Richiesta autorizzazione condominiale per insegna: modello editabile

Formati
DOC
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Un fac simile in formato editabile con cui è possibile richiedere al condominio il permesso/autorizzazione all’installazione di targhe, insegne, cartelli, pannelli, ecc. sulla facciata dell’edificio.

Nulla osta condominiale per insegna: quando richiederlo

Una simile richiesta può essere avanzata, ad esempio, dal commerciante che dispone di un negozio al piano terra dell'edificio, da un avvocato, commercialista, medico o architetto che adibisce l'appartamento ad uso professionale e così via.

A tal proposito la legge stabilisce che ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché

  • non alteri la destinazione della cosa (e l'apposizione di una targa o di una insegna sicuramente non determina questo rischio)
  • non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti d'uso (art. 1102 Cod. Civ.).

Ciò nonostante si consiglia sempre di inoltrare una comunicazione scritta all'amministratore di condominio o comunque di rappresentare l'esigenza al condominio in sede di assemblea per evitare possibili discussioni a posteriori.

Nella fattispecie occorre che la comunicazione precisi:

  • il tipo, le caratteristiche e le dimensioni del manufatto da installare (insegna pubblicitaria, targa, pannello, ecc.);
  • il punto della facciata condominiale in cui posizionale il manufatto;
  • i riferimenti relativi alla ditta (iscrizione alla Camera di Commercio, ecc.) o al professionista (iscrizione all’albo,  ecc.);
  • (eventualmente) gli estremi dell'autorizzazione all’affissione dell’insegna rilasciata dal Comune.

Si consiglia di allegare anche un bozzetto dell’insegna.

Affissione cartelli condominio: quando può essere vietata

Potrebbe accadere, tuttavia, che il regolamento condominiale ponga alcuni limiti in tal senso. In particolare il regolamento potrebbe contenere un espresso divieto alla apposizione di insegne e cartelli sulla facciate con il fine di preservare il decoro architettonico dello stabile.  

Va precisato, tuttavia, che solo il regolamento condominiale di tipo contrattuale può contenere clausole limitatrici dei diritti dei singoli sulle cose comuni.

Tags:  condominio

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità