Richiesta sospensione finanziamento Findomestic: modulo editabile

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
PDF
DOC   fac simile (b)
PDF
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Fac simile con cui è possibile chiedere la sospensione del pagamento delle rate relative al prestito in corso con Findomestic. Il modulo per la richiesta di sospensione finanziamento Findomestic si adatta in modo particolare alla situazione emergenziale che si è determinata per effetto dell’epidemia Covid-19.

Findomestic è obbligata alla sospensione? 

E' importante rilevare che il Decreto n. 18/2020, c.d. "Cura Italia", ha si introdotto una moratoria sui prestiti e sulle linee di credito delle piccole e medie imprese (fino al 30 Settembre 2020), ma non ha previsto alcuna sospensione per i finanziamenti personali e per le cessioni del quinto.

Per le famiglie in difficoltà - anche per effetto dell'emergenza Coronavirus - che hanno contratto un mutuo per l’acquisto della prima casa, è stata prevista la possibilità di chiedere la sospensione del pagamento delle rate attraverso l'accesso al Fondo di Solidarietà (questo il modulo di richiesta sospensione). Tuttavia non è stata adottata alcuna misura per le ipotesi di credito al consumo.

Questo significa che Findomestic non ha alcun obbligo di sospendere i finanziamenti in corso, seppure abbia sin dal primo istante dichiarato la propria disponibilità a valutare facilitazioni di pagamento di mensilità ai clienti che, a causa dell’emergenza Covid 19, dimostrino di aver subito una riduzione del loro reddito mensile.

Sospensione finanziamento Findomestic: quando è possibile

Chi ha contratto un finanziamento con Findomestic può fruire del c.d. "Salto Rata". Si tratta di un'opzione che consente di saltare una rata per 3 volte durante il corso del tuo finanziamento: le rate saltate vengono spostate alla fine del prestito. Attenzione però perché tra due salti rata devono passare almeno 12 mesi.

Queste le condizioni da soddisfare:

  • aver già rimborsato almeno 6 rate 
  • regolarità nei rimborsi effettuati mediante Addebito Diretto Bancario 
  • non aver utilizzato contemporanea l'opzione Cambio Rata per modificare l'importo della rata mensile.

A questa iniziativa personale di Findomestic, si aggiunge un'altra opzione questa volta prevista dalla legge. Si tratta della possibilità di sospendere per 12 mesi il pagamento della quota capitale di un prestito, a condizione che questo abbia una durata superiore ai 24 mesi e che si verifichi una delle seguenti condizioni nei 24 mesi precedenti la richiesta:

  • cessazione del rapporto di lavoro subordinato;
  • cessazione del rapporto di lavoro configurato come agenzia, rappresentanza commerciale, contratti di collaborazione continuativa e a progetto;
  • sospensione del rapporto di lavoro o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni;
  • morte o insorgenza di condizioni di non autosufficienza.

Questo il modello di dichiarazione sostitutiva da compilare. 

Sospensione finanziamento Findomestic per emergenza Covid-19

Al di là delle opzioni di cui al precedente paragrafo, riteniamo sia comunque possibile far presente alla finanziaria di aver subito una riduzione parziale o totale dell’attività quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da Coronavirus, la qual cosa ha generato una temporanea carenza di liquidità.

In ragione di ciò si può ragionevolmente chiedere a Findomestic una sospensione nel pagamento delle prossime 3/6 rate in scadenza.

Come detto l'ammissibilità della richiesta è rimessa alla discrezionalità della società finanziaria, dunque è inutile presentare un reclamo Findomestic nel caso in cui la sospensione non dovesse essere accordata.

L'altro consiglio che diamo è di non sentirsi autorizzati alla sospensione del finanziamento per il semplice fatto di aver dovuto chiudere l'attività o di essere stato collocato in cassa integrazione. Sospendere il pagamento delle rate senza il benestare della finanziaria potrebbe infatti comportare un grosso rischio: l'iscrizione nella lista dei "cattivi pagatori".

Tags:  coronavirus prestiti credito al consumo

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità