Ricorso Prefetto multa Covid fac simile editabile

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
PDF
DOC   fac simile (b)
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Fac simile con cui è possibile proporre ricorso al Prefetto contro una multa elevata dalle forze dell'ordine (Polizia Municipale, Carabinieri, Polizia Stradale, ecc.) per aver violato le norme per il contenimento dell’epidemia sanitaria Covid19. Con lo stesso modello è possibile altresì chiedere la rateizzazione della sanzione.

Nuove norme anti-Covid: il Super Green Pass

Lunedì 6 dicembre entrano in vigore le nuove regole previste dal Decreto Legge approvato dal Consiglio dei Ministri il 24 novembre 2021. In pratica da questa data e fino al 15 gennaio 2022 il Green pass diventa un Super Green pass o Green pass rafforzato.

Volendo essere più precisi il green pass viene rilasciato a chi si sottopone a tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo, mentre il super green pass viene rilasciato alle persone vaccinate o guarite. Il super green pass ha una validità di 9 mesi (e non più 12) a partire dall’ultima somministrazione di vaccino o dal certificato di avvenuta guarigione. Il green pass base ha una validità di 72 ore se rilasciato con tampone molecolare negativo, 48 ore se rilasciato con tampone antigenico negativo.

Con il super green pass è possibile accedere a tutti i locali pubblici al chiuso come bar, ristoranti, teatri, cinema, palazzetti dello sport ecc. La stessa cosa non è consentita ai possessori del green pass base. In zona arancione, inoltre, il certificato verde "rafforzato" è l'unico modo per spostarsi e uscire dal proprio Comune.

Diventa obbligatorio possedere quantomeno il green pass base per salire su un treno o su un autobus.

Così come per andare a lavorare è sufficiente il certificato verde base, ma se il lavoratore vuole accedere alla mensa deve avere il super green pass.

In zona bianca la mascherina resta obbligatoria soltanto al chiuso, mentre in zona gialla, arancione e rossa è obbligatoria all’aperto e al chiuso.

Importo sanzioni Covid19

Le nuove norme prevedono sanzioni non solo per chi viola le disposizioni, ma anche per chi non le fa rispettare.

In particolare colui che accede, ad esempio, ad un ristorante senza il super green pass è soggetto ad una sanzione amministrativa che va dai 400 ai 1.000 euro. Analoga sanzione per il gestore del locale che non effettua i dovuti controlli. In caso di reiterazione (3 multe in 3 giorni), inoltre, il locale può subire uno stop all'attività fino a 10 giorni.

Multe anche per chi utilizza i trasporti pubblici locali e nazionali o va in albergo, piscina o palestra senza avere neppure il green pass "base".

Infine per il lavoratore sprovvisto di certificazione, la sanzione va da un minimo di 600,00 € a un massimo di 1.500,00 €.

Sconto multa Coronavirus

E' possibile beneficiare dello sconto multa del 30%, ma occorre procedere al pagamento nel termine massimo di 5 giorni  dalla contestazione o notificazione del verbale. 

Rateizzazione multa Covid

E' possibile chiedere la rateizzazione dell'importo a condizione di trovarsi in determinate condizioni economiche (trovi tutto scritto nel post che abbiamo dedicato alla rateizzazione multa). 

Per chiederla occorre comunque compilare il modello disponibile in questa scheda e allegarci copia del verbale e del documento di identità del ricorrente.

Chiaramente la richiesta di rateizzazione preclude ogni possibilità di ricorso al Prefetto (o al Giudice di Pace).

Ricorso Prefetto multa Covid fac simile

Come detto in questa scheda è disponibile un fac simile con cui è possibile proporre ricorso al Prefetto contro una multa elevata per inosservanza delle misure anti-Covid.

Il ricorso va proposto entro 30 giorni dalla contestazione ai sensi dell'art. 18 della Legge n. 689/81, all'Autorità competente che:

  • per la violazione delle misure adottate con D.P.C.M., è il Prefetto;
  • per le violazioni delle misure adottate con ordinanza regionale o sindacale, è rispettivamente il Presidente della Regione o il Sindaco

Il ricorso non comporta alcun esborso e non necessita neppure dell’assistenza di un avvocato. Per inoltrarlo basta anche casella PEC o, per chi non ne dispone, una semplice raccomandata.

Gli scritti difensivi vanno indirizzati al Prefetto del luogo in cui è stata commessa l'infrazione. Eventualmente possono essere presentate direttamente all'Organo accertatore (ad es. alla Polizia Municipale) che provvederà ad inoltrarli al Prefetto corredati di controdeduzioni. Il ricorrente può richiedere l'audizione.

Il Prefetto, esaminato il caso, potrà emanare un'ordinanza di archiviazione o ingiunzione. In quest'ultimo caso l'importo della multa raddoppierà.

Chiaramente contro tale ordinanza è possibile proporre ricorso al Giudice di Pace competente territorialmente entro 30 giorni dalla notifica della stessa.

Ricorso Prefetto multa Covid fac simile: cosa indicare

Questi i contenuti del ricorso:

  • generalità del ricorrente, inclusi numero di telefono, e-mail e/o PEC;
  • dichiarazione di residenza;
  • indicazione del verbale, attraverso il riferimento al numero di identificazione, alla data di notifica e/o al numero di registrazione;
  • motivi per i quali si ritiene il verbale sia da annullare;
  • formulazione della richiesta (archiviazione del verbale, rateizzazione della multa, ecc.);
  • richiesta di audizione (eventuale).

Al ricorso occorre allegare:

  • una copia del verbale
  • una copia del documento di riconoscimento
  • qualsiasi documento utile a sostenere la tesi difensiva.

Tags:  coronavirus contravvenzione

Documenti correlati
 
Utilità