Autorizzazione passo carrabile fac simile

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
DOC   fac simile (b)
PDF interattivo   fac simile (c)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

In questa scheda sono presenti alcuni modelli di richiesta passo carrabile, vale a dire fac simile di domanda da presentare all'ufficio preposto del comune al fine di ottenere l'autorizzazione all'accesso dalla via pubblica ad un'area privata che sia idonea allo stazionamento o alla circolazione dei veicoli. Con il rilascio dell'autorizzazione è possibile affiggere il cartello passo carrabile.

Richiesta passo carrabile: come farla

Non è obbligatorio richiedere il passo carrabile, ma per chi dispone di un garage, di un locale o di un cancello di ingresso a livello strada è fortemente consigliato. Diversamente il rischio di non poter rientrare in casa o di non poter rimettere l'auto in garage è più che concreto.

Ora il vigente Codice della Strada all'art. 22, 1° comma prevede che, senza la preventiva autorizzazione dell'ente proprietario della strada, non possono essere stabiliti nuovi accessi e nuove diramazioni dalla strada ai fondi o fabbricati laterali, nè nuovi innesti di strade soggette a uso pubblico o privato.

Dunque per effettuare la richiesta è necessario capire innanzitutto chi sia l’ente proprietario della strada. Nella stragrande maggioranza dei casi è il Comune, ma fuori dai centri abitati potrebbe essere, ad esempio, l'Anas o la Provincia.

La domanda di concessione passo carrabile da presentare presso il Comune deve contenere diverse informazioni di primaria importanza, come ad esempio i dati anagrafici del richiedente, l’indirizzo del passo carrabile e i dati catastali dell’immobile o della proprietà privata.

Alla domanda vanno allegati:

  • copia della planimetria catastale;
  • fotografie della zona interessata;
  • copia dell’eventuale nulla osta;
  • copia dei pagamenti effettuati. 

Gli accessi o le diramazioni già esistenti devono essere regolarizzati previa apposita domanda indicante

  • il numero degli accessi di cui si chiede regolarizzazione;
  • l'apertura dell'accesso espressa in mt. lineari (o in mt. quadrati se trattasi di griglie od altro);
  • se vi è la presenza di marciapiede o manufatto oppure se l'accesso è a raso o a filo manto stradale e se è a servizio di un immobile destinato ad abitazione o all'esercizio di un'attività economico-commerciale.

Come detto i passi carrabili devono essere individuati con apposito segnale indicante la zona per l'accesso dei veicoli alle proprietà laterali in corrispondenza del quale vige il divieto di sosta.

Se in presenza di un regolare cartello passo carrabile un veicolo ostruisce la via d'ingresso, il proprietario del mezzo incorre in una contravvenzione da 42 a 173 euro (da 25 a 100 euro per le moto), più la rimozione forzata col carro attrezzi (art. 159 CdS).

Chi può fare la richiesta passo carraio

A inoltrare la domanda può essere solo il proprietario del locale, garage, fabbricato o area privata. Per quanto riguarda il condominio, la richiesta può essere avanzata dall'amministratore di condominio su mandato dell’assemblea.

In caso di variazione della proprietà dell’immobile asservito dal passo carraio, vi è l’obbligo di provvedere alla comunicazione agli uffici del Comune entro i successivi 30 giorni.

Richiesta passo carrabile: costo, durata e tempi

Ai fini del rilascio dell'autorizzazione da parte dell'ente occorre acquistare 2 marche da bollo di 16 euro da apporre sul modulo della richiesta e sull’atto di concessione. A queste due potrebbe aggiungersene un'altra, sempre da 16 euro, per l’installazione della segnaletica orizzontale.

Quindi occorre provvedere al versamento dei diritti fissi di segreteria ed eventualmente dei diritti di sopralluogo.

A questi costi si aggiunge un canone per l'occupazione del suolo pubblico, il cui importo varia da comune a comune in funzione della zona, della superficie, del tipo di attività e via discorrendo.

Generalmente non sono soggetti al pagamento del canone relativo ai passi carrai gli accessi temporanei su strada in occasione di cantieri edili, i passi carrai di Enti religiosi per l’esercizio di culti ammessi nello Stato, degli Enti non commerciali e delle Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale “ONLUS”, ecc.

L’attesa necessaria per il rilascio del passo carrabile è di minimo 15 giorni, tuttavia spesso raggiunge anche i 30 giorni. Il termine decorre dalla data di presentazione della domanda.

Dal giorno in cui si ottiene la concessione, questa dura per i successivi 29 anni. Il Comune provvederà al rilascio della segnaletica, del numero di autorizzazione e dello stemma Comunale. 

Tags:  diritti sui terreni abitazione

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità