In quali casi è possibile contestare una multa strisce blu

multa strisce blu, multa parcheggio a pagamento

Ti sei assentato per pochi minuti, il tempo necessario per acquistare un medicinale in farmacia, e al ritorno hai ritrovato la contravvenzione sul parabrezza. Apri il foglietto e leggi che ti è stata contestata la violazione dell'art. 157 del Codice della Strada, ossia il fatto di aver parcheggiato in una zona delimitata con le strisce blu senza l’esposizione del tagliando attestante il pagamento. Come dici, il tagliando tu l'hai regolarmente pagato? Oppure la macchinetta in quel momento non funzionava? Oppure le strisce erano talmente scolorite che non hai neppure notato che l'area fosse a pagamento? Allora non disperare perché ci sono ottime chance per vedersi annullata la multa strisce blu. In questo articolo vedremo nel dettaglio in quali casi specifici è possibile appellarsi al Prefetto o al Giudice di pace, ma soprattutto ti forniremo lo strumento con cui fare opposizione, ossia il fac simile ricorso multa strisce blu.

La multa strisce blu per ticket scaduto è valida?

Hai acquistato il ticket per una sosta fino alle ore 17.00 e lo hai esposto regolarmente sul cruscotto della tua auto. Tuttavia per un imprevisto la sosta si è prolungata oltre il termine riportato sul tagliando. Cerchi di accelerare il passo, ma quando sei in prossimità dell'auto noti subito il classico fogliettino posizionato sotto il tergicristalli. Dieci minuti di ritardo ti sono costati una multa! Ma in un caso del genere la contravvenzione va pagata o il cittadino può limitarsi a corrispondere all'Amministrazione una integrazione commisurata al maggior tempo di sosta? In altri termini la multa strisce blu per ticket scaduto è valida oppure no?

In un primo momento il Ministero dei Trasporti aveva chiarito che parcheggiare in un’area delimitata con le strisce blu oltre l'orario riportato sul ticket, non poteva considerarsi una violazione del Codice della Strada, con la conseguenza che un’eventuale multa era da considerarsi illegittima. La conseguenza era che il cittadino poteva opporsi al pagamento compilando e presentando al Prefetto o al Giudice di Pace questo fac simile di ricorso multa strisce blu oltre orario.

Successivamente è intervenuta una sentenza della Corte di Cassazione che ha definitivamente stabilito che la multa strisce blu per ticket scaduto è legittima. Dunque nessuna possibilità di ricorso per il trasgressore.

E' legittima la multa strisce blu elevata dall'ausialiario del traffico?

Devi saper che gli ausiliari del traffico hanno il potere di accertare le violazioni che riguardano proprio la sosta a pagamento nelle zone contrassegnate con le strisce blu e in quelle immediatamente limitrofe, funzionali all’entrata e all’uscita dei mezzi dai parcheggi a pagamento. Dunque contro la multa strisce blu elevata dagli ausiliari del traffico non c'è alcuna possibilità di presentare ricorso. O meglio si potrebbe presentare ricorso solo nel caso in cui si riscontassero delle irregolarità nella delibera comunale di nomina degli ausiliari o nella convenzione con cui il Comune affida la gestione dell'area alla ditta privata.

Diversamente se la tua auto non era in sosta a pagamento e hai ricevuto comunque una multa da un ausiliare del traffico, ci sono ottime possibilità che la multa possa essere annullata dal Giudice di Pace. 

Il verbale ad esempio è da considerarsi nullo se l'ausiliare del traffico ha sanzionato la sosta del tuo veicolo nell'area adiacente a quella a pagamento, senza che la sua presenza costituisse un ostacolo per le manovre di accesso e di uscita dal parcheggio. Analoga possibilità di ricorso sussiste se il tuo veicolo è stato multato da un ausiliare perchè sostava sul marciapiede antistante al parcheggio a pagamento.

Per sapere in quali altri casi è possibile far ricorso e quale modulo utilizzare, ti consigliamo di leggere dell'articolo "Ricorso multa ausiliari del traffico: quando e come farlo". 

Si può ricorrere se mancano parcheggi gratuiti nelle vicinanze?

In proposito devi sapere che l’art. 7, comma 8 del codice della strada stabilisce che “qualora il comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta, su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia, o senza dispositivi di controllo di durata della sosta”.

Il concetto è stato ribadito anche da una sentenza della Corte di Cassazione, secondo cui è la multa strisce blu è da considerarsi illegittima se nella zona non sono presenti spazi di parcheggio con le righe bianche, e dunque a sosta gratuita o a disco orario. In questo caso si consiglia di allegare al ricorso una mappa e delle foto della zona che evidenzino con chiarezza le aree di sosta a pagamento e quelle libere (con strisce bianche). 

Attenzione: il ricorso non è ammissibile se pur in assenza di aree di sosta gratuita o a disco orario, il parcheggio a pagamento è localizzato all’interno di zone a traffico limitato, aree pedonali e o di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente individuate e delimitate dall’Amministrazione nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico.

La multa mancata esposizione ticket parcheggio è contestabile?

In realtà il ticket tu l'hai regolarmente pagato, ma probabilmente per la fretta lo hai esposto in maniera tale da non essere facilmente visibile al vigile o all'ausiliario del traffico. In questo caso la multa è da considerarsi legittima?

Devi sapere che la legge prevede l'obbligo di pagare ed esporre il tagliando, tuttavia non disciplina nulla riguardo alle modalità con cui lo stesso deve essere collocato sul cruscotto e reso visibile al controllore. Ne consegue che se ha pagato il biglietto, l'automobilista non può essere multato. In teoria, dunque, ci sono tutti gli estremi per un ricorso multa strisce blu. Già in teoria, perchè se l'automobilista non può essere multato per non aver pagato il parcheggio, il vigilante non può essere accusato di superficialità e distrazione per il fatto di non aver notato il tagliando posto sul cruscotto o sul sedile. Qual è la conseguenza? Semplice: le spese processuali saranno compensate e resteranno a carico del ricorrente, ossia del proprietario del mezzo. A tal proposito ricordiamo che il contributo unificato per cause del valore massimo di 1.100 euro è pari a 43 euro, dunque una cifra ben superiore al valore della multa.

Certo è che il ricorso sarebbe estremamente più agevole se il ticket della sosta su strisce blu riportasse anche la targa dell'auto parcheggiata. Infatti con le colonnine che rilasciano ricevute di pagamento con la sola indicazione di data e orario relativo alla sosta consentita, per il proprietario o conduttore del veicolo è difficile provare di aver adempiuto al pagamento, visto che il tagliando rilasciato è privo di quel requisito necessario a provare la fondatezza del ricorso, ossia l'indicazione della targa. 

Al contrario il tagliando con l'indicazione della targa consente di attestare la corrispondenza tra l’automobile parcheggiata e la sosta pagata. Con la conseguenza che il comando di polizia dovrebbe annullare la multa striscie blu in autotutela.

Parchimetro senza bancomat: si può ricorrere?

Non era tua intenzione sottrarti al pagamento, purtroppo quando ti sei avvicinato alla colonnina hai notato che il parchimetro accettava solo monete (che tu in portafoglio non avevi) e non consentiva il pagamento tramite carta di credito o bancomat. Visto che eri in ritardo per l'appuntamento con il dentista, hai deciso di sostare senza pagare il tagliando. Al ritorno trovi la multa sul parabrezza, che fare? Ci sono gli estremi per un ricorso al Giudice di Pace?

La risposta è si se riesci a dimostrare di non aver potuto assolvere al pagamento attraverso le monete. Approfondisci l'argomento leggendo l'articolo "Ricorso parchimetro senza bancomat: ecco quanto è possibile". 

Parchimetro non funzionante: come comportarsi?

Hai afferrato dal vano portaoggetti dell'auto tutte le monetine necessarie, ma quando ti sei avvicinato al parchimetro hai notato subito che non funzionava. Come comportarsi in questi casi?

La cosa che possiamo dirti è che in linea di principio il parchimetro non funzionante non esonera l'automobilista dal pagamento della sosta. Dunque se vuoi un nostro consiglio cerca una colonnina nelle vicinanze, oppure recati presso il punto vendita ticket più vicino o come ultima soluzione cerca il parcheggio in un'altra zona. Solo se anche le colonnine disposte nei paraggi fossero tutte fuori uso e i punti vendita chiusi, allora ci sarebbero le condizioni per un ricorso multa strisce blu. In questo caso ti consigliamo di fotografare i parchimetri non funzionanti e possibilmente raccogliere delle testimonianze.

Ricorso multa strisce blu: come procedere?

Qualora ricorra una delle ipotesi sopra descritte puoi proporre opposizione e chiedere la sospensione e l'annullamento del verbale di contravvenzione.

Questo il fac simile ricorso multa strisce blu da inoltrare al Prefetto oppure al Giudice di Pace. Ti ricordiamo di allegare al ricorso l'originale del verbale, dopo averne fatto una fotocopia per te, eventuali fotografie e testimonianze, copia del tagliando pagato per il parcheggio.

Il tempo massimo per fare ricorso è di 30 giorni dalla data della notifica del verbale se proposto davanti al Giudice di pace e di 60 giorni se proposto davanti al Prefetto.

Il ricorso davanti al Prefetto può essere spedito o consegnato anche al Comando dell’organo accertatore che ti ha inviato il verbale, mentre quello davanti al Giudice di pace devi presentarlo di persona o a mezzo di procuratore alla cancelleria dell'ufficio omonimo.

Nei confronti dell’ordinanza con la quale il Prefetto rigetta il ricorso e ordina il pagamento del doppio della sanzione puoi proporre un ulteriore ricorso davanti al Giudice di Pace entro 30 giorni dalla notifica della stessa ordinanza. Nei confronti delle decisioni del Giudice di Pace è possibile proporre ricorso per Cassazione.

Ti ricordiamo che se hai già pagato la multa non puoi proporre ricorso.

La multa strisce blu va pagata

Se non ci sono gli estremi per un ricorso ti consigliamo di pagare la contravvenzione entro i 5 giorni dalla notifica, in questo modo avrai l'opportunità di beneficiare di uno sconto del 30%. Visto che l'importo della multa è di 41 euro, con la riduzione pagheresti "soltanto" 28,70 euro. Da quando decorrono i 5 giorni? Certamente non dal momento in cui hai trovato il preavviso di multa sul parabrezza, ma dal giorno in cui il verbale ti è stato notificato a casa dal postino.

In conclusione ti ricordiamo che la multa strisce blu si prescrive in 5 anni. Cosa significa questo? Che se ignorassi il preavviso di contravvenzione trovato sotto il tergicristalli, dunque non effettuassi alcun pagamento, e non ricevessi nessun’altra notifica o cartella esattoriale nei successivi 5 anni, scatterebbero i termini di prescrizione e quella multa non sarebbe più valida.

Documenti correlati



50880 - Redazione
13/11/2017
Luca, la risposta è no per il semplice fatto che Sabato è considerato un giorno feriale o lavorativo.

50877 - Redazione
13/11/2017
Luca, purtroppo il Sabato è da includere tra i giorni lavorativi.

50874 - Luca
13/11/2017
E' possibile ricorrere contro una multa ricevuta di sabato sul lungotevere dei Tebaldi se la segnaletica verticale indica che il pagamento è dovuto nei giorni lavorativi dalle 8-23? Grazie

50868 - Luca
12/11/2017
Ho parcheggiato sul lungotevere di sabato. Ho controllato la segnaletica verticale e notato che in quella zona la sosta a pagamento era dovuta dalle 8-23 dei giorni lavorativi. Non riesco a capire come possa aver ricevuto una multa il sabato mattina. Ho fotografato il segnale come prova. Credete che si possa ricorrere al giudice di pace. Grazie

50587 - Redazione
12/10/2017
Michela, prima ancora di avviare un ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace, si rechi al comando che le ha elevato la multa e provi a capire il motivo per cui nonostante lei abbia acquistato l'abbonamento si sia ritrovato con una multa. In considerazione delle risposte che riceverà, potrà meglio calibrare l'eventuale ricorso.

50581 - michela
12/10/2017
Buongiorno, ho acquistatp.l'abbonamento mensile per sosta sulle strisce blu tramite my Cicero ed oggi mi hanno fatto la multa!! Come faccio a contestarla??

50404 - Maria
26/09/2017
Salve, ho parcheggiato in viale delle Milizie, strisce blu e pagato con l'app MyCicero dalle ore 16:48 alle 17:10. Dopo un mese, arriva la multa (ma non c'era nulla sul parabrezza (!), per non aver esposto alcun titolo di pagamento. L'orario della multa è 16:46 (due minuti prima..). Vorrei fare ricorso al Prefetto. Me lo consigliate? Grazie

50214 - Giovanni
07/09/2017
Sosta in strisce blu. pago per un'ora ma perdo tempo e riprendo la macchina 40 minuti oltre la scadenza, Ovviamente trovo la multa di 25,00 euro per sosta oltre il tempo consentito. Posso proporre ricorso per pagare solo la differenza? Ma la differenza da pagare chi la stabilisce? Secondo il vostro pre-stampato dovrei richiedere l'annullamento dell'atto.

50167 - Redazione
04/09/2017
Ferdinando, la legge non specifica in quale punto dell'auto deve essere posizionato il "grattino", ma dice semplicemente che esso deve essere ben visibile ad un controllo del vigile. Pensi che nel 2016 la Corte di Cassazione (sentenza n. 8282) ha accolto un ricorso di un'automobilista che aveva lasciato il tagliando addirittura sul sedile. Ciò detto, anche in considerazione delle esperienze di altri nostri utenti, non ci sentiamo di dirle che il suo ricorso verrà senz'altro accolto.

50147 - Ferdinando
01/09/2017
Roma zona Cipro. Questa mattina ho parcheggiato la macchina sul parcheggio a strisce blu alle ore 8, facendo un biglietto che copriva dalla fascia oraria 8-10 e posizionandolo visibilmente sulla parte posteriore dell'auto parcheggiata a lisca di pesce. L'ausiliario che è passato alle 9.30 mi ha multato con la causale, sostava senza esporre il titolo di pagamento. Avendo conservato lo scontrino, che probabilità ho di farmi annullare la multa? Grazie