anche a quest'ultimo è dovuto un rimborso delle spese ed un compenso determinato dal giudice.

Nel caso in cui sussistano difficoltà nel determinare il valore di certi beni mobili (quadri, preziosi, ecc.), è possibile avvalersi di uno stimatore. La scelta, così come la relativa spesa, sono appannaggio del soggetto che richiede l'inventario. La nomina ufficiale spetta invece al Notaio o al Tribunale, che chiaramente devono accertarsi delle qualifiche professionali dello stimatore.

Se vengono rinvenute armi, invece, occorre informare tempestivamente la Questura o il più vicino Comando dei Carabinieri.

E' molto importante che l'erede non escluda intenzionalmente dall'inventariazione determinati beni, perché correrebbe il rischio di cadere dal beneficio di inventario e quindi di rispondere dei debiti del de cuius anche con i propri beni personali.

L'inventario essendo redatto da un pubblico ufficiale fa piena prova fino a querela di falso.

Va pubblicato nel registro delle successioni tenuto presso la cancelleria del Tribunale ove si è aperta la successione o del Tribunale del luogo ove il defunto aveva l’ultimo domicilio.

Documentazione per la redazione dell'inventario

Chiaramente ai fini della redazione dell'inventario beni ereditari occorre predisporre una serie di documenti: atto di provenienza e certificati catastali nel caso di immobili, certificato di proprietà e carta di circolazione in presenza di autovetture, rapporti di conto corrente o deposito titoli, visura registro imprese e situazione patrimoniale in presenza di un'impresa e via discorrendo.

Termini per la redazione dell'inventario

Se il soggetto chiamato all’eredità è nel possesso di beni ereditari, l’inventario va fatto entro 3 mesi dalla morte del defunto. L'inventario deve quindi essere seguito dall'accettazione beneficiata entro i 40 giorni successivi.

Se il chiamato all’eredità, invece, non è nel possesso di beni ereditari 

  • deve effettuare l'inventario entro 3 mesi dalla dichiarazione di accettazione già resa;
  • deve fare la dichiarazione di accettazione o rinuncia dell’eredità nei 40 giorni successivi, se ha già fatto l'inventario.

Se è stato chiesto al giudice di fissare un termine per l’accettazione, il chiamato all’eredità deve fare l’inventario entro tale termine.

In caso di necessità è possibile chiedere una proroga attraverso un'apposita istanza da depositare in tribunale.

Tags:  successione eredità

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità