Esempio lettera reclamo ospedale: modelli editabili

Formati
DOC   fac simile (a)
DOC   fac simile (b)
PDF interattivo   fac simile (c)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Fac simile con cui un cittadino può manifestare la sua insoddisfazione per i disservizi in tema di informazione, accoglienza, tutela e partecipazione riscontrati presso una struttura ospedaliera. La lettera di reclamo malasanità è disponibile nei formati WORD e PDF editabile.

Lettera di reclamo malasanità: quando scriverla

Se un cittadino riscontra ostacoli ed inefficienze che gli limitano o che gli impediscono di fruire al meglio dell'assistenza sanitaria di cui necessita (comportamento poco professionale di un medico o di un infermiere, interminabili liste d'attesa, sportelli chiusi, favoritismi a pazienti amici dei medici, ritardo nella diagnosi, ecc.), ha il diritto-dovere di effettuare una segnalazione alla struttura sanitaria.

Oltre al diretto interessato possono presentare osservazioni, reclami o denuncie contro atti o comportamenti che negano o limitano la fruibilità  delle prestazioni di assistenza sanitaria o sociale anche i parenti o gli affini e gli organismi di volontariato o di tutela dei diritti dei cittadini.

Se il reclamo riguarda eventi riferiti o riferibili ad una terza persona, occorre che il reclamante produca anche una delega completa del consenso dell’interessato al trattamento dei propri dati personali, corredata da copia di un valido documento di identità.

Esempio lettera reclamo ospedale: quali ambiti

La segnalazione o il reclamo può riguardare diversi ambiti:

  • sistema di prenotazione non idoneo
  • informazioni carenti o incomplete
  • carenze strutturali o di comfort
  • lunghi tempi di attesa per ottenere una prestazione
  • carenze nell’assistenza medica o infermieristica
  • comportamento scorretto del personale medico o del personale amministrativo
  • pagamento non dovuto o contestato
  • smarrimento radiografie o referti
  • diagnosi errata e contestata
  • mancato rispetto della privacy
  • alimentazione degente inadeguata
  • negato accesso alla documentazione
  • personale medico non reperibile
  • mancato intervento chirurgico a paziente già preparato per intervento e così via.

Per una maggiore efficacia dell’istruttoria, è necessario che il reclamo riporti la descrizione dell'episodio il più circostanziata possibile, ponendo chiaramente in evidenza la data e il luogo (reparto ospedaliero, unità operativa, servizio, sportello, ecc.) ove il fatto si è verificato, il personale coinvolto (medici, infermieri, segretari ...), cosa è successo esattamente e in quali circostanze, gli eventuali testimoni coinvolti, le richieste e/o i suggerimenti ecc.

Con la lettera è possibile chiedere all'azienda ospedaliera anche un rimborso delle spese sostenute o un risarcimento del danno subito.

Naturalmente il cittadino può anche esprimere un elogio, un ringraziamento per la qualità del servizio ricevuto dal punto di vista strettamente sanitario, dell'accoglienza, ecc.

Lettera reclamo sanità: come e quando inviarla

La lettera, in carta semplice, può essere indirizzata o consegnata

  • alla Direzione della struttura sanitaria o all'Ufficio Relazioni con il Pubblico;
  • alla Direzione della ASL di riferimento.

Se la consegna viene fatta a mano è importante farsi rilasciare una ricevuta di avvenuta presentazione con data, timbro e firma.

Se si opta per la spedizione meglio prediligere delle forme di consegna che consentano di provare l'invio e la ricezione della comunicazione, dunque raccomandata con avviso di ricevimento e PEC (Posta Elettronica Certificata).

Se si utilizza la PEC due raccomandazioni:

  1. poiché l'azienda ospedaliera potrebbe avere più di un indirizzo PEC, occorre individuare la casella che è stata appositamente riservata a comunicazioni di questo tipo. Ciò per evitare che la lettera possa finire in reparti non deputati alla gestione dei reclami e dunque cadere nel vuoto. A tal proposito si può spulciare il sito internet o chiamare il numero dell'Urp;
  2. poiché la casella PEC della direzione sanitaria o dell'URP potrebbe essere stata configurata in maniera tale da non accettare messaggi inoltrati da caselle di posta ordinaria, si raccomanda di utilizzare per la trasmissione una casella PEC. Del resto l'invio e la ricezione di un messaggio assumono un valore legale solo nel caso in cui sia il destinatario che il mittente siano dotati di una casella di Posta Elettronica certificata

Le segnalazioni vanno presentate nei modi sopra elencati entro 15 giorni da quello del disservizio causa del reclamo.

Al cittadino dovrà essere fornita una risposta da parte dell'azienda sanitaria entro 30 giorni dalla data del ricevimento del reclamo. I reclami costituiscono per le strutture sanitarie sollecitazioni, stimoli e opportunità per il miglioramento dei servizi.

Tags:  assistenza sanitaria

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità