Contratto affitto studenti: modelli editabili, PDF

Formati
DOC   fac simile (a)
DOC   fac simile (b)
PDF   Contratto-tipo con canone concordato allegato al D.M. 16/01/2017
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Da questa scheda si possono scaricare alcuni modelli di contratto di locazione per studenti universitari, ai sensi dell'art. 5, comma 2, della legge 9 dicembre 1998, n.431. Si tratta di un particolare tipo di contratto di locazione a uso transitorio.

Contratto affitto studenti: quando si può redigere

Affinché si possa ricorrere a questa particolare forma contrattuale è necessario che

  • l'immobile sia ubicato in un comune sede di università o di corsi universitari distaccati e di specializzazione oppure in un comune limitrofo;
  • lo studente sia iscritto ad un corso di laurea o di perfezionamento ovvero di specializzazione in un comune diverso da quello di residenza. Tale aspetto, tra l'altro, deve essere specificatamente indicato sul contratto. In ogni caso è vietata la sublocazione.
Anche il contratto di affitto per studenti va registrato presso l’Agenzia delle Entrate. Tale operazione va fatta entro 30 giorni dalla data di stipula del contratto o dalla data di decorrenza della locazione.

Contratto locazione studenti: durata e disdetta

La legge stabilisce che la durata di questo particolare tipo di contratto possa variare da un minimo di 6 ad un massimo 36 mesi. Se viene pattuito un periodo inferiore a 6 mesi, la clausola è da ritenersi nulla e si applica automaticamente la durata minima prevista (6 mesi).

Con la prima scadenza il contratto di locazione si rinnova automaticamente per un identico periodo, a meno che il conduttore non comunichi al locatore la disdetta almeno 3 mesi prima della data di scadenza. Non può fare altrettanto il locatore.

Tuttavia in presenza di “gravi motivi” il conduttore ha la facoltà di recedere in qualsiasi momento dal contratto, previa comunicazione al locatore da inviarsi almeno 3 mesi prima. Questa la

Se il contratto è stato stipulato da più studenti e a recedere è uno soltanto di essi, coloro che continuano ad abitare l’immobile sono tenuti al pagamento dell’intero canone a favore del locatore. In questi casi il proprietario può prevedere la possibilità di sostituire lo studente che ha lasciato l’immobile con un altro studente.

Importo del canone

Le parti sono libere di stabilire l'ammontare del canone di locazione, tuttavia l'importo massimo applicabile non può superare le fasce previste per i contratti a canone concordato. Ricordiamo che si parla di affitti a canone concordato quando l'importo è compreso tra valori minimi e massimi stabiliti, in base ad aree omogenee, da accordi territoriali siglati tra le associazioni che tutelano gli interessi delle parti in causa. 

Le fasce di canone sono determinate sulla base di molteplici fattori, tra cui la zona della città (centro storico, semicentrale, periferica), lo stato dell’immobile (normale, mediocre, ecc.), le dimensioni dell’immobile (metratura), la mobilia e il suo status, ecc.

Dunque una prima verifica che lo studente è tenuto a fare riguarda proprio il riferimento o meno ai contratti a canone concordato.

Contratto studenti universitari cedolare secca

Anche per questo particolare tipo di contratto, il locatore può avvalersi della cedolare secca, forma di tassazione alternativa che consente di ridurre fortemente la tassazione sul reddito derivante dal canone d’affitto.

In particolare per i contratti di locazione per studenti universitari con canone concordato è possibile applicare il regime della cedolare secca al 10% (contro il 21% prevista sui contratti a canone libero).

Ricordiamo, inoltre, che la cedolare secca consente di evitare il pagamento di imposta di registro annuale ed imposta di bollo.

Detrazione affitto studenti: a quanto ammonta

Lo studente o la sua famiglia possono beneficiare di una detrazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi pari al 19% del canone locazione, per un importo non superiore a 2.633 euro. Questa significa che la detrazione massima è pari a 500,00 euro.

La detrazione del 19% si applica unicamente all'importo del canone d'affitto, dunque restano esclusi deposito cauzionale, spese di condominio e spese di riscaldamento. 

Verbale di riconsegna immobile

In occasione della scadenza o della disdetta contrattuale, è opportuno che le parti redigano e sottoscrivano un

Si tratta di un aspetto particolarmente delicato in quanto se il proprietario dovesse constatare dei danni all'interno dell'appartamento, potrebbe rivalersi sul deposito cauzionale.

Tags:  locazione affitto

Foto
Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità