Come redigere un curriculum senza esperienza

curriculum senza esperienza, curriculum senza esperienza di lavoro

Se ti sei diplomato o laureato da poco, immaginiamo che il tuo principale obiettivo sia adesso quello di utilizzare le competenze acquisite per trovare un impiego. Ti consigliamo di cercarlo online, consultando i migliori portali, ma senza dimenticare le preziose App. Sappiamo che lo scenario che si prospetta dinanzi a chi vuole entrare nel mondo del lavoro non è molto incoraggiante: la maggior parte delle aziende che assume nuovo personale, infatti, lo cerca giovane, brillante negli studi e possibilmente già laureato, con ottime competenze linguistiche e soprattutto CON ESPERIENZA. Il che non può che essere una contraddizione: come si fa ad essere laureati, possedere degli attestati linguistici, avere esperienza nel settore ed essere giovani contemporaneamente? Questa, caro lettore, è la sfida più grande per i giovani che stanno cercando lavoro. La prima cosa da fare è predisporre un efficace curriculum. E' chiaro che se fino ad oggi ti sei concentrato solo sugli studi, o magari hai fatto esperienza in settori non attinenti alla posizione per la quale vorresti candidarti, non c'è molto che tu possa riportare sul curriculum in termini di esperienze lavorative. Ma non disperare: si può scrivere e inviare un curriculum senza esperienza facendo in modo che sia interessante quanto un curriculum vitae di un cinquantenne. Come si fa? Te lo illustreremo nei prossimi paragrafi.

Scrivere curriculum senza esperienza: ecco come farti notare

Chi si candida per una posizione lavorativa avendo già maturato un'esperienza nel settore chiaramente sarà più avvantaggiato, rispetto a chi risponde ad un annuncio con un curriculum vitae senza esperienza, tuttavia non è sempre così. Ci sono aziende, infatti, che offrono dei corsi di formazione specialistici ai nuovi assunti, preferendo neolaureati o neodiplomati senza esperienza, di modo da forgiare la loro professionalità come farebbe un pittore con una tela bianca.

Nonostante ciò, il curriculum senza esperienza di lavoro deve comunque contenere delle caratteristiche che lo rendano interessante, tanto da poter essere contattati per un futuro colloquio di lavoro. A questo punto il dilemma è uno solo: come si fa a fare breccia nel cuore degli addetti alla selezione del personale? È più semplice di quanto immagini. Sostanzialmente, non devi far altro che rispondere alle loro richieste, proponendoti come la migliore scelta.

In termini pratici, dovresti innanzitutto leggere con cura l’annuncio di lavoro dell’azienda e focalizzare l’attenzione sulle competenze che si richiedono ai candidati. Ne possiedi almeno alcune? Perfetto, allora dovrai sfruttarle al massimo nel tuo curriculum; se invece non rispondi affatto alla descrizione, ti consigliamo di pensare solo per un attimo se quel lavoro rappresenta ciò che vorresti realmente fare nella vita.

Il secondo step è quello di includere le competenze richieste dall’azienda nel curriculum. In questo caso ti invitiamo a:

Cosa scrivere in un curriculum senza esperienza di lavoro

Come hai avuto modo di capire, ci sono molti modi per valorizzare il proprio curriculum. Anche se mancano le esperienze lavorative, infatti, è possibile concentrarsi sul candidato e sulle sue migliori virtù, utilizzando lo spazio a disposizione per farle emergere in modo naturale.

Il primo elemento che solitamente si compila, in un curriculum vitae che si rispetti, è la sezione relativa ai dati personali. Qui, oltre a fornire al datore di lavoro i tuoi dati anagrafici, devi riportare anche il tuo numero di telefono e il tuo indirizzo email. In molti casi viene richiesto anche l’indirizzo del proprio sito internet o del blog personale. Se non hai nessuna delle due cose, puoi inserire i tuoi contatti social, di modo da fornire ulteriori informazioni su te stesso e sul tuo stile di vita. Se non hai ancora creato un profilo su LinkedIn questo è il momento di farlo: si tratta, infatti, di un social network dedicato al mondo del lavoro nel quale puoi compilare un vero e proprio curriculum online ed entrare in contatto con ex compagni di corso, professionisti, recruiters e così via. Restando in tema “lavoro e social” potrebbe esserti utile leggere questo articolo “Come trovare lavoro con i social network”.

Il secondo elemento che dovrai considerare come delle vere e proprie esperienze lavorative sono gli stage e i tirocini formativi. Dedicare un certo numero di ore alla messa in pratica delle competenze teoriche apprese sui banchi è una consuetudine in molti corsi di studio universitari, ma anche negli Istituti scolastici, grazie ai progetti di Alternanza Scuola-Lavoro. Scegliere con cura l’azienda o l’organizzazione presso la quale svolgere il tirocinio è molto importante, anche e soprattutto per le prospettive future. Agli studenti consigliamo sempre di dedicarsi ad un’attività che li appassioni e che un domani potrebbe trasformarsi nella loro professione.

Ti facciamo un esempio. Stai studiando turismo? Sarebbe molto interessante fare esperienza in un’agenzia, una struttura ricettiva oppure presso un tour operator: in questo modo potrai menzionarla nel tuo curriculum e farla valere come un impiego vero e proprio Attenzione, non ti stiamo inducendo a pompare l’esperienza curriculare, facendola sembrare un lavoro a tutti gli effetti. Al contrario, ti invitiamo a farne menzione nella sezione dedicata alle esperienze lavorative, specificando che si tratta di un tirocinio o di uno stage previsto nel tuo percorso di studi. Ricorda di inserire le date di inizio e di fine attività, l’ente o l’attività presso cui hai lavorato, le competenze che hai appreso e le mansioni che hai svolto durante lo stage. Vuoi aggiungere un vero tocco di classe? Il tutor che segue le attività pratiche dello stage ha il compito di redigere una relazione sulle attività svolte e sulle competenze acquisite. Tale relazione deve essere consegnata all’Università o all’istituto Scolastico, una volta concluse le ore a disposizione dello studente. Dal canto tuo, però, puoi allegarne una copia al curriculum: per il datore di lavoro o i selezionatori intenti a leggerlo sarà come avere a disposizione delle vere e proprie referenze.

Il terzo elemento a cui prestare la giusta attenzione è la sezione relativa al percorso di studi. Questa parte deve contenere i riferimenti circa l’Istituto Scolastico che hai frequentato e la maturità che hai conseguito. Chiaramente se hai intrapreso un percorso universitario o accademico devi citarlo, specificare il corso di studi e le materie che lo hanno caratterizzato, eventuali progetti Erasmus e perché no, anche un cenno al tuo lavoro di tesi, soprattutto se è stato pubblicato dopo il conseguimento del titolo. A proposito, se il voto di laurea è stato particolarmente buono ti consigliamo di citarlo nel curriculum vitae. Inoltre devi distinguere tra il conseguimento della laurea triennale, della laurea magistrale o specialistica. In questa sezione vanno altresì inserite le informazioni relative a eventuali master di primo e secondo livello, specificandone i particolari.

Il quarto elemento su cui puntare, soprattutto se devi compilare un curriculum senza esperienza, sono le soft skills, ovvero le competenze trasversali che non vengono esplicitamente richieste dall’azienda, ma che sono sempre valutate con particolare attenzione dai recruiters. Le "hard skill” sono invece le competenze prettamente tecniche e professionali. Almalaurea ha redatto una ricerca sul tema, da cui è emersa l'estrema importanza che le soft skills assumono nella ricerca di un impiego, indipendetemente dal contesto lavorativo. Possono riguardare la propria sfera personale, l'ambito lavorativo o le relazioni interpersonali: flessibilità, capacità decisionale, leadership, rapidità nel risolvere i problemi, creatività, adattabilità, orientamento al risultato, capacità di pianificare ed organizzare, disponibilità a lavorare e collaborare con gli altri, precisione, intraprendenza, capacità comunicativa e così via. Ne abbiamo parlato in maniera approfondita nell'articolo "Soft Skills: cosa sono e come ti aiutano a trovare lavoro".

Inviare curriculum senza esperienza: scegli un formato efficace

Gli esperti del settore ritengono che il tuo curriculum abbia pochissimo tempo per impressionare il selezionatore, dunque per prima cosa le informazioni devono essere chiare e facilmente individuabili. Come puoi ottenere un buon risultato? Anche in questo caso abbiamo la soluzione: utilizza un formato preimpostato. Oggigiorno se ne trovano davvero tantissimi, sia sul web sia nei pacchetti software, come Windows Office. Il più utilizzato, al momento, è il formato europeo, ovvero il Curriculum Europass. Questo è il Curriculum Europass in Italiano che puoi scaricare gratuitamente su Moduli.it.

Il formato chiaramente comprende anche la sezione relativa le esperienze lavorative pregresse. Qualora tu non avessi alcuna esperienza da inserire, potresti tranquillamente eliminarla, concentrandoti sulle restanti parti.

Ricorda di inserire una foto, la data e la firma sul documento prima di consegnarlo ai tuoi papabili datori di lavoro. Oltre ai modelli da compilare, su Moduli.it puoi trovare anche degli articoli che ti supportano nella redazione di un buon curriculum. Tra questi ti segnaliamo “Come scrivere un curriculum vitae europeo”.

Dopo aver completato la stesura, concentrati sulla lettera di accompagnamento curriculum senza esperienza. Questa, infatti, introduce il tuo curriculum al selezionatore, offrendoti la possibilità di presentarti adeguatamente. Non hai mai redatto una lettera di presentazione e non hai idea di cosa scrivere? Prendi spunto da questo articolo “Lettera di presentazione: come scriverla”.

Curriculum senza esperienza: facsimile di esempio da scaricare

Prima di concludere la trattazione di questo argomento vogliamo fornirti un ultimo strumento, che siamo certi ti sarà utile. Abbiamo redatto un curriculum vitae senza esperienza, che puoi scaricare e utilizzare come esempio, per capire cosa devi inserire e cosa, invece, puoi tralasciare quando scrivi un curriculum e vuoi che sia efficace. Chiaramente il proprietario di questo curriculum è un soggetto inventato, come lo sono anche i riferimenti geografici delle strutture nelle quali ha lavorato o studiato. Come potrai notare tu stesso, scaricando il facsimile curriculum senza esperienza, abbiamo scelto il formato Europass e seguito alla lettera le indicazioni scritte in questo articolo: ci sono i contatti social, l’esperienza di stage, la sezione relativa alla formazione e infine la parte relativa alle competenze trasversali, dalle lingue ai corsi di sicurezza sul lavoro. Ora non possiamo che augurarti buona scrittura e buona fortuna.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata