Lettera disdetta contratto locazione da parte del conduttore

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
DOC   fac simile (b)
PDF interattivo   fac simile (c)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Fac simile con cui l'inquilino può comunicare al proprietario dell'appartamento la disdetta del contratto di locazione. In particolare questo modello va utilizzato quando c'è l'intenzione di risolvere il contratto prima della sua naturale scadenza (recesso anticipato).

Lettera disdetta affitto: i modelli a disposizione del conduttore

In questa scheda sono disponibili 3 distinte versioni della lettera. In particolare:

  • due fac simile di lettera disdetta affitto word, che può essere scaricata sul proprio computer, compilata e stampata;
  • un fac simile in formato "PDF editabile" per il quale il sistema provvede a generare, subito dopo la compilazione, un modulo disdetta affitto pdf.

Lettera disdetta affitto conduttore: quando può essere utilizzata

La lettera disdetta affitto inquilino non può essere utilizzata sempre e comunque. E' necessario, infatti, che:

  • il contratto preveda espressamente la possibilità per il conduttore di recedere in qualsiasi momento;

oppure

  • al di là di tale previsione, ricorrano "gravi motivi". 

Qualunque sia l'ipotesi, la lettera disdetta affitto va inviata al proprietario dell'immobile con un preavviso di almeno 6 mesi, a meno che non sia diversamente disposto dal contratto. Il motivo è semplicemente quello di porre il proprietario nelle condizioni di far fronte alla situazione inattesa e adoperarsi per cercare un nuovo inquilino.

La lettera disdetta contratto locazione da parte del conduttore può essere trasmessa con un preavviso di soli 3 mesi, nel caso in cui si tratti di un contratto di natura transitoria, generalmente utilizzato per l'affitto agli studenti universitari (durata 18 mesi).

Ecco la lettera disdetta locazione studenti universitari.

Quando ricorrono i gravi motivi per l'inquilino

Sono tali quei motivi che sono determinati da fattori estranei alla volontà dell'inquilino, che egli non avrebbe potuto minimamente prevedere e che oggi gli rendono particolarmente gravoso continuare ad abitare quell'immobile e, dunque, a mantenere il contratto d'affitto.

A titolo meramente esemplificativo elenchiamo alcuni gravi motivi che l'inquilino può indicare nella lettera disdetta affitto:

  • trasferimento del posto di lavoro in un luogo che rende pressoché impossibile il pendolarismo quotidiano;
  • perdita del posto di lavoro che impone il trasferimento presso un familiare o comunque in un appartamento più modesto;
  • venir meno delle condizioni di sicurezza, igiene e salubrità dei locali;
  • trasferimento in un'altra città per accudire un genitore gravemente malato;
  • necessità di disporre di un appartamento più spazioso dopo l'arrivo dei figli;
  • ecc.

Tali "gravi motivi" non solo devono sussistere, ma devo anche essere chiaramente esplicitati nella lettera. In caso contrario la comunicazione non assumerebbe alcuna efficacia.

Il proprietario, dal canto suo, può richiedere che l'inquilino produca delle prove in tal senso e qualora queste non lo convincano del tutto in merito alla "gravità" della situazione, può legittimamente opporsi alle richieste del proprio inquilino. 

Lettera disdetta affitto inquilino: come spedirla

La lettera disdetta affitto va trasmessa mediante raccomandata con avviso di ricevimento. In questo modo sarà facile per l'inquilino provare non solo l'invio della comunicazione, ma anche la data in cui il locatore l'ha ricevuta.

Sconsigliamo il classico messaggio di posta elettronica. Se proprio ci si vuole servire di questa modalità, è opportuno servirsi della posta elettronica certificata, l'unica che attribuisce valore legale alla disdetta al pari di una raccomandata. In questo caso, tuttavia, sia l'inquilino che il proprietario devono essere in possesso di una PEC.

E se si tratta di locazione commerciale?

Quanto scritto finora vale non solo per la locazione abitativa, ma anche per la locazione commerciale.

Anche in questo caso, infatti, il conduttore che vuole disdire anticipatamente il contratto, deve darne comunicazione con un preavviso di almeno 6 mesi rispetto al giorno in cui intende lasciare l'immobile.

Inoltre, come per la locazione abitativa, devono ricorrere "gravi motivi", legati a fattori esterni imprevisti e imprevedibili e comunque sopraggiunti alla costituzione del rapporto contrattuale. Chiaramente in questo caso avranno una natura diversa rispetto alla locazione abitativa; a titolo esemplificativo:

  • l'esercizio commerciale attraversa una forte crisi;
  • l'azienda in fase di espansione ha la necessità di ricercare locali più adatti alle nuove esigenze produttive;
  • ecc.

Ecco il modulo disdetta anticipata contratto locazione commerciale.

Cosa riportare sulla lettera disdetta affitto conduttore

E' estremamente importante indicare nella lettera disdetta affitto i dati essenziali del contratto (data di stipula, immobile, ecc.), la data da cui far partire il recesso ed eventualmente i "gravi motivi" che stanno alla base della decisione.

Importante anche riportare sulla stessa lettera un invito alla restituzione della caparra da parte del proprietario, previa sua verifica del buono stato dell'immobile. Ricordiamo che la caparra non può essere utilizzata per pagare l'affitto degli ultimi 6 mesi, ma serve solo come garanzia al proprietario nel caso in cui questi riscontrasse dei danni nell'appartamento.

Ulteriori approfondimenti sono disponibili nel post dedicato alla disdetta contratto affitto.

Tags:  locazione affitto

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità