Come fare un reclamo Findomestic

reclamo Findomestic, reclamo a Findomestic

In generale i reclami dei consumatori nei confronti di istituti bancari e finanziari negli ultimi anni sono cresciuti a doppia cifra: problemi con tassi di interesse e rate legati ad esempio alla cessione del quinto, tempi lunghi di valutazione per la concessione di un prestito, prelievi non autorizzati sulle carte di pagamento e via discorrendo. Se anche tu hai riscontrato un problema con il tuo istituto, e nel caso specifico con Findomestic, ti consigliamo di non attendere altro tempo ma di recarti il prima possibile in agenzia, per parlare direttamente con il personale addetto. La soddisfazione del cliente è per Findomestic un obiettivo primario, un ulteriore momento di ascolto e di attenzione per rispondere al meglio alle esigenze di quest'ultimo. Qualora non ne avessi la possibilità o, ancor peggio, la visita in filiale non abbia prodotto i risultati sperati, allora potresti scrivere un reclamo Findomestic nel quale illustrare il tipo di problema che hai subito. Come si scrive una lettera reclamo Findomestic? A chi va inviata ed entro quanto tempo potrai ottenere una risposta? Ti spiegheremo tutto quello che ti serve sapere sul reclamo Findomestic nei prossimi paragrafi. Prima, però, una breve ma necessaria introduzione sul Gruppo BNP Paribas.

Findomestic è parte del Gruppo BNP Paribas

Prima di andare ad indagare insieme sui molteplici modi per inviare un reclamo Findomestic, è necessario che tu conosca qualche informazione di tipo generale sulla banca. Innanzi tutto devi sapere che Findomestic è parte di BNP Paribas, un gruppo leader in Europa per quanto concerne servizi bancari e finanziari. Findomestic viene fondata nel 1984 e da allora si è sempre contraddistinta nel settore del credito al consumo. Qualità nei servizi offerti, animo pioneristico, tutela del cliente e adattamento alle esigenze della società le hanno permesso di evolversi fino a diventare la realtà che è ora.

Findomestic vanta ben 2 milioni di clienti e oltre 2000 dipendenti, mentre il Gruppo BNP Paribas in Italia è il terzo gruppo bancario a vantare i migliori ricavi, con ben 5 milioni di clienti, 18.000 dipendenti e 28 aziende. In particolare i servizi offerti da Findomestic alla clientela spaziano dai prestiti personali alle carte di credito, dalla cessione del quinto ai mutui casa, dalle assicurazioni al conto deposito e conto corrente.

Sul sito www.findomestic.it è possibile conoscere tutti i prodotti offerti dall'azienda, mentre sul sito www.infofindomestic.it è possibile accedere alle informazioni istituzionali sulla società. C'è poi il sito www.osservatoriofindomestic.it che pubblica le indagini e le notizie relative ai comportamenti e alle tendenze dei consumatori, oltre a fornire analisi di mercato, mentre il sito www.creditoresponsabile.it contiene una panoramica sulle varie forme di credito a disposizione dei privati; infine su www.percorsifindomestic.it è possibile reperire informazioni valide su come gestire il budget familiare e avere sotto controllo la propria situazione finanziaria.

Reclami alla Findomestic: dati 2017

Online è possibile consultare liberamente e con estrema facilità il Report Annuale dedicato ai reclami giunti all'istituto. Quello del 2017 conta un totale di 5998 reclami, suddivisi nelle seguenti categorie: 3752 reclami sono relativi alla trasparenza delle informazioni, 677 al trattamento dei dati personali, 477 reclami riguardano gli aspetti organizzativi, 403 i rapporti con il personale, 273 segnalazioni sono relative agli aspetti contabili, 233 ai rapporti con i partners, 103 a prodotti venduti telefonicamente e solo 80 riguardano le frodi.

Reclamo contro Findomestic: come si fa

Dopo averci girato intorno, veniamo ora all’argomento principe di questa guida: come si fa un reclamo a Findomestic. Ti anticipiamo che si tratta di una procedura talmente semplice che non serve assolutamente essere degli esperti.

Hai richiesto con Findomestic la carta di credito Aurea e oggi ti ritrovi con addebiti in conto corrente non giustificati; oppure hai contratto un prestito ed è la seconda volta che ti viene prelevato dal conto un importo superiore alla rata; oppure hai disdetto la carta prepagata ma non ti è stato ancora rimborsato il credito residuo; oppure hai richiesto un piccolo prestito a Findomestic, ma nonostante i tanti solleciti dopo due settimane non hai ancora ricevuto una risposta, con la conseguenza che non puoi rivolgerti ad altre finanziarie o banche per un'analoga richiesta; oppure l'istituto non vuole restituirti la quota assicurativa associata ad un prestito che oggi risulta chiuso.

Seccato, ti sei rivolto direttamente in filiale, ma non hai trovato nessuno disponibile a darti spiegazioni o comunque quelle fornite non ti hanno soddisfatto a pieno. Che si fa? Moduli.it ti consiglia di agire subito, inoltrando un reclamo formale all'istituto. Per fare un reclamo a Findomestic è necessario scaricare sul sito ufficiale un apposito modello; sul nostro sito trovi addirittura la lettera presentazione reclamo Findomestic in formato doc, dunque facilmente personalizzabile. Compilalo in stampatello e fa in modo di essere il più chiaro possibile. Firmalo e fai una fotocopia: meglio avere sempre presente ciò che hai dichiarato, qualora al reclamo dovessero seguire altri ricorsi.

Fai una copia fotostatica anche di un documento d’identità (vanno bene la patente o la carta d’identità) e invia tutta la documentazione tramite un mezzo di comunicazione che preveda la prova di consegna, come ad esempio la posta elettronica certificata (PEC) o la posta raccomandata. La PEC Findomestic a cui spedire i reclami Findomestic è: findomestic_banca_pec@findomesticbanca.telecompost.it.

Invece l'indirizzo a cui inviare tramite raccomandata la lettera cartacea è il seguente:

Findomestic Banca S.p.A.
UFFICIO GESTIONE RECLAMI
Via Jacopo da Diacceto 48
50123 FIRENZE.

Nel caso in cui preferissi inoltrare un reclamo Findomestic online, potresti farlo senza problemi, compilando il form presente sul sito www.findomestic.it. Ti basterà seguire questo percorso HOMEPAGE > ASSISTENZA > CONTATTA FINDOMESTIC > FARE UN RECLAMO e poi cliccare su “Scrivi a Findomestic” per accedere alla procedura telematica.

Che tu abbia scelto di inoltrare il reclamo Findomestic tramite PEC, raccomandata o sito ufficiale non importa: i tempi di risposta a cui l'istituto deve attenersi sono sempre gli stessi. Nello specifico, dovrai ottenere una risposta entro 30 giorni dal ricevimento del reclamo da parte della banca se esso è attinente all'area bancaria/finanziaria, o entro 45 giorni se la questione attiene a prodotti assicurativi.

Dopo il reclamo Findomestic c'è la conciliazione

Se la risposta al reclamo dovesse tardare ad arrivare oppure se producesse un esito inaspettato e insoddisfacente, potresti ricorrere all’Autorità Giudiziaria, ma solo dopo aver esperito un tentativo di conciliazione. La conciliazione è uno strumento pensato e realizzato per tutelare i consumatori, assistendoli durante un procedimento facile, veloce ed economico il cui scopo è quello di risolvere in via extragiudiziale la controversia nata con la banca.

Nello specifico, puoi esperire un tentativo di conciliazione presso:

- l'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) purché sussistano questi requisiti:

  • l'oggetto della controversia si riferisce ad un episodio accaduto dopo il 1° Gennaio 2009;
  • non sono trascorsi più di 12 mesi dalla presentazione del reclamo all'istituto;
  • la somma che chiedi alla banca, a titolo di risarcimento, è pari o inferiore a 100.000 euro (se il tuo obiettivo è unicamente quello di accertare diritti, obblighi e facoltà, allora non ci sono limiti di importo);
  • il problema non riguarda servizi e attività di investimento (gestite dall'Arbitro per le Controversie Finanziarie);
  • non devi aver già fatto ricorso a giudici, arbitri o conciliatori.

Da quest'anno si può intraprendere la procedura di ricorso online sul sito arbitrobancariofinanziario.it (ne abbiamo parlato nella guida “Arbitro Bancario Finanziario: ricorsi anche online”) tuttavia qualora preferissi eseguire il ricorso “classico” non dovresti far altro che compilare e spedire questo modulo di ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario, oltre che pagare un contributo di 20 euro in favore della Banca d'Italia

- la conciliazione paritetica, ovvero una procedura di risoluzione stragiudiziale che avviene con la partecipazione di talune Associazioni dei Consumatori firmatarie del protocollo d’intesa con la banca: Adiconsum, Adoc e Federconsumatori. Puoi intraprendere la procedura online, collegandoti al sito ufficiale di Findomestic e seguendo il percorso HOMEPAGE > ASSISTENZA > CONTATTA FINDOMESTIC > ACCEDERE ALLA PROCEDURA DI CONCILIAZIONE oppure puoi compilare il modello di Conciliazione Findomestic (disponibile su Moduli.it e sul portale www.findomestic.it) e consegnarlo di persona presso le agenzie Findomestic o inviarlo a questo indirizzo:

Findomestic Banca - Segreteria Tutela Clienti
Via Jacopo da Diacceto 48
50123 Firenze (FI)

- il Conciliatore Bancario Finanziario, un organismo di mediazione iscritto nel Registro del Ministero della Giustizia, con sede a Roma, in Via delle Botteghe Oscure 54. Si tratta di un ulteriore strumento per la risoluzione delle controversie in ambito bancario, finanziario e societario – ADR, ai sensi dell'art. 5 comma 1 bis Decreto Legislativo 4 marzo 2010 n. 28. Per saperne di più ti invitiamo a consultare il sito www.conciliatorebancario.it.

- se il reclamo riguarda un contratto di tipo assicurativo, in caso di mancata o insoddisfacente risposta, potresti inviare la richiesta di ricorso all’IVASS – Istituto di vigilanza sulle Assicurazioni, presso il Servizio Vigilanza Intermediari, Via del Quirinale n. 21 – 00187 Roma. Il modulo di ricorso Ivass deve essere corredato da tutta la documentazione relativa al reclamo, compresa una copia del documento d’identità del soggetto che ha effettuato la segnalazione. Per saperne di più puoi leggere “Reclamo assicurazione: termini, modalità, effetti”.

Reclami Findomestic e chiusura del conto

Qualora l’esito del reclamo contro Findomestic non fosse ritenuto soddisfacente, potresti valutare la possibilità di interrompere ogni rapporto con l'istituto, incluso quello di conto corrente. Se non riuscissi a recarti di persona in filiale, sarebbe comunque possibile inviare il modulo richiesta chiusura conto corrente Findomestic.

Se, invece, la decisione di chiudere il conto corrente fosse determinata dalla modifica delle condizioni contrattuali, potresti inoltrare il modulo di recesso da conto corrente per variazioni contrattuali Findomestic. Solitamente tali modifiche vengono sempre comunicate e precedute da un’informativa scritta, che ricevi per posta o tramite avviso telematico sull’ home banking. All’interno della comunicazione troverai anche le indicazioni e il termine per inviare la richiesta di chiusura conto, dunque ti invitiamo a prestare attenzione a quelle specifiche istruzioni.

Prima di concludere, è giusto informarti di un’ultima cosa: se il rapporto con la banca si è concluso con grande insoddisfazione da parte tua, a causa di una condotta scorretta da parte dell’istituto, potresti segnalare l’accaduto mediante un esposto alla Banca D’Italia. Come fare? È molto semplice: la procedura consiste nell’inviare una segnalazione, dunque non dovrai far altro che scaricare l’apposito modulo e compilarlo con le seguenti informazioni:

  • i tuoi dati identificativi (copia del documento d’identità, firma autografa o elettronica certificata);
  • il nome e i dati dell’intermediario coinvolto;
  • il motivo della lamentela, indicando il comportamento scorretto dell’intermediario.

La documentazione relativa all’esposto può essere inviata tramite posta ordinaria, posta elettronica e posta elettronica certificata, tramite fax, oppure può essere consegnata a mano. I recapiti a cui spedire l’esposto sono quelli della filiale della Banca d’Italia più vicina alla direzione generale dell’intermediario interessato, dunque ti sarà utile consultare gli elenchi degli intermediari direttamente sul sito ufficiale della Banca d'Italia. Per approfondire questo argomento ti consigliamo di leggere la guida “Come presentare un esposto alla Banca d'Italia”.

Documenti correlati