Alibaba: una guida per acquirenti e venditori

alibaba, alibaba italia

Negli ultimi anni abbiamo assistito alla crescita esponenziale del fatturato di Alibaba, che insieme ad Aliexpress è diventato il sito asiatico di shopping online più famoso al mondo. Pur entrando in affari agli sgoccioli del secolo scorso, Alibaba ha conosciuto il successo con la diffusione dell’e-commerce e l’interesse degli utenti verso gli acquisti in rete. Tale successo viene sostenuto principalmente dai prezzi, che sono altamente competitivi, e dalla scelta, che definire ampia è un eufemismo. Su Alibaba è possibile acquistare praticamente di tutto: dall’abbigliamento agli accessori, dai complementi per la casa agli articoli da giardino, dai ricambi per auto all’oggettistica, dalle idee regalo ai prodotti per la cura della persona, dai giocattoli per bambini all’elettronica e molto altro ancora. Per ogni categoria di prodotto ci sono decine e decine di venditori convenzionati al sito che offrono prodotti made in china a prezzi shock per tutto l’anno. Vediamo, quindi, cos’è nello specifico Alibaba, chi può fare acquisti e chi può vendere all’interno del sito, come comprare un oggetto e cosa fare in caso di problemi e disservizi.

Alibaba: cos’è e come funziona

Non si può definire Alibaba un semplice sito per fare acquisti online. È molto di più: si tratta, infatti, di una piattaforma che (proprio come Aliexpress) permette ai consumatori di fare acquisti avendo la possibilità di rivolgersi ad una pluratità di rivenditori. Ciò significa offrire al cliente la possibilità di scegliere il fornitore che offre il prezzo migliore, i servizi più efficienti, il grado di affidabilità più alto. Allora possiamo definire Alibaba un sito clone di Aliexpress? Assolutamente no. In realtà Alibaba è un portale business to business, dato che i venditori sono grossisti e aziende manifatturiere asiatiche, mentre la clientela è rappresentata da imprenditori: proprietari di ristoranti, hotel, negozi, portali di e-commerce e molto altro ancora. Su Alibaba, infatti, non è possibile acquistare singoli oggetti, al contrario si possono ordinare stock di articoli all’ingrosso, che partono da un minimo di 10 pezzi.

Veniamo al dunque: come funziona Alibaba? È semplicissimo. Alibaba si utilizza come una comune piattaforma di vendita online, al pari di Amazon, e-Bay, Aliexpress e così via. La prima cosa da fare è collegarsi alla pagina di Alibaba Italia, https://italian.alibaba.com, ed iscriversi, creando un account personale. Ci vogliono pochi minuti per completare la procedura, poi il sistema apre le porte agli acquisti.

Puoi cercare l’oggetto del tuo desiderio tramite la barra di ricerca posta in alto alla pagina oppure tramite le categorie che trovi nella parte sinistra del sito: abbigliamento, automobili e motociclette, bellezza e cura personale, casa e giardinaggio, elettronica di consumo ecc.

Una volta trovato quel che fa al caso tuo puoi selezionarlo: si aprirà la scheda prodotto, nella quale apprendere tutti i dettagli dell’acquisto. Qui potrai anche contattare il venditore e procedere all’ordine, dunque effettuare il pagamento e attendere l’arrivo della merce presso il domicilio designato.

Alibaba: come eseguire l’iscrizione

Iscriversi ad Alibaba è semplice come bere un bicchier d’acqua. Inizia collegandoti al sito ufficiale italiano https://italian.alibaba.com e poi clicca sulla voce “Entra Gratis”. Il sistema ti sottoporrà un modulo online che dovrai compilare inserendo i tuoi dati personali, come nome e cognome, il nome dell’azienda, il paese di provenienza, il numero di telefono e l’indirizzo di una casella di posta elettronica sulla quale riceverai avvisi e messaggi concernenti la registrazione e gli ordini.

Dovrai anche digitare una password, ovvero un codice segreto con il quale potrai successivamente accedere alla tua area riservata ed effettuare ordini di acquisto. Infine, inserisci il codice Captcha per assicurare al sistema di non essere un robot e clicca sul pulsante arancione per inoltrare la richiesta. Di lì a poco riceverai un’email da parte di Alibaba sulla casella di posta elettronica, che ti chiede di confermare l’indirizzo per completare definitivamente la procedura di iscrizione. Da quel momento in poi, potrai avvalerti dell’area riservata, nella quale svolgere diverse operazioni, come ad esempio controllare lo stato degli ordini, entrare nel centro messaggi e così via. Dovrai ripetere l’accesso ogni qual volta ti collegherai al sito per effettuare un acquisto, inserendo nelle caselle l’indirizzo email e la password.

Alibaba Italia: come effettuare un acquisto

In questo paragrafo scenderemo nei particolari e andremo a vedere come eseguire la procedura di acquisto. Prima però, ci teniamo a ricordarti che Alibaba è una piattaforma di vendita all’ingrosso: ciò vuol dire che se ti interessa acquistare una sola lampada, due bracciali o un pezzo di ricambio per il motorino, non devi cercarli su Alibaba, ma su Aliexpress. Al contrario, se sei proprietario di un ristorante, potrebbe esserti utile e particolarmente conveniente ordinare uno stock di 100 calici per il vino, 50 tovaglie, 1000 piatti e così via. In questo caso ti consigliamo di navigare tra le migliaia di offerte Alibaba.

La prima cosa da fare è effettuare una ricerca. Come abbiamo scritto qualche riga più su, ci sono due metodi per effettuare una ricerca su Alibaba: il primo consiste nel digitare delle parole chiave all’interno della barra di ricerca, posta in alto alla pagina, come ad esempio "CALICI VINO"; il secondo presuppone l’uso delle categorie poste nella parte sinistra della pagina. Restando in tema tavola e ristorazione, è possibile selezionare la categoria Casa e Giardinaggio per poi procedere cliccando su Vetro oppure Accessori di Bar. In pochissimi clic otterrai i migliaia di risultati.

Qualora siano davvero troppi, e tu non volessi visualizzarli tutti, potresti restringere il campo di ricerca utilizzando i filtri che trovi nella parte sinistra dello schermo. In questo modo potrai selezionare gli articoli per colore, per certificazione, per tipo di materiale utilizzato e così via. Quando avrai trovato il calice che fa per te non dovrai far altro che cliccarci sopra.

Si aprirà immediatamente la scheda prodotto, la quale contiene tutte le informazioni che devi sapere a proposito dell’oggetto a cui sei interessato. Innanzitutto troverai delle fotografie e i dettagli del prodotto, che ti aiuteranno a comprendere la manifattura dell’oggetto e la sua qualità. Sempre all'interno della scheda sono riportati il nome del venditore e il numero minimo di pezzi al quale devi attenerti nel caso in cui decidessi di procedere con l'ordine. Qui viene anche fatta menzione delle garanzie offerte dallo stesso e dei metodi di pagamento accettati.

Scrollando la pagina, nella parte destra, è possibile anche accedere al profilo del venditore. Accanto alle fotografie c’è il pulsante “Contatta il venditore” che in pratica dovrai premere dal momento in cui accetterai di acquistare i prodotti. A questo punto dovrai scrivere una breve comunicazione al venditore, meglio se in inglese. Non preoccuparti se la grammatica non è curatissima, neanche quello dei venditori asiatici probabilmente lo è. L’importante, invece, è riuscire ad accordarsi chiaramente circa il numero di prodotti ordinati e il prezzo. Prima di procedere all’invio della comunicazione ti consigliamo di spuntare la voce “Consiglia fornitori adatti”; in tal modo se il fornitore non rispondesse alla richiesta entro 24 ore, potresti ricevere dal portale altri suggerimenti per ricerche correlate.

Bene, hai quasi concluso: non resta che inoltrare formalmente la richiesta, cliccando sul pulsante arancione, e il gioco è fatto. Poi dovrai solo attendere la risposta del venditore, sperando che arrivi nel minor tempo possibile e che si possa subito giungere ad un accordo favorevole per entrambi. È anche possibile procedere all’acquisto in un altro modo, ovvero tramite il metodo RFQ (Request for Quotation), che in pratica ti consente di elaborare un’offerta, determinando il prodotto desiderato, il numero di pezzi e il prezzo totale o al dettaglio che si vorrebbe pagare. Come si fa? È semplice: devi collegarti alla homepage, cliccare sulla voce “Ottieni Preventivi” e compilare il modulo di richiesta, poi pubblicare l’offerta. I fornitori interessati ti contatteranno in breve tempo: tu potrai scegliere quale fa al caso tuo e quale, invece, è necessario scartare.

Alibaba: come diventare un venditore

Se vuoi aprire la tua attività al mercato asiatico, potresti contemplare l’idea di inaugurare un negozio su Alibaba. Ecco, nello specifico, cosa è necessario fare. Innanzitutto occorre creare un account “seller” (fornitore); l’operazione è gratuita, tuttavia sarà necessario sottostare alle indicazioni che riceverai dal sistema in fase di registrazione, in quanto potrebbero pregiudicare l’approvazione del profilo da parte di Alibaba.

Per garantire agli utenti la massima trasparenza, Alibaba pretende dai venditori la massima collaborazione. A questi infatti si richiede di specificare diverse informazioni in fase di registrazione, come ad esempio il nome della società, l’indirizzo della sede legale, il tipo di attività svolta, il capitale sociale e così via. Niente paura: non avrai alcun problema nel reperire queste informazioni, però è necessario essere particolarmente attenti in questa fase, poiché anche il minimo errore, magari durante la battitura dell’indirizzo della sede legale, potrebbe complicare l’identificazione dell’impresa da parte di Alibaba e rallentare i tempi tecnici per l’apertura del negozio online.

Dopo aver completato il form, Alibaba provvederà alla verifica, al termine della quale (se tutto filerà per il verso giusto) sarà possibile iniziare a vendere i propri prodotti. Attenzione: è molto importante leggere e rispettare la Politica di Pubblicazione dei Prodotti, disponibile sul sito ufficiale a questo indirizzo https://rule.alibaba.com/rule/detail/5014.htm.

Dopo aver appreso tutto quel che devi sapere, prima di iniziare a vendere, sarà opportuno procedere alla redazione delle schede prodotto. Ti ricordiamo che ogni prodotto dovrà avere la propria scheda, nella quale specificare tutte le informazioni richieste dal sistema e utili ai clienti per comprendere al meglio le caratteristiche del prodotto, il numero minimo di pezzi per ordine, le garanzie offerte, le informazioni circa la tua attività e il tuo modus operandi. Consigliamo caldamente di prestare molta cura alle immagini: più ce ne sono, meglio è, soprattutto devono essere di alta qualità, rendendo il prodotto bello, ma non a tal punto da falsificarlo.

Ti ricordiamo, infine, che qualora volessi, potresti investire qualche risorsa per il tuo store online ed essere classificato come Fornitore d’Oro. Per accedere a questa forma di riconoscimento che distingue i fornitori molto affidabili da quelli meno affidabili, è necessario avere un account verificato e pagare un contributo annuale ad Alibaba. In cambio il sistema informatico della piattaforma prediligerà i tuoi contenuti, ottimizzando la loro visibilità all’interno del sito e contrassegnando la tua attività come sicura ed affidabile.

Alibaba: metodi di pagamento accettati

Finora abbiamo illustrato come eseguire un acquisto su Alibaba e come diventare un venditore esportando i propri prodotti in tutto il mondo; però non abbiamo minimamente accennato ai metodi di pagamento supportati dal portale. Innanzi tutto devi sapere che la transazione avviene mediante una procedura standard, che è possibile intraprendere in tutta sicurezza sulla piattaforma di Alibaba. Il denaro, però, viene inoltrato direttamente al venditore.

Ecco quali sono i sistemi di pagamento accettati dal sito:

- Bonifico bancario. Puoi accordarti con il venditore e chiedere i suoi estremi bancari, di modo da corrispondere l’importo dell’ordine tramite bonifico bancario. Ti consigliamo di inviare una caparra iniziale per bloccare l’ordine, dunque procedere al saldo quando gli articoli saranno pronti per lasciare il magazzino e intraprendere la spedizione;

- Lettera di credito. Si tratta di un metodo di pagamento che implica il coinvolgimento delle banche. In pratica dovresti versare il totale da pagare alla tua banca, la quale informerà l’istituto del fornitore di modo da operare come intermediario. Questa modalità di pagamento è molto più sicura del semplice bonifico, in quanto i soldi vengono inviati alla banca del fornitore solo dopo l’arrivo delle merci in Italia e la conferma della soddisfazione del cliente. In questo caso è molto importante mettere nero su bianco l’accordo di vendita, che in pratica rappresenta una sorta di contratto, a tutela entrambe le parti, per definire le dinamiche della compravendita;

- Alipay. Si tratta di un metodo di pagamento molto sicuro. Alypay si basa sul servizio offerto da Escrow, una società di proprietà Alibaba Group. Il funzionamento ricorda quello di Paypal: il sistema più famoso, diffuso e sicuro al mondo per fare acquisti online senza pericolo di essere vittima di una truffa informatica;

- Paypal. Un ottimo metodo di pagamento, che conviene soprattutto per pagare gli ordini che si attestano entro i 1.200 euro. Per ordini di importo superiore, infatti, Paypal rappresenta un’alternativa piuttosto onerosa da sostenere. Nonostante ciò, resta comunque il sistema di pagamento più sicuro al mondo. Puoi approfondirne il funzionamento leggendo questa guida.

Alibaba affidabile: ecco come riconoscere i fornitori più accreditati

Nelle condizioni di utilizzo pubblicate da Alibaba a questo indirizzo https://rule.alibaba.com/rule/detail/4689.htm si comprende chiaramente che, in caso di problemi e disservizi, la piattaforma non potrà essere ritenuta responsabile di alcunché. Eventuali problemi e controversie insorte tra cliente e fornitore dovranno essere gestite quanto più possibile in modo autonomo. Tra gli obblighi dell’utente, infatti, c’è quello di accertarsi della serietà del venditore ancor prima di contattarlo per effettuare un ordine.

In questo paragrafo, perciò, ci concentreremo su questo aspetto: come identificare un fornitore affidabile. Hai diversi modi per valutare un fornitore su Alibaba: per prima cosa potresti fare attenzione alla sua classificazione. Se acquisti da un Gold Supplier (Fornitore d’oro) dovresti essere al sicuro, in quanto questo riconoscimento viene dato dal sistema ai venditori che, oltre ad investire nella propria attività online, non sono mai stati segnalati per truffa o comportamenti illeciti e scorretti da parte degli acquirenti.

Chiaramente ciò non basta per avere la tua fiducia, dunque ti spiegheremo con parole semplici cos’è un fornitore d’oro. In pratica si tratta di aziende che vogliono ottenere la massima visibilità dal sistema informativo di Alibaba, per questo pagano alla piattaforma un abbonamento mensile e mettono a disposizione dei tecnici tutte le informazioni relative la società. Prima di conferire lo status di Fornitore D’oro, infatti, Alibaba procede alla verifica di tutti i dati come l’indirizzo operativo, il nome del rappresentante legale e il capitale sociale della compagnia, assicurando agli utenti che si tratta di un’attività regolarmente registrata.

Ciò non basta per garantire la massima sicurezza agli acquirenti, è vero. Non è detto che un’azienda regolarmente registrata sia onesta al 100% con i clienti, tuttavia hai quantomeno la garanzia di non avere a che fare con un’impresa fantasma, che una volta ricevuti i soldi dell’ordine chiude baracca e burattini sparendo nel nulla. Detto ciò, come si riconosce un Fornitore d’oro? Per prima cosa puoi osservare il riconoscimento nella tabella fornitore, posta in basso a destra sulla scheda prodotto. Qui potrai apprendere diverse informazioni: il nome dell’azienda produttrice, il paese di provenienza della merce, il riconoscimento ottenuto, il tasso di risposta e il tempo che impiega solitamente per rispondere alle richieste degli acquirenti. Cliccando il pulsante “Informazioni contatto” sarà possibile entrare nel profilo aziendale ed approfondire tutte le informazioni, tra le quali apparirà, chiaramente, il riconoscimento di Fornitore D’oro. Accanto alla coccarda dorata, l’icona di riconoscimento dello status, c’è anche il riferimento temporale che indica da quanti anni il venditore ha ottenuto il riconoscimento di Fornitore D’oro. Se l’azienda ha 10 anni di esperienza come tale, non c’è da temere: si tratta di un venditore serio ed affidabile.

In seguito, potrai constatare personalmente la serietà del venditore, contattandolo online per definire i dettagli dell’ordine. Quali sono i segnali che dovrebbero insospettirti? A cosa devi stare attento? Di seguito alcune dritte.

- Occhio alla qualità delle informazioni che ricevi. Se il venditore conosce bene i prodotti che produce non avrà problemi a descriverteli nei particolari. La serietà viene comprovata dal modo in cui definisce i prezzi e le modalità di pagamento accettate, approfondendo i dettagli della spedizione e offrendo ai clienti una tempistica certa. Al contrario, se egli risulta essere reticente quando si parla di denaro, standard di certificazione, tempi di consegna e garanzie di vendita, abbandona la trattativa perché non c’è da aspettarsi niente di buono;

- Fai attenzione al sito web e al capitale sociale della compagnia. Se si tratta di una somma esigua, probabilmente l’attività è nata da poco o non fattura molto. Perché? Cosa c’è che non va nei prodotti? Vale la pena investire soldi e tempo in un ordine? Probabilmente no. Visitare il sito web in questi casi può aiutare: quanto ha investito l’azienda in comunicazione? Ci sono foto che possano dimostrare la reale presenza dell’azienda e la relativa produzione di oggetti? Più informazioni ottieni, più la tua fiducia nel venditore crescerà. In caso contrario, ti invitiamo a cercare un’alternativa più sicura;

- Non fidarti di chi vuole tutto e subito. Se il fornitore pretende di essere pagato tramite bonifico su conto corrente non intestato alla compagnia, ti sconsigliamo di procedere all’ordine. Questo comportamento non è sinonimo di onestà, né tantomeno di serietà, in quanto il venditore potrebbe rifarsi su di te affermando di non aver ricevuto alcun pagamento sul conto aziendale. In più ti consigliamo di evitare i fornitori che non prevedono l’invio di una caparra iniziale, ma pretendono che l’importo dell’ordine venga saldato in un'unica soluzione prima della produzione della merce. Per diventare un vero esperto e identificare in poche mosse i venditori e i negozi online più affidabili, ti consigliamo di leggere la guida completa che Moduli.it ha dedicato all’argomento. Leggi "Online store: 5 modi per capire se il sito è affidabile".

Alibaba Ita: assistenza clienti e reclami

Alibaba non si assume la responsabilità dei danni e dei disservizi subiti dagli acquirenti, tuttavia offre a tutti gli utenti un ottimo servizio di assistenza, facilmente fruibile nel caso in cui si andasse incontro a problematiche di vario genere. Vediamo in cosa consiste. Sul sito www.alibaba.com è possibile visitare la pagina “Help&Community” nella quale troverai diverse guide di supporto a venditori e utenti. Nello stesso menù troverai anche il Forum di Alibaba, dove potrai effettuare una ricerca per argomento e ricevere informazioni scritte da utenti più esperti di te, oppure pubblicare una domanda e osservare le risposte di altri acquirenti.

In più, cliccando sulla voce “Submit a dispute” potrai inoltrare un reclamo formale e tutelare in questo modo i tuoi diritti. Qui troverai la sezione dedicata alle FAQ, dove il servizio clienti risponde in maniera efficiente alle domande più frequenti inviate dagli utenti, la sezione dedicata alla gestione e il controllo di segnalazioni precedentemente inoltrate al sistema e infine la sezione dedicata all’invio di un nuovo reclamo.

Se hai subito un disservizio talmente grave che ritieni opportuno segnalarlo ad Alibaba, puoi scegliere la categoria di riferimento (ordini, spedizione, coperture assicurative, ecc.) e redigere una segnalazione scritta. Ti consigliamo di scriverla in inglese ed essere particolarmente chiaro sul tipo di problema riscontrato e sulla gravità del danno subito. Non dimenticare di descrivere chiaramente il comportamento scorretto tenuto dal venditore, di modo che il servizio clienti Alibaba possa comprendere al meglio come sono avvenuti i fatti.

Come ottenere un rimborso su Alibaba

Se l’ordine tarda ad arrivare, non arriva affatto oppure la merce non soddisfa le aspettative del cliente si può chiedere il rimborso di quanto pagato. Tieni conto che dal momento dell’ordine fino all’arrivo della merce presso il domicilio indicato possono passare svariati mesi: questo perché gli oggetti devono essere fisicamente prodotti dall’azienda, impacchettati e spediti al destinatario. Alibaba è una piattaforma convenzionata con moltissimi corrieri: quelli cinesi che si occupano di spedire la merce in Europa sono EMS, UPS, Singapore Post, Hongkong Post, Swiss Post, China, DHL ed Epacket. Quando il pacco arriva alla frontiera, si ferma per qualche tempo alla dogana, un istituto che ne controlla la provenienza e il contenuto, applicando eventuali tasse quando necessario.

Oltre al tempo per la spedizione classica, dunque, è bene considerare anche qualche giorno in più, dato che l’ufficio doganale, soprattutto durante alcuni periodi dell’anno, potrebbe essere molto occupato o addirittura risultare letteralmente congestionato. Se il pacco tarda ad arrivare, ti consigliamo di accedere alla tua area personale, cliccare sulla voce dedicata agli ordini e procedere al tracking del pacco. Questo è un servizio molto diffuso online, poiché offre agli acquirenti la possibilità di controllare lo stato della spedizione, verificare dove si trova il pacco e ipotizzare quanto tempo ancora si dovrà aspettare prima che giunga a destinazione.

Se la merce arriva dopo 5 giorni dalla data di consegna prevista è possibile chiedere il rimborso dell’importo, contattando il venditore tramite la piattaforma Alibaba oppure tramite posta elettronica. Il rimborso viene solitamente garantito anche nel caso in cui la merce sia avariata, danneggiata o non conforme alle caratteristiche pubblicate sul sito. Per assicurarti della totale disponibilità del venditore, però, ti consigliamo di chiedere sempre esplicitamente quali sono le garanzie previste per l’acquirente prima di approvare l’ordine.

Il fornitore fa orecchie da mercante e non risponde alla comunicazione? Allora è il caso di aprire una disputa, seguendo le indicazioni contenute nel paragrafo precedente. Tieni in considerazione che sarà necessario attendere un periodo di tempo non inferiore ad 1 o 2 mesi per avere il riaccredito del denaro sul conto.

Documenti correlati