Registrazione testata giornalistica Tribunale: modulo di domanda

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
PDF
DOC   fac simile (b)
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Fac simile con cui effettuare la registrazione presso la Cancelleria del Tribunale di giornali e periodici in vista della loro pubblicazione (ai sensi dell'art. 5 della Legge 8 febbraio 1948, n. 47). Sul nostro portale trovi anche un approfondimento specifico su come pubblicare una rivista.

Dove effettuare la registrazione testata giornalistica

La registrazione va richiesta presso il Tribunale competente, ossia quello del luogo dove ha sede l'editore.

La registrazione è a cura del proprietario della rivista o del periodico.

La registrazione giornale Tribunale è sempre obbligatoria?

La registrazione al Tribunale è sempre obbligatoria, a meno che la diffusione del prodotto editoriale non sia limitatata ad un numero circoscritto di persone (ad es. l'associazione culturale che distribuisce mensilmente il suo giornalino agli associati).

Altrettanto obbligatoria è l'iscrizione al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione). In questo caso, tuttavia, l'obbligatorietà non sussiste se si tratta di una rivista telematica, con volumi di fatturato non superiori a 100.000 euro e per la quale l'editore non ha fatto richiesta di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche.

Cosa riportare sul modulo di registrazione giornale Tribunale

Sul fac simile occorre innanzitutto riportare i dati della persona fisica (nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza) o giuridica (denominazione, sede, cognome, nome luogo e data di nascita, residenza del legale rappresentante) del PROPRIETARIO e dell'EDITORE (se diverso dal proprietario).

Occorre altresì riportare i dati del DIRETTORE RESPONSABILE: cognome e nome, luogo e data di nascita, residenza, ordine professionale, elenco (professionisti, pubblicisti, pubblicisti provvisori elenco speciale), estremi del certificato di iscrizione all’ordine professionale (n. di protocollo e data del rilascio).

Vanno infine specificati:

  • il TITOLO del giornale / periodico;
  • la NATURA DELLA PUBBLICAZIONE 
    - Stampa (indicare nome e indirizzo della tipografia);
    - Giornale radio (indicare nome della stazione emittente, frequenza e indirizzo);
    - Telegiornale (indicare canale, nome dell’emittente e studi da cui trasmette);
    - Rete internet (indicare nome e indirizzo del service provider, estremi del decreto del Ministero delle Comunicazioni che ha autorizzato il service provider e indirizzo web della pubblicazione telematica).
  • la PERIODICITA’ di pubblicazione

La domanda di registrazione sottoscritta dal proprietario e dal direttore responsabile. Costoro devono apporre le proprie firme davanti al cancelliere; nel caso in cui venisse delegato un terzo per la consegna, le firme dovranno essere autenticate da un notaio.

Quali documenti allegare all'istanza di registrazione

Alla richiesta di registrazione testata giornalistica occorre allegare:

  • fotocopia del documento d’identità dei sottoscrittori, se la sottoscrizione non avviene in presenza del funzionario addetto; 
  • autocertificazione ex DPR 445/2000 da parte di Proprietario, Direttore Responsabile, Editore ed eventuale Vice Direttore, oppure certificati di pari contenuto; 
  • in caso di persone giuridiche, lo statuto e il certificato della CCIAA (laddove presente) dai quali atti risulti il nome del legale rappresentante al momento della presentazione della domanda; 
  • nota d’iscrizione a ruolo; 
  • marca da bollo da 27,00 euro; 
  • marca da bollo da 16,00 euro (sono esenti le ONLUS registrate alla Direzione Regionale delle Entrate); 
  • attestazione di versamento di 168,00 euro sul c/c postale n° 8003 intestato a “Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara” con causale “tasse e concessioni governative”.

Per qualsiasi variazione riguardante gli elementi costitutivi della testata (nome, periodicità, mezzo di diffusione, editore, ecc.), il proprietario deve presentare una domanda in carta da bollo da € 16,00 entro 15 giorni dall’avvenuta modifica.

Tags:  start up associazionismo

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità