Autocertificazione di frequenza scolastica per maggiorenni e genitori

Formati     © Moduli.it
DOC   autocertificazione di frequenza scolastica per MINORENNI (a)
DOC   autocertificazione di frequenza scolastica per MINORENNI (b)
DOC   autocertificazione di frequenza scolastica per MAGGIORENNI
PDF   assegno di frequenza scolastica INPS
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

In questa scheda rendiamo disponibili alcuni fac simile con cui il genitore/tutore o direttamente lo studente se maggiorenne, può autocertificare la frequenza presso un determinato istituto scolastico: scuola dell'infanzia, primaria, secondaria di I o II grado, università.

Autocertificazione frequenza scolastica: quando è richiesta

Si fa ricorso a questo tipo di autocertificazione in svariate circostanze. Ad esempio per:

  • l'ottenimento di borse di studio;
  • l'ottenimento degli assegni familiari Inps (ANF);
  • la riduzione delle tasse scolastiche;
  • l'ottenimento dei permessi da parte della Polizia Municipale nel caso in cui il trasporto dello studente a scuola avvenga nei giorni di limitazione del traffico;
  • altre motivazioni.

L'autocertificazione sostituisce il certificato frequenza scolastica

Dal 1° gennaio 2012, a seguito dell’entrata in vigore della Legge 183/2011, non è più necessario rivolgersi alla direzione dell'Istituto scolastico o dell'Università per chiedere il rilascio di un certificato di frequenza scolastica.

Gli istituti non sono neppure tenuti a rilasciarlo (a meno che non serva nei rapporti con altri privati, in questo caso è in bollo) e comunque se lo fanno il certificato deve chiaramente indicare che lo stesso non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi (art. 40, comma 2 DPR 445/2000, come modificato dall’art. 15 della Legge 183/2011).

Modelli di autocertificazione frequenza scolastica

In questa scheda sono presenti 4 diversi modelli:

  • un fac simile che può utilizzare il maggiorenne, qualora costui abbia più di 16 anni e frequenti la scuola secondaria di II grado o l’Università;
  • un paio di fac simile ad uso genitori o tutori per i figli, minori o interdetti che frequentano la scuola dell'infanzia, primaria, secondaria di I o II grado;
  • il modulo predisposto dall’Inps. 

Ciascuno di questi moduli può essere presentato e firmato direttamente davanti al funzionario addetto senza altre formalità, oppure redatto prima e trasmesso (via fax, email o posta) con la fotocopia di un documento di identità valido.

Come compilare l'autocertificazione frequenza scolastica

Tutti i moduli sono in formato WORD, dunque editabili e facilmente personalizzabili.

I dati da inserire sono fondamentalmente questi:

  • i dati anagrafici del genitore/tutore o dello studente (se maggiorenne)
  • l'anno scolastico (è quello in corso)
  • classe, sezione, tipo di scuola, nome dell'istituto, sede
  • indicazione di regolare frequenza delle lezioni. 

Per il modulo Inps occorre altresì specificare la sede dell'Istituto di Previdenza. In quest'ultimo caso il modello contiene: 

  • l'attestazione secondo cui il coniuge del dichiarante non percepisce assegni per gli stessi figli;
  • l'impegno a comunicare all'Inps qualsiasi variazione dovesse intervenire nella situazione certificata entro 30 giorni dall'avvenuto cambiamento.

Tags:  scuola

Documenti correlati
 
Social
 
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Utilità