Richiesta visura CAI: modulo PDF

Formati
PDF   (dati nominativi)
PDF   (dati non nominativi)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Moduli predisposti dalla Banca d'Italia con cui è possibile richiedere l'accesso ai dati registrati presso la Centrale Allarme Interbancaria (CAI). Il modulo visura CAI è disponibile in due versioni, entrambe in formato PDF editabile.

Cos'è la CAI e quali conseguenze determina

La Centrale Allarme Interbancaria (CAI) è un archivio informatico che memorizza tutte le informazioni riguardanti le irregolarità commesse dai cittadini nell'uso di carte di pagamento e assegni.

Ci riferiamo all'utilizzo di carte di pagamento revocate dall'istituto emittente per smarrimento, furto, superamento della soglia di fido concessa o mancato rimborso e all'emissione di assegni emessi senza copertura o senza autorizzazione.

Nell'archivio sono presenti sia le generalità di coloro che hanno commesso irregolarità, sia i dati degli assegni e delle carte di pagamento oggetto di revoca.

Chi, per una delle irregolarità sopra segnalate, viene iscritto alla CAI dalla banca, dalle Poste o da un qualsiasi altro intermediario finanziario, non potrà:

  • emettere assegni e stipulare nuove convenzioni di assegno presso altri istituti per la durata di 6 mesi;
  • utilizzare carte di pagamento per un periodo di 2 anni.
La CAI è gestita dalla Banca d'Italia.

Modulo visura CAI: a cosa serve

Il modello è disponibile in due versioni:

  • l'uno consente l'accesso ai dati che riguardano la persona interessata (dati nominativi). In pratica la persona fisica o giuridica, nella persona del legale rappresentante, possono verificare se il proprio nominativo risulta iscritto o meno alla CAI;
  • l'altro per l'accesso ai dati che riguardano ad esempio un determinato assegno bancario o postale e/o una determinata carta di pagamento (dati non nominativi). In pratica la persona interessata, specificando il PAN (Primary Account Number) della carta di pagamento o gli estremi dell'assegno, è in grado di verificare se lo strumento di pagamento è stato bloccato o meno.

A chi e come inoltrare la richiesta voltura CAI

Il modulo debitamente compilato in tutte le sue parti può essere trasmesso ad una qualunque filiale della Banca d'Italia che offre questo servizio, attraverso le seguenti modalità:

  • posta elettronica certificata
  • PEC
  • fax 
  • posta ordinaria
  • di persona allo sportello

Tutti i recapiti sono disponibili a questo indirizzo: www.bancaditalia.it/chi-siamo/organizzazione/filiali/index.html.

Non dimenticarsi di allegare alla richiesta la fotocopia di un valido documento di riconoscimento. Se si delega un terzo alla presentazione della richiesta, occorre compilare anche il modulo di delega.

La risposta sarà fornita da Banca d'Italia alla stessa casella di posta o PEC indicata nella richiesta.

Richiesta visura CAI: è possibile farla online?

Si, utilizzando l'apposito servizio predisposto da Banca d'Italia e disponibile a questo indirizzo: https://servizionline.bancaditalia.it/accessoDati

In alternativa si può consultare il sito della SIA (http://gbdpublx.sia.it/caipub/caiserv/FormInformativo1.jsp), per quanto riguarda la corretta circolazione degli assegni.

Tags:  cattivi pagatori moroso insolvenza

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità