Dichiarazione provvigione agenzia immobiliare: fac simile doc

Formati     © Moduli.it
DOC
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Modello con cui l'acquirente e il venditore, ai fini della detrazione agenzia immobiliare, dichiarano che per la compravendita di una certa unità immobiliare si sono avvalsi dell’attività di mediazione dell’Agenzia Immobiliare e che il corrispettivo pagato a titolo di provvigione per la mediazione fornita dalla stessa Agenzia è stato corrisposto mediante assegno bancario/bonifico bancario.

Detrazione agenzia immobiliare: quando spetta

Se per un'operazione di compravendita immobiliare ci si affida alla consulenza ed assistenza di una agenzia, in sede di dichiarazione dei redditi si ha diritto ad una detrazione fiscale.

L'importante è che:

  • l'immobile sia adibito ad abitazione principale (entro 1 anno dall’avvenuto acquisto);
  • l'agenzia sia regolarmente iscritta nella sezione del Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio;
  • l'operazione di compravendita si sia effettivamente conclusa (in presenza di un contratto preliminare è necessaria la registrazione del compromesso);
  • sia stata emessa in favore dell'acquirente una regolare fattura da parte dell'agenzia immobiliare;
  • la provvigione sia stata pagata mediante assegno o bonifico bancario.
La detrazione non spetta se le spese sono sostenute nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico.

A quanto ammonta la detrazione

La detrazione agenzia immobiliare è pari al 19% della provvigione corrisposta all'agenzia.

Tuttavia l'importo massimo preso come base di calcolo è di 1.000 euro. Questo significa che se è stata corrisposta una provvigione di 1.800 euro, al massimo si potrà portare in detrazione l'importo di 190 euro, ossia il 19% di 1.000 euro.

A chi spetta la detrazione spese agenzia immobiliare

Può fruire della detrazione fiscale unicamente l'acquirente dell'immobile e non anche il venditore, benché quest'ultimo abbia comunque corrisposto una provvigione all'agenzia.

Se Mario, Giulio e Vanessa sono comproprietari al 33,33% dello stesso immobile, la detrazione - calcolata nella misura del 19% e nel limite di 1.000 euro - va ripartita tra di essi in base alla quota di proprietà di ciascuno (1/3). 

In questo caso è sufficiente che la fattura sia intestata indifferentemente ad uno dei tre. Se è intestata, ad esempio, a Mario, affinché Giulio e Vanessa possano fruire della detrazione, è necessario che sulla fattura siano riportati anche i dati di questi ultimi (nome, cognome e codice fiscale).

Se invece la proprietà dell'immobile è unicamente di Mario, ma la fattura è cointestata a Giulio e allo stesso Mario, affinché quest'ultimo possa fruire della detrazione, deve specificare sulla fattura che il pagamento è stato sostenuto interamente da lui.

Se, infine, la fattura è intestata unicamente a Giulio mentre unico proprietario dell'immobile è Mario, quest'ultimo non potrà di fatto fruire della detrazione.

Documenti da conservare

Ai fini della detrazione agenzia immobiliare occorre conservare

  • fattura emessa dall'agenzia immobiliare;
  • copia del preliminare (registrato) o del rogito relativo alla compravendita dell’immobile;
  • autocertificazione abitazione principale o relativo certificato anagrafico di residenza.

Tags:  detrazioni fiscali acquisto casa

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità