Reclamo Agenzia delle Entrate: modelli PDF

Formati
PDF   modello Ufficio territoriale
PDF   modello Ufficio provinciale - Territorio
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Due distinti modelli con cui effettuare un reclamo Agenzia delle Entrate: l'uno per i servizi fiscali e l'altro per i servizi catastali e ipotecari. Gli stessi modelli possono essere utilizzati anche nel caso in cui il contribuente intenda inoltrare un suggerimento.

Reclamo Agenzia delle Entrate: come farlo

Checché se ne dica l'Agenzia delle Entrate è da anni impegnata nell'offrire assistenza e orientamento costante al cittadino, attraverso una
comunicazione chiara e trasparente, una facilità e rapidità di accesso ai servizi (grazie anche alle moderne tecnologie), la competenza, cortesia e
disponibilità di un personale altamente qualificato.

L'Agenzia delle Entrate è anche impegnata a rilevare il livello di soddisfazione dei cittadini, al fine di calibrare sempre meglio i propri servizi. Fa questo attraverso indagini di customer satisfaction e tramite la procedura di reclami e suggerimenti.

Ciò detto il contribuente può inoltrare un reclamo Agenzia delle Entrate in due modi:

  1. compilando uno dei due moduli cartacei presenti in questa scheda. Il modello va consegnato direttamente in ufficio oppure inviato per posta ordinaria, a mezzo raccomandata A.R. o via PEC all’ufficio dove si è verificato il disservizio (www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/lista-uffici);
  2. facendo ricorso alla modalità online. Questa la pagina da cui partire: https://assistenzamail.agenziaentrate.it/GestioneSegnalazioni. Basta inserire il proprio codice fiscale e l'indirizzo di posta elettronica, indicare il giorno in cui si è verificato l’evento e, in caso di disservizio, specificarne il motivo.

Dal 2019 attiva anche per inviare segnalazioni per i servizi catastali, cartografici e di pubblicità immobiliare.

Reclamo Agenzia Entrate: cosa può riguardare

In linea generali il sistema online e offline consente di denunciare disservizi e irregolarità o suggerire interventi di semplificazione e miglioramento.

In modo particolare le segnalazioni possono riguardare:

  • servizi fiscali
  • servizi catastali, cartografici e pubblicità immobiliare
  • servizi di call center,
  • servizi Telematici Entrate (abilitazione fisconline, precompilata, civis, fatturazione elettronica);
  • servizi Telematici Territorio (consultazioni catastali /ipotecarie con sister, fisconline ecc).

Scendendo ancor di più nel dettaglio, il reclamo/suggerimento può riguardare:

  • assistenza e informazioni;
  • attribuzione Partita IVA/Codice fiscale;
  • rilascio codice Pin servizi telematici;
  • registrazione atti o contratto di locazione;
  • dichiarazione di successione;
  • assistenza su comunicazioni e cartelle;
  • compilazione ed invio dichiarazioni fiscali;
  • rilascio certificazioni e autorizzazioni;
  • consegna documenti e bollatura registri;
  • attività di accertamento;
  • atti pubblici;
  • richiesta servizi in modalità agile;
  • servizi Ipotecari;
  • servizi catastali e cartografici.

Il contribuente può lamentarsi ad esempio per

  • il comportamento del personale;
  • il mancato rispetto di un appuntamento;
  • i tempi di attesa in coda;
  • l'efficacia del servizio;
  • i tempi di erogazione del servizio;
  • la correttezza delle informazioni fornite;
  • la mancanza di modulistica;
  • la dotazione logistica dell’ufficio;
  • altre questioni.

Qualunque sia l'area di interesse e il problema riscontrato, è di fondamentale importanza riportare i dati anagrafici e i recapiti (telefono e e-mail) del segnalante.

Se il contribuente ha riscontrato un disservizio presso uno degli uffici presenti sul territorio o telefonando al call center numero verde 800.90.96.96 (0696668907 da cellulare), è importante annotare il numero dell’operatore che ha preso in carico la telefonata (ad es. operatore n. XYZ di Roma).

Una volta inviata la segnalazione, il contribuente riceverà una e-mail con i dati di riepilogo (identificativo, data di presentazione ecc). Nei giorni successivi potrà essere contattato per fornire ulteriori dettagli.

In ogni caso l'Agenzia si impegna a fornire una risposta entro 20 giorni lavorativi dal ricevimento del reclamo. Il contribuente potrà monitorare lo stato di lavorazione della segnalazione utilizzando il numero identificativo ricevuto via mail.

Tags:  fisco

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Utilità