Modulo richiesta dichiarazione di credito Poste Italiane

Formati
PDF   Dichiarazione sostitutiva di Atto Notorio per successione legittima
PDF   Dichiarazione sostitutiva di Atto Notorio per successione testamentaria
PDF   Comunicazione notizia del decesso Poste Italiane
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Due fac simile di dichiarazione sostitutiva di atto notorio, da allegare al modulo di richiesta degli eredi su rapporti postali intestati al defunto e necessari per chiedere il rilascio della dichiarazione di credito da parte di Poste Italiane.

Modulo richiesta dichiarazione di credito Poste Italiane: cos'è e a cosa serve

Con il decesso dell'intestatario e la conseguente comunicazione da parte degli eredi (il modello è disponibile in questa scheda), Poste Italiane dispone il blocco su tutti i rapporti riconducibili al de cuius (conto Bancoposta, libretto di risparmio, fondi comuni di investimento, ecc.).

Da questo momento in poi nessuno potrà più impartire bonifici, effettuare prelievi o disporre addebiti o liquidazioni, tranne l'eventuale cointestatario del conto con firma disgiunta. Questi in effetti potrà continuare ad operare sul conto, almeno fino alla presentazione della dichiarazione di successione, ma limitatamente alla propria quota. La legge, infatti, presume che i contitolari di un conto siano proprietari del denaro in parti uguali, a meno che non si provi il contrario.

Cointestatario a parte, se l'erede (o il curatore, legatario, esecutore testamentario, amministratore di sostegno o tutore dell’erede) vuole sbloccare i rapporti intestati al de cuius deve provvedere a presentare la dichiarazione di successione all'Agenzia delle Entrate. A tal fine è fondamentale conoscere l'importo dei saldi disponibili sul conto Bancoposta e/o sul libretto di risparmio oltre che la consistenza dei risparmi accantonati con Poste Italiane alla data del decesso. 

Tale richiesta potrà essere avanzata allo sportello postale (l'operatore richiederà la compilazione di un apposito modulo di richiesta degli eredi su rapporti postali intestati al defunto), oppure direttamente online tramite il servizio MyPoste.

Poste Italiane dal canto suo provvederà a rilasciare la cosiddetta dichiarazione di credito, vale a dire una certificazione ad uso successorio che attesta i saldi alla data del decesso dei rapporti e titoli riconducibili al de cuius e rilevanti ai fini della presentazione della dichiarazione di successione.

Nel caso in cui il defunto risultasse intestatario esclusivamente di rapporti e titoli esenti dall'imposta di successione e dall'obbligo di indicazione nella dichiarazione di successione (Buoni Fruttiferi Postali e Titoli di Stato), il documento non sarebbe rilasciato da Poste Italiane.

Ricordiamo che la dichiarazione di successione non è necessaria se sussistono congiuntamente le seguenti condizioni:

  • gli eredi sono soltanto il coniuge e/o i parenti in linea retta del defunto (discendenti o ascendenti, no fratelli/sorelle);
  • l’attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro;
  • l'eredità non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari

Cosa allegare al modulo richiesta dichiarazione di credito Poste Italiane

Alla richiesta avanzata dagli eredi occorre fornire/allegare i seguenti dati/documenti:

  • documento d’identità e Codice Fiscale del richiedente;
  • dati anagrafici del de cuius (nome e cognome, data e luogo di nascita, data e luogo del decesso, ultima residenza e Codice Fiscale);
  • certificato di morte. In caso di esonero dall’obbligo della Dichiarazione di Successione occorre produrre l’estratto di morte;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa e sottoscritta da uno degli eredi con firma debitamente autenticata da un Pubblico Ufficiale (notaio, segretario comunale, funzionario delegato dal sindaco).

A tal proposito due sono i fac simile disponili in questa scheda, l'uno per la successione legittima e l'altro per la successione testamentaria.

Una volta presentata la dichiarazione di successione all'Agenzia delle Entrate, gli eredi possono presentare domanda di rimborso presso lo stesso Ufficio Postale già prescelto in occasione della richiesta della dichiarazione di credito e può essere sottoscritta da un solo erede o soggetto legittimato. Successivamente, in fase di liquidazione delle successioni, sarà necessaria la quietanza congiunta di tutti gli eredi e/o soggetti legittimati.

Scarica qui la modulistica successione Poste Italiane.

Se la presentazione della dichiarazione di successione non è necessaria, ai fini del rimborso gli eredi potranno limitarsi ad allegare al resto della documentazione richiesta, questa dichiarazione di esonero successione.

Tags:  accesso agli atti poste italiane successione eredità banche

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità